venerdì 17 novembre 2017

Una strategia comune per potenziare i collegamenti ferroviari tra Alessandria e Milano

Si è svolto il, 15 novembre, al Palazzo Comunale di Alessandria un importante incontro per affrontare l’annosa questione dei collegamenti ferroviari tra Alessandria e Milano e per condividere una comune strategia e un formale appello affinché questi collegamenti siano opportunamente potenziati rispetto alla attuale situazione.
All’incontro, promosso dal Sindaco della Città Gianfranco Cuttica di Revigliasco e dal Presidente della Provincia di Alessandria Gianfranco Baldi, sono stati invitati i rappresentanti di autorevoli Soggetti istituzionali locali e attraverso un confronto sinergico tra le realtà economiche, sociali e civili alessandrine, si è inteso giungere ad una comune posizione da manifestare come “punto fermo” nell’avvio delle necessarie interlocuzioni con Rete Ferroviaria, Regione Lombardia e Regione Piemonte.
I convenuti a questo primo momento di confronto sono stati i rappresentanti dei seguenti Enti:
  • Università del Piemonte Orientale
  • Camera di Commercio di Alessandria
  • Confindustria-Unione Industriale di Alessandria
  • Unione Provinciale Artigiani di Alessandria
  • Confartigianato di Alessandria
  • CNA Alessandria
  • ASCOM-Confcommercio di Alessandria
  • Confesercenti di Alessandria
  • ANCE di Alessandria
  • Segreteria provinciale CGIL
  • Segreteria provinciale CISL
  • Segreteria provinciale UIL
  • Fondazione SLALA
  • ALEXALA
L’incontro si è articolato con una prima parte dedicata all’analisi “oggettiva” della situazione dei collegamenti ferroviari, ponendo a confronto i dati riguardanti la linea Alessandria-Milano (rispetto a quella per Genova e per Torino) e considerandone le distanze chilometriche, i tempi medi di percorrenza, la frequenza e le peculiarità dei servizi ferroviari (orari dei primi servizi disponibili al mattino e degli ultimi alla sera, totale delle corse giornaliere, tempi minimi, “normali” e massimi di percorrenza…). A tali elementi si è aggiunto il richiamo ad alcuni dati socio-statistici sul pendolarismo ferroviario confrontando la realtà nazionale con quella provinciale e locale in merito alla linea Alessandria-Milano.

Successivamente si è svolto un approfondito dibattito tra i presenti con significativi interventi che, nell’apprezzare il clima collaborativo e la concretezza dell’obiettivo posto — un obiettivo certamente complesso, ma che risulta una reale necessità da perseguire per la valorizzazione complessiva di Alessandria e del suo territorio — ha visto i convenuti concordare le successive tappe del percorso inter-istituzionale che si intende seguire.
Esse sono sintetizzabili in tre passaggi iniziali:
  • proseguire nel confronto e nell’approfondimento del tema con un numero sempre più ampio di Soggetti istituzionali, pubblici e privati, che — in quanto stakeholders locali — intendano condividere il perseguimento del comune obiettivo della valorizzazione di Alessandria e del suo territorio (anche) attraverso il potenziamento dei collegamenti ferroviari diretti tra Alessandria e Milano;
  • dare mandato al Sindaco della Città di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, e al Presidente della Provincia di Alessandria, Gianfranco Baldi, di promuovere a breve termine un incontro pubblico di carattere allargato per definire — d’intesa con tutte le realtà economiche, sociali e civili della Città di Alessandria e del suo territorio di area vasta — l’elaborazione di una strategia comune finalizzata a richiedere formalmente il potenziamento dei collegamenti ferroviari diretti tra Alessandria e Milano;
  • dare parimenti mandato al Sindaco della Città di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, e al Presidente della Provincia di Alessandria, Gianfranco Baldi, di promuovere a breve termine, ogni forma di interlocuzione utile con Regione Piemonte, Regione Lombardia e Rete Ferroviaria spa al fine di concordare le azioni necessarie al tempestivo potenziamento dei collegamenti ferroviari diretti tra Alessandria e Milano, secondo le finalità sopra richiamate.









Nessun commento:

Posta un commento