lunedì 12 giugno 2017

Gli autovelox fanno ricchi i Comuni che non investono in sicurezza: la conferma nella manovrina

Lʼobbligo da parte degli enti locali di versare metà degli incassi in multe in miglioramento delle strade, mai applicato, potrebbe sparire con il ritocco alla legge di Bilancio. La denuncia dellʼAci
C'è un settore che non conosce mai crisi ma che, anzi, si rivela molto florido: quello delle multe. Gli autovelox nel 2016 hanno portato nelle casse dei Comuni 1,7 miliardi di euro, con un incremento del 45,6% sugli incassi del 2015 e gli automobilisti del Lazio sono in testa nella classifica dei tartassati per violazioni del codice della strada (563 milioni di euro in sanzioni nel 2015 con +54,6% sul 2014). In pratica ognuno ha speso in media 28 euro per infrazione, secondo gli ultimi dati forniti dall'Aci e riportati da La Repubblica. Nulla di male nel nome della sicurezza delle strade, ma le strade, poi, con questo gettito, diventano davvero sicure? In Italia esiste una legge che impone agli enti locali di reinvestire il 50% delle multe incassate in sicurezza, ma manca il decreto attuativo, come denuncia l'Aci. E nella manovrina anche l'obbligo rimasto sulla carta potrebbe sparire. Continua a leggere….