venerdì 2 giugno 2017

La rievocazione storica della Battaglia di Marengo

La rievocazione storica della Battaglia di Marengo
10-11 GIUGNO 2017
MARENGO MUSEUM – SPINETTA MARENGO (ALESSANDRIA)
La conferenza stampa di questa mattina, nella Sala Giunta di Palazzo Comunale, è stata dedicata a presentare i dettagli del programma attraverso il quale si articolerà la rievocazione storica della Battaglia di Marengo, in calendario il 10-11 giugno prossimi nella sede del Marengo Museum a Spinetta Marengo (Alessandria). 
Presenti alla conferenza l’Assessore comunale ai Beni e Politiche culturali di Alessandria e i rappresentanti di alcuni soggetti coinvolti nell’edizione 2017 della storica rievocazione, ossia l’Associazione Amici del Museo etnografico della Gambarina e l’ASM Costruire Insieme.
La rievocazione storica della Battaglia di Marengo (nel suo 217° anniversario) viene organizzata — insieme all’Amministrazione Comunale di Alessandria — grazie al diretto coinvolgimento non solo dei Soggetti sopra citati, ma anche dell’Associazione 59° Demie Brigade d’Infanterie de Ligne di Marengo, la Federation Europèenne des Cités Napoléoniennes, la Napoleon Destination, la Cultural Route of the Council of Europe, Marengo Museum, Solvay Solexis nonché le Agenzie di viaggio alessandrine Mondo Tondo Viaggi e La Tartaruga Viaggi, la Proloco della Fraschetta e il Bar Marini di Alessandria.
Per l’Assessore comunale ai Beni e Politiche culturali di Alessandria «le rievocazioni del 10 e dell’11 giugno (che vedranno affluire più di 300 “rievocatori” da Francia, Austria, Belgio e Repubblica Ceka) costituiscono in realtà un vero e proprio nucleo tematico attorno al quale si dirama una serie di eventi e di iniziative di rilievo culturale costituenti una sorta di “riverbero” di forte attrattività turistica e storico-culturale in cui tutti possono trovare elementi di interesse. 
Va peraltro sottolineato come questa importante manifestazione si inserisca a pieno titolo nel progetto di valorizzazione di Marengo e di questa parte del territorio alessandrino che è stata oggetto sia di un Protocollo d’Intesa tra Comune e Regione Piemonte, sia della recente approvazione del finanziamento governativo di 18 milioni di euro per la realizzazione del progetto denominato Marengo Hub».

Per quanto riguarda la specifica declinazione della rievocazione storica, questo è il programma dettagliato del 10 e 11 giugno presso il Marengo Museum (via G. Delavo/via Barbotta di Spinetta Marengo-Alessandria):


Sabato 10 giugno:
ore 15.00  Apertura Museo con visite guidate – Allestimento campi con 300 rievocatori
ore 19.30 Aperitivo (su prenotazione)
ore 21.00   Piccola Battaglia
ore 21.30  Concerto dell’Ensemble “I BricconCelli”

