martedì 31 ottobre 2017

Inganna il maiale. L’ultima trovata in fatto di bullismo 2.0., Pasquale De Falco

Un sadico “gioco” virtuale in cui le ragazze vengono umiliate dopo essere state sedotte
Si chiama “pull a pig” ed è solo l’ultima trovata in fatto di bullismo 2.0, il crudele gioco che prende di mira una ragazza “bruttina”, abbordandola, riempiendola di complimenti, per poi bullizzarla e umiliarla, in pubblico o in privato
Pull a pig. Inganna il maiale.
È solo l’ultima trovata in fatto di bullismo 2.0. Si sceglie con attenzione la vittima, che sia possibilmente la più bruttina del gruppo, quella col fisico meno perfetto. La si abborda, riempiendola di complimenti, facendola sentire desiderata, promettendole mari e monti, se non amore eterno, e una volta che la si è fatta cadere nella crudele trappola, la si umilia, la si bullizza, in pubblico o in privato, deridendola per il suo aspetto fisico, per la sua creduloneria, per il suo essersi fidata di qualcuno che con lei stava solo affilando le armi del suo sadismo.
E la dimensione “organizzata” del fenomeno, con una strategia studiata in partenza, con una vittima presa di mira ad hoc, con dei gruppi Facebook creati con l’apposito intento di bullizzare ignare vittime, rende tutto lo scenario ancora più raccapricciante.

Nessun commento:

Posta un commento