mercoledì 19 luglio 2017

LA SIGALA ‘N PARADIZ, Gianni Regalzi


LA SIGALA ‘N PARADIZ
U stava nòcc e dì setà ‘n s’la porta
còn la sigala ‘n buca semper smorta
la barba l’era biònca cme faren-na
e alziva an ti sò ògg ina gròn pen-na.
S’l’avghiva cucadёn cu s’auzinava,
al fava finta ‘d niente e us girava,
ma se a pasava mé, ancura am viz,
um regalava semp in bèll suriz.
D’allura u j’è pasà tònt ad cul temp,
ma um smea ch’ ui sea ammac pasà ‘n mument.
Chissa che fen ch’l’à facc cul car vègёt
cu stava semp setà ‘n su sò scagnёt
d’istà, d’invèr, davanti a cula porta
con la sigala ‘n buca semper smorta?
J’è di mument che propi tònt um mònca
l’è quònd ch’a vigh an ciel ‘na niula biònca
e a pens ch’la sea la füm d’la sò sigala
che forsa ‘n Paradiš u l’à ‘nviscaja.
Lisòndria, 11 Mars 2006
Gianni Regalzi
(El fiò del Bosc e l’anvud du Smoj)
(da “Poesie d'Amore”dir.ris.)
Foto di G.Regalzi – p. Genova (AL)
Traduzione dell'Autore.
La tradizione in lingua non segue
né la metrica, tutti endecasillabi piani e tronchi
nell'originale in dialetto, né le rima
privando il testo dell'Armonia
Propria del dialetto.
IL SIGARO (Toscano) IN PARADISO
Stava notte e giorno seduto davanti alla porta
Con il sigaro (toscani) in bocca sempre spenta

La barba era bianca come farina
E leggevo nei suoi occhi una gran pena.
Se vedeva qualcuno che si avvicinava
Incurante si voltava dall’altra parte,
ma se passavo io, ancora mi ricordo,
mi regalava sempre un bel sorriso.
D’allora è trascorso tanto tempo,
ma sembra sia passato solo un momento.
Chissà che fina ha fatto quel caro vecchietto
che stava sempre seduto sul suo sgabello
d’estate, d’inverno, davanti quella porta
con la sigala in bocca sempre spenta?
Ci sono dei momenti che mi manca tanto
è quando vedo in cielo una nuvola bianca
e penso che sia il fumo della sua “SIGALA”
che forse in Paradiso, l’ha accesa.

Gianni Regalzi