Domenica 11 giugno:
ore 10.00  Apertura Museo con visite guidate – Onore al Console e ai Caduti
ore 11.00  Inizio Rievocazione Storica Battaglia di Marengo, a cura dell’Associazione 59° Demi 
  Brigade d’infanterie de Ligne di Marengo
Anche i più piccoli potranno tuttavia immergersi nelle atmosfere napoleoniche e questo sarà possibile grazie al coinvolgimento dell’ASM Costruire Insieme che, domenica 11 giugno alle ore 16.00 (per bambini dai 5 ai 12 anni e con numero massimo di 50 bambini), proporrà il laboratorio dal titolo “Napoleone si nasconde!”. Si tratta di una caccia al tesoro alla ricerca di cinque immagini stampate su cartoncino che verranno nascoste in alcuni punti del Parco e della zona prospicente la Piramide.
Ciascun bambino farà squadra con i propri genitori e riceverà un indizio alla volta che lo porterà nel luogo giusto. Una volta arrivato dovrà scattare una foto a ciò che ha trovato e tornare dagli animatori per ricevere l'indizio successivo. Vincerà la squadra che per prima troverà i cinque oggetti. Come premio riceverà uno o più gadget presenti nel Marengo Museum.
Sarà infine offerta a tutti i partecipanti la merenda della Centrale del Latte di Alessandria e Asti.
Sempre a cura dell’ASM Costruire Insieme sono in programma delle visite guidate sia per il 10 che per l’11 giugno. In entrambe le giornate, gli addetti saranno a disposizione per accompagnare tutti gli utenti in una speciale visita guidata (numero massimo per gruppo: 30 persone; al momento ci sono già un centinaio di visite prenotate). Informazioni telefonando al numero 342 1200696.
Il complesso monumentale del Marengo Museum di Spinetta Marengo sarà inoltre teatro di tre importanti elementi: 
  • presso la Piramide verrà allestita l’esposizione di “Davide Pedersoli & C Produzione e vendita” che proporrà delle interessanti repliche di armi da caccia e da tiro. Riproponendo un percorso lungo più di centocinquanta anni, i modelli esposti rappresentano per i collezionisti, i tiratori e i cacciatori il più vasto panorama di riproduzioni di armi, corte e lunghe, militari e civili, che abbia caratterizzato il periodo storico collocabile tra il 1730 e il 1890 circa.  L’impiego di metalli dotati di elevate proprietà fisiche e meccaniche, la rigorosa selezione delle calciature, l’utilizzo delle tecnologie più avanzate e gli accurati controlli garantiscono alle armi Pedersoli un incontestabile standard di qualità. All’aspetto storico si unisce, pertanto, la precisione balistica, assicurata anche dai moderni sistemi di brocciatura delle canne dei modelli destinati al tiro e alla caccia. I record mondiali e le numerose medaglie conquistate nelle varie edizioni dei campionati di tiro, sia con armi ad avancarica sia con quelle a retrocarica, costituiscono la più concreta testimonianza della validità delle armi prodotte dalla Davide Pedersoli;
  • sempre presso la Piramide gli appassionati del genere potranno apprezzare l’esposizione delle ultime novità pubblicate da MiliStoria-Military History Book World, oltre a un vasto assortimento di pubblicazioni correlate al tema della Battaglia;
  • all’ultimo piano del Marengo Museum verrà invece presentata una avvincente collezione di soldatini napoleonici a cura dei F.lli Galli di Como, con la possibilità di apprezzare sia il plastico della Battaglia di Waterloo che quello della Battaglia di Marengo

A completamento di tutte queste “suggestioni napoleoniche, va segnalata la mostraDal mito alla satira. Stampe napoleoniche dalle collezioni della Fondazione CRAL di Alessandria” allestita al Museo Civico di Palazzo Cuttica (via Parma 1- Alessandria), dal 18 maggio al 30 luglio (con orari di apertura: sabato e domenica dalle ore 15.00 alle ore 19.00).

-----------------------------

Informazioni generali

È previsto un biglietto unico (al costo di 5 euro) che dà diritto all’ingresso sia al Campo della Battaglia, sia al Marengo Museum, sia al Museo Civico di Palazzo Cuttica ed è valido per entrambe le giornate del 10 e 11 giugno. Son in fase di definizione anche delle speciali convenzioni per usufruire di sconti nell’acquisto presso i negozi alessandrini che esporranno la locandina della Rievocazione storica della Battaglia di Marengo 2017 e ai quali rivolgersi presentando semplicemente il biglietto unico di cui sopra.
È stato inoltre previsto un servizio di n. 2 navette (gratuito) nei giorni di sabato 10 giugno, dalle ore 20.00 alle ore 23.00 e domenica 11 giugno dalle ore 9.00 alle ore 14.00 da Alessandria per il Marengo Museum e viceversa. Il percorso sarà: viale Milite Ignoto, piazza Garibaldi (lato corso Roma), Stazione, Marengo (largo ai Caduti della Battaglia di Marengo).
Le prenotazioni per l’aperitivo in programma sabato 10 giugno alle ore 19.30 (a cura del Bar Marini di Alessandria, con degustazioni di piatti tipici di Alessandria e con costo è di euro 10) si possono effettuare scrivendo a infomarini2010@gmail.com oppure telefonando a 349 7812640.

Schede informative

La mostraDal mito alla satira. Stampe napoleoniche dalle collezioni della Fondazione CRAL di Alessandria

