sabato 8 luglio 2017

LA VUZ ANT ‘L PUS, Gianni Regalzi

LA VUZ ANT ‘L PUS, Gianni Regalzi

J’hò turna vist cul’òmbra ant la me curt, 
ormai disabitaja da tònc ani. 
L’è ‘ncura lé, tacaja a la miraja 
ch’la uarda vèrs al pus ant u giarden. 
L’avghiva zà ‘na vota, tònt temp fà 
qònd ch’a giugava co’l balòn e co’l biji. 
L’avghuiva ammachi mé, j’ater j’arijvu, 
im divu ch’l’era frütt d’la fantazia. 
Me anvece j’era sicür ad cul ch’a diva, 
sensa però capì u significato. 
Del voti um smiava fina 
ch’l’aurijsa dim cuc-cosa 
e me a stava lé còn atensiòn, 
ma ‘nveci del paroli 
a sentiva ‘ndrenta ‘l còr frigg e emusiòn. 
D’anlura u j’è pasà pü ‘d sinqònt’ani 
e lé’ l’è semper lé ch’la uarda ‘l pus. 
Adès el pus l’è seuc, u j’è pü l’acqua, 
però s’ai vagh auzen còn atensiòn 
um smea ‘d senti l’eco d’ina vuz ch’la crea “Aiuto”. 

Lisòndria, 24 Dicember 2007 
Gianni Regalzi 
(Foto di Roby Novello da "L'obiettivo è l'Anima"
Poesie di Ginni Regalzi e Foto d'Arte di Roby Novello) 
(Diritti Riservati)
(La foto è una rielaborazione da uno scatto
fatto nel giardino di Casa Regalzi in ALESSANDRIA)

Traduzione 

LA VOCE NEL POZZO 

Ho nuovamente visto quell’ombra nel mio cortile, 
ormai disabitato da tanti anni. 
È ancora lì, contro quel muro 
che guarda verso il pozzo nel giardino. 

La vedevo già una volta, tanto tempo fa 
quando giocavo con il pallone e le biglie. 
La vedevo soltanto io, gli altri ridevano, 
dicevano che era il frutto della mia fantasia. 
Io ero certo di ciò che dicevo, 
senza però comprenderne il significato. 
A volte sembrava persino 
volesse dirmi qualche cosa 
ed io ascoltavo con attenzione, 
ma non sentivo altro che freddo ed emozione. 
D’allora sono trascorsi più di cinquant’anni 
e quell’ombra è sempre lì che guarda il pozzo. 
Il pozzo ormai è secco, non c’è più acqua, 
ma se mi avvicino con attenzione 

mi sembra di sentire l’eco di una voce che grida “Aiuto”.