mercoledì 2 agosto 2017

U SÓ PRUFŰM , Gianni Regalzi


U SÓ PRUFŰM
(Dedicata a Mia moglie Marisa quando da fidanzati
andavamo a Bormida in bicicletta)
‘Na vota u noster mar a Burmia l’era
andavu ‘n bicicleuta a la maten,
con dói subric el pón e la barbera,
‘na lёsa ‘d burgunzóla e i salamen.
La strà l’era ‘ngeraija e ‘l gròn puvrón,
a m’allurdava ‘l braiji e la camiza,
ma con la me murusa an su stangón,
a stava propi ben; l’era Marisa.
Con l’aria cóuda, i sò cavì durà
im caresavu j’ògg e u só prufüm
in divu ch’j’era propi annamurà.
Quònt’acqua cu j’è pasà propi ‘n cul fiüm,
ades són ciospu, griz e an po’ ansansà,
ma le l’è ‘ncur con me, co’u só prufüm.
Lisòndria, 1 Mars 2007
Gianni Regalzi
(da “Poesie d'Amore” dir.ris.)
(Foto By Gianni Regalzi)
TRADUZIONE
(Purtroppo la traduzione in lingua
non segue la metrica propria
dell'originale Sonetto in dialetto alessandrino).

IL SUO PROFUMO
Una volta il nostro mare era a Bormida
andavo in bicicletta alla mattina,
con due frittatine il pane e la Barbera,
una fetta di gorgonzola e i salamini.
La strada era inghiaiata e il gran polverone,
mi sporcava i pantaloni e la camicia,
ma con la mia fidanzata seduta sulla canna della bicicletta

mi sentivo felice, era MARISA.
Con l’aria calda, i suoi capelli biondi
mi accarezzavano gli occhi e il loro profumo
confortavano in mio amore.
Quanta acqua è passata in quel fiume,
ora sono brontolone, canuto e un poco rimbambito,
ma Lei è ancora con me, con il suo Profumo.