giovedì 3 agosto 2017

Tu danzi, Giuseppe Pippo Guaragna


Tu danzi
Al suono d'una musica lontana
tu danzi, e ti girano attorno i venti
che han reso tersi i cieli,
e il tuo sguardo si perde
in quell'infinitá d'indaco e azzurro
a cui tendi le mani chiuse a coppa,
quasi a volerne bere,
l'anima dissetare.
Hai negli occhi lo sguardo d'una bimba
che ancora non ha perso l'innocenza,
raccogli margherite,
insegui gli aquiloni,
nascondi in fondo all'anima la pena
di quel dolore a cui non sai dar nome,
e ti fingi serena,
e continui a danzare.

Primo agosto 2017