venerdì 4 agosto 2017

Infermiera somministra morfina a un neonato: “E’ rognoso, così sta tranquillo”. È stata arrestata

È accaduto a Verona lo scorso marzo. La donna ha agito in assenza di prescrizione medica e senza necessità terapeutiche. Il piccolo ora si è ripreso
La Polizia di Verona ha arrestato un’infermiera di 43 anni, in servizio presso l’Asl, per aver somministrato della morfina ad un neonato, causandogli una overdose e provocandogli un arresto respiratorio. Secondo quanto è emerso dalle indagini la donna avrebbe dato la morfina al piccolo in assenza di una prescrizione medica e senza necessità terapeutiche e «per farlo stare tranquillo». L’infermiera è stata arrestata in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Livia Magri su richiesta del pm Elvira Vitulli.
I fatti 
L’episodio sul quale hanno indagato gli agenti dopo la segnalazione dell’Asl risale alla notte tra il 19 e il 20 marzo scorso. Prima dell’overdose, il bimbo stava bene, non assumeva alcun farmaco ed era stata programmata la sua dimissione per il giorno successivo. Dopo la mezzanotte il neonato inspiegabilmente aveva subito ripetute crisi respiratorie, tali da rendere necessario il suo trasferimento in una stanza di cura intensiva per praticare le manovre di rianimazione. Continua a leggere…..