Realizzata in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e con il sostegno della Regione Piemonte, è dedicata alla valorizzazione del territorio alessandrino attraverso una serie di stampe napoleoniche — circa settanta opere — che hanno come teatro Marengo ed i luoghi della Battaglia, ma non solo. Al racconto del “mito napoleonico” si aggiungono una serie di stampe satiriche che raccontano la storia di Napoleone da un altro punto di vista, trascinando il mito dell’uomo straordinario e del grande stratega in un uomo screditato e crudele, causa di guerre e morti. La Battaglia di Marengo divenne subito uno degli eventi più importanti della leggenda napoleonica ed ebbe un'influenza decisiva dal punto di vista militare e politico, cambiando l’assetto dei domini europei, riconfermando il predominio francese in Italia e consolidando definitivamente il ruolo di prestigio e di potere che stava assumendo in quegli anni, in Francia, il Primo Console Napoleone Bonaparte. Le stampe riguardanti la battaglia di Marengo e gli avvenimenti ad essa correlati sono immagini che narrano una storia “visiva” dello scontro fra le truppe, austriache e francesi, che si snoda come un racconto eroico e trionfale con Napoleone quasi sempre in primo piano sulla scena della Battaglia. Tutte queste incisioni riguardanti la Battaglia di Marengo raffigurano in maniera sapiente, con la tecnica dell’acquaforte o della litografia in bianco e nero, un Napoleone fiero e coraggioso, circondato dal suo Stato Maggiore e da generali altrettanto capaci e “generosi” nel sacrificio della propria vita nelle campagne di guerra. In ognuna di queste incisioni, inoltre, viene quasi sempre riportata la data dello scontro per fissare nel tempo il momento glorioso della battaglia vinta. La mostra prosegue con una serie di stampe satiriche che, in antitesi con le incisioni precedenti, mettono in discussione, in maniera fortemente ironica, tutto quello che Napoleone ha creato negli anni del suo potere assoluto: gli avvenimenti storici vengono sintetizzati attraverso raffigurazioni colorate, semplici ma molto incisive, che sottolineano l'avversione per questa figura storica così controversa. Le stampe satiriche sono in gran parte tedesche, alcune italiane e altre ancora inglesi mentre la maggior parte delle stampe napoleoniche riguardanti la battaglia di Marengo sono, ovviamente, francesi. Il prezioso materiale di entrambe le raccolte è stato acquisito dalla fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che, nel corso degli anni, ha creato un corpus di opere straordinarie su Marengo comprendente stampe, dipinti, acquarelli, libri e altri oggetti che rappresentano un piccolo tesoro del patrimonio culturale e territoriale alessandrino; tuttavia è con la recente acquisizione delle stampe satiriche, in gran parte inedite, che si è dato avvio ad un’importante ampliamento della raccolta napoleonica. 
In questo modo si ha una visione più completa, obiettiva e critica della figura di Napoleone Bonaparte raffigurato prima, nella parabola ascendente simboleggiata dalla battaglia di Marengo, come un mito irraggiungibile poi, durante la parabola discendente avvenuta in breve tempo, come un paradosso grottesco rinnegato da tutta Europa già in fase di “Restaurazione”.
La mostra permetterà di vivere attraverso queste rare incisioni un momento di storia piemontese locale, con uno sguardo rivolto all’Europa dell’epoca ottocentesca attraverso l’ironia di alcuni illustratori e caricaturisti che, con i loro disegni, fanno comprendere ai posteri lo “stato d’animo” di allora. (Per informazioni: www.cultural.it).

Il concerto dell’Ensemble “I BricconCelli” — in programma sabato 10 giugno alle ore 21.30 al Marengo Museum — avrà il seguente programma:

  • S. Nelson, Cello Song
  • J. S. Bach, Aria
  • J. Pachelbel, Celtic Canon
  • A. Vivaldi, Largo dall’inverno
  • G. Rossini, Ouverture dal Guillaume Tell
  • E. Grieg, dal Peer Gynt: Il mattino, Nell’antro del re della montagna
  • Villa Lobos, da Bachiana Brasileira n.1, Preludio
  • B. Bartok, Danze Rumene

