domenica 16 luglio 2017

Milan, Fassone, Mirabelli, Bonucci capitano e...: è la rivoluzione di Mister Li

Dirigenza, tifosi e squadra: la nuova proprietà ha operato scelte spesso controcorrente per segnare il distacco col passato
"La rivoluzione non è un pranzo di gala; non è un'opera letteraria, un disegno o un ricamo; non la si può fare con altrettanta eleganza, tranquillità e delicatezza o con altrettanta dolcezza, gentilezza, cortesia, riguardo e magnanimità. La rivoluzione è un'insurrezione...". Per dare la sua impronta al Milan, Yonghong Li deve essersi ispirato anche al connazionale Mao Tse-Tung. E non si è proprio risparmiato. In tre mesi ha completamente "ribaltato" il club rossonero dopo 30 anni di ingessata gestione berlusconiana. Dirigenza, tifosi e squadra: scelte spesso controcorrente per segnare nettamente il distacco col passato. E l'inizio dell'era cinese. Contnua a leggere……