sabato 22 luglio 2017

Berlino contro la Turchia. "Stop ad aziende e turisti"

Dopo le accuse di gulenismo a 68 imprese tedesche. Ora la Cancelliera fa la voce grossa con Erdogan
Berlino - Come in una partita a poker, la Germania ha ascoltato le dichiarazioni della Turchia e poi ha rilanciato.Mercoledì si era diffusa la notizia della consegna da parte di Ankara a Berlino di una lista di 68 aziende tedesche incluse Daimler e Basf considerate fiancheggiatrici del gulenismo. E cioè di quel movimento fondato dal predicatore turco Fethullah Gülen, arcinemico del presidente Erdogan e considerato il burattinaio del tentato golpe di un anno fa. Nelle stesse ore le autorità turche convalidavano l'arresto di Peter Steudtner, attivista tedesco per i diritti umani, sospettato dalla polizia di connivenza coi terroristi. Ventiquattro ore dopo è giunta la duplice risposta di Berlino.Interrotte le vacanze per gestire l'ultima crisi con Ankara, il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel ha messo in guardia i suoi concittadini dal viaggiare in Turchia, un paese dove il rischio «di un arresto arbitrario» pende ormai sulla testa di chiunque, stranieri compresi.
Ricordando che sono ormai 22 i tedeschi in carcere nel paese mediorientale, Gabriel ha spiegato che Steudtner «non è un esperto di Turchia, non ha mai scritto di Turchia, non ha contatti con l'establishment politico né risulta che lo abbia criticato; eppure è stato arrestato nel corso di un blitz dei reparti speciali della polizia». Da cui l'appello a chiunque si debba recare in Turchia «anche solo per brevi soggiorni» a registrarsi presso i consolati e l'ambasciata nelle liste dei tedeschi all'estero. Un invito, in altre parole, a rinunciare ai viaggi di piacere verso la Sublime Porta. In un paese con oltre tre milioni di cittadini turchi o di origine turca, le parole di Gabriel non lasciano indifferenti. Ecco perché davanti ai media il ministro ha premesso di aver concordato ogni propria parola sia con la cancelleria Angela Merkel e con il suo sfidante socialdemocratico Martin Schulz. Gabriel è quindi passato a ringraziare «i nostri cittadini» di ascendenza turca per il loro contributo passato e presente «allo sviluppo e alla prosperità del nostro Paese». Continua a leggere……