L’Associazione Musicale “Vivaldi’s Cellos” nasce ad Alessandria nel 2013 per opera di un gruppo di amanti della cultura musicale con l’intento di incoraggiare e valorizzare la pratica strumentale collettiva del violoncello, dai primi anni di studio. Dal giugno 2015 si è trasformata in Associazione di promozione sociale ampliando le sue finalità : l’intento è quello di sviluppare la crescita e la formazione artistica in tutti i suoi aspetti musicali, artistici, letterari, scientifici nei vari strati della popolazione specialmente fra i giovani, sempre con particolare attenzione alle attività musicali legate al violoncello.
Per questo motivo, s’impegna a promuovere attività concertistiche affiancate da percorsi didattici attenti a sostenere e a motivare i giovani violoncellisti nel loro percorso artistico.
L’associazione ruota attorno all’originaria formazione “I BricconCelli” nata da un’idea di Giovanna Vivaldi, apprezzata musicista e didatta e dalla proficua esperienza dei corsi estivi da lei tenuti dal 2010 ad Alice Bel Colle e Tiglieto (GE). In qualità di Maestro Direttore, Giovanna Vivaldi cura le armonizzazioni, le elaborazioni e le trascrizioni del repertorio dell’orchestra e si occupa della direzione artistica dell’associazione. L’ensemble riunisce allievi del corso di Propedeutica Strumentale del Conservatorio Vivaldi, del corso principale di violoncello del Conservatorio Vivaldi di Alessandria, allievi dei corsi della Scuola Civica A. Rebora di Ovada e della Scuola di Musica "Gianfranco Bottino" di Acqui Terme. Nel 2014 ha ottenuto il 2° premio al Concorso Internazionale di musica Lorenzo Perosi per la sezione formazioni orchestrali.e nel 2017 il Terzo premio assoluto al “Concorso Internazionale di Musica Città di Stresa” nella sezione scuole.
L’ensemble “I BricconCelli” si è esibito con successo presso il Teatro Parvum di Alessandria, ospite della Rassegna “I volontari e l’arte” nel 2011, 2012, 2013, 2014, presso l’Accademia Perosi di Tortona, presso il Teatro Splendor di Ovada, il Teatro di Ricaldone, il Duomo di Tortona, a Ranco per “Ranco in musica”, a Palazzo Vitta di Casale Monferrato nella stagione musicale organizzata dall’associazione “Le Muse”, a Cellamonte per “Maggiociondolo 2014”, a Voltaggio per Voltaggio in musica, a Novi Ligure per “Avvento a Novi”, a Tortona presso Music Island. Ha partecipato inoltre a importanti eventi organizzati dal Conservatorio Vivaldi quali “Musica in rete“ e “Primi cameristi in concerto”, “Entriamo nella casa della musica”, al Concerto di Natale al teatro musicipale di Casale Monferrato e alla rassegna musicale Estate in Musica di Acqui Terme. Ha partecipato ad Alessandria alla Festa del pensiero, e recentemente all’inaugurazione di piazza Santa Maria di Castello e in occasione della festa di Borgo Rovereto.
L’Associazione ha inoltre organizzato per i Bricconcelli un tour di concerti nella provincia di Alessandria, grazie ai finanziamenti che la Fondazione SociAL ha stanziato. Iniziati con l’anteprima a Montecastello, i concerti hanno proseguito in realtà come Ovada, Gavi, Novi Ligure, Tortona, Casale Monferrato e Pecetto di Valenza, concludendosi ad Alessandria nella sede dell’Associazione Cultura e Sviluppo. Ospite speciale di tre concerti della stagione è stato il violoncellista di fama internazionale Giovanni Ricciardi, che colpito dalla particolare formazione, ha voluto invitare il gruppo nella manifestazione "101 violoncelli per Genova" dando loro l'opportunità di esibirsi anche come gruppo nei concerti di anteprima della serata finale di Capodanno.

“I BricconCelli”: Daniele Canepa, Aurora Carosella, Matilde Carosio, Anna Cavigliasso, Irene Cavigliasso, Virginia Dameri, Alessandro De Iturbe, Matilde Dotto, Sofia Ferrua, Amelie Gemme, Sara Luciani, Maria Manache, Giulio Marabotti, Nicholas Stellati, Marialinda Vignolo, Maria Vitale, Giovanna Vivaldi.

Giovanna Vivaldi è violoncellista, insegnante di violoncello e compositrice.
Si laurea in violoncello nel 2008 con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio “Vivaldi” di Alessandria e nel 2009 consegue la laurea di secondo livello col massimo dei voti e la lode con una tesi sull’opera integrale per violoncello e pianoforte di Felix Mendelssohn Bartholdy, nel bicentenario della nascita. Segue molte masterclass in Italia e all’estero e collabora con molte orchestre e in diverse formazioni cameristiche. In particolare, in duo con il pianoforte registra ed esegue brani in diretta per alcune trasmissioni radiofoniche di Radio Vaticana, e nel 2011 vince il primo premio assoluto al Concorso Internazionale di interpretazione musicale “Premio Franz Schubert” nella sezione di musica da camera.
E’ docente di violoncello nei corsi di Propedeutica strumentale e Scuola di musica per adulti presso il Conservatorio “Antonio Vivaldi” di Alessandria, della Scuola di Musica "Gianfranco Bottino" di Acqui Terme, della Civica Scuola di Musica Rebora di Ovada e dell’A. P. S. Vivaldi’s Cellos di Alessandria.
Da sempre appassionata al mondo della composizione, non ancora terminati gli studi di violoncello si iscrive nella classe di composizione del Maestro Antonio Galanti del Conservatorio “Vivaldi” di Alessandria. Nel 2016 consegue il compimento medio e nel 2014 riceve una menzione d'onore nella sezione Composizione del Concorso Internazionale di musica "Lorenzo Perosi" con il brano "A D G A" per violoncello e pianoforte.

È del 2015 il progetto “Elements”, nato dall’idea di trovare nuove sonorità attraverso il violoncello elettrico e l’elettronica, in particolare della loop station che dà la possibilità ad uno strumento monodico come il violoncello di sovrapporre più linee melodiche, dando l’illusione di essere davanti a più strumenti. Pubblicato l’EP con la casa discografica Top Records di Milano nel settembre 2016, è da poco uscito, della stessa casa discografica il singolo #cello, brano dove si incontrano violoncello acustico ed elettrico.