martedì 22 agosto 2017

Una pessima abitudine (All'attenzione degli Assessori: Giovanni Barosini, Verde Urbano, Alessandro Rolando, Decoro pubblico e Paolo Borasio, Ambiente)

All'attenzione degli Assessori: Giovanni Barosini, Verde Urbano, Alessandro Rolando, Decoro pubblico e Paolo Borasio, Ambiente...

Occorre ricordare che le piante combattono lo smog da PM10, che in ogni stagione invernale affligge da sempre Alessandria, danno ossigeno, fanno ombra riducendo la temperatura, inoltre migliorano l’immagine e la vivibilità della città. La nostra purtroppo è una città autodipendente, dove vige una pessima abitudine, quando si abbattono le piante solitamente non vengono quasi mai sostituite, secondo taluni in Alessandria mancano 1000 alberi.

by, Pier Carlo Lava
Alessandria: L’ambiente e il verde sono un bene primario di tutti, nessuno escluso, pertanto non dovrebbero avere nessun colore politico, anche se purtroppo nel tempo i fatti ci hanno ampiamente dimostrato che fra i politici, il livello di attenzione e il grado di sensibilità in merito alla questione sono alquanto diversi.
Tempo fa sono state potate le piante in via Galimberti, nel tratto fra via Boves e via Monteverde e nel contempo si è provveduto ad abbattere anche quattro piante.
Sempre nel tratto in questione negli anni precedenti ne erano già state abbattute altre quattro senza mai essere sostituite, perciò ora in totale ne mancano otto.
Quando si decide di abbattere una pianta per giustificati motivi (ovviamente non per installare un cartellone pubblicitario) malattie che non consentono di recuperarla o quando la stessa costituisce un pericolo per la sicurezza dei cittadini, sarebbe il caso che in seguito si provvedesse ad impiantarne un’altra.
Purtroppo stando ai fatti, questa norma di rispetto nei confronti del verde urbano e dei cittadini non sempre viene presa in considerazione, continuando di questo passo in via Galimberti, ma non solo, quante piante rimarranno?

Secondo taluni in Alessandria mancano 1000 alberi, in tal senso sorge una domanda, sarà l'attuale l'Amministrazione della svolta?


Nessun commento:

Posta un commento