martedì 18 luglio 2017

Le balle di paglia nei campi antistanti il Centro Commerciale Panorama

Le balle di paglia nei campi antistanti Panorama
Alessandria: Agricoltori al lavori nei campi antistanti il Centro Commerciale Panorama, dopo la mietitura del grano si fanno le balle di paglia, in questo caso di grande formato i balloni... ecco cosa abbiamo trovato in merito alla paglia su https://it.wikipedia.org

L'uso della paglia risale a tempi antichi, dalla costruzione di corde all'imbottitura dei materassi (pagliacci o pagliericci) come alternativa alla lana.
In allevamento viene ancora utilizzata come elemento integrativo del foraggio nell'allevamento dei ruminanti e delle capre, e, soprattutto, come lettiera sul pavimento nelle stalle: mischiata alle deiezioni forma il letame.
Può rientrare nel cumulo di compostaggio dei rifiuti organici, alzando il rapporto carbonio/azoto quando troppo basso.
Alcune industrie la utilizzano per ricavarne la carta di cellulosa, mentre, dopo un procedimento a base di zolfo, la paglia schiarita viene intrecciata ed utilizzata per la fabbricazione di cappelli e borse.
Nell'arredamento è utilizzata soprattutto per l'impagliatura delle sedie.
Nella selleria costituiva l'imbottitura di selle e collari per cavalli.
La paglia di riso, fino all'avvento della plastica, era utilizzata per la fabbricazione delle cannucce.
Viene usata, legata ed intrecciata, per le decorazioni, soprattutto natalizie, in Austria e Alto Adige.
Altrettanto rapidamente sta crescendo l'interesse sull'uso della paglia come fonte di energia alternativa.


In molti Paesi (soprattutto nordeuropei e tropicali) è il materiale di copertura più diffuso per i tetti delle case, contribuendo a tipizzare il paesaggio locale.
Anticamente veniva utilizzata mescolata con argilla o terra per la fabbricazione di mattoni di paglia; cadde in disuso all'inizio del XIV secolo probabilmente per la paura di incendi e la diffusione dei laterizi.
Si sta attualmente assistendo a un revival della paglia come materiale da costruzione, soprattutto in Francia, grazie alle sue caratteristiche intrinseche:
elevato potere termoisolante (tre volte quello richiesto per le abitazioni in materiali convenzionali): lambda = 0,045 http://www.fasba.de/images/stories/fasba/downloads/Pb-lambda1.pdf
elevato potere fonoassorbente
risorsa rinnovabile, quindi eco-compatibile e interamente biodegradabile
elevata traspirabilità
elevata resistenza al fuoco (Prove sui materiali per ingegneria civile eseguite dal Politecnico di Braunschweig, DE http://www.fasba.de/images/stories/fasba/downloads/f-90-report.pdf)
lunga durata
autoportanza
ottima resistenza antisismica

semplicità costruttiva