domenica 7 gennaio 2018

I numeri dell’Alessandria dopo la rivoluzione d’inverno: la squadra tira di meno ma segna di più

Con mister Marcolini tante palle recuperate e sviluppo del gioco equilibrato

Che il deciso cambio di marcia dei grigi fosse dovuto al cambio in panchina di fine novembre non è una novità, che il confronto tra Cristian Stellini MicheleMarcolini fosse impietoso non è una sorpresa: ora i dati fanno comprendere al meglio la metamorfosi che ha permesso all’Alessandria di risalire. Si parte ovviamente dalla classifica: con l’ex «delfino» di Conte in 14 giornate di campionato erano stati raccolti solo 12 punti, gli stessi che l’attuale mister ha totalizzato in appena 5 sfide, con una media punti per 90 minuti passata da un misero 0.86 a un confortante 2.4. Nonostante la media gol subiti sia rimasta pressoché identica, con l’1.3 di Stellini addirittura migliore rispetto all’1.4 del successore, a fare la differenza è stata la ritrovata pericolosità offensiva.Con Marcolini, grigi a segno per ben 15 volte in 5 match, con una media di 3 gol a incontro, persino senza poter contare su Gonzalez in due occasioni. Quando la squadra era in mano al primo coach, si era fermata a una media di 0.93 per un totale di 13 marcature in 14 partite. Un miglioramento in fase d’attacco dovuto principalmente a una maggiore precisione sotto porta, con la media tiri complessiva che si è abbassata da 14.1 a 11.8 rispetto alla gestione Stellini, ma con una percentuale di conversione cresciuta radicalmente. Continua a leggere….