giovedì 3 agosto 2017

L’Arabia Saudita si lancia nel turismo: resort da sogno su 50 isole nel Mar Rosso

Il progetto fa parte della Vision 2030, il piano di ristrutturazione economica lanciato dal principe Mohammed bin Salman per rendere l’Arabia meno dipendente dal petrolio
L’Arabia Saudita lancia il suo prima mega progetto di sviluppo turistico. Il Regno ha centinaia di chilometri di coste incontaminate sul Mar Rosso ma finora sono rimaste deserte. Il nuovo progetto prevede la costruzione di resort di lusso su 50 isole e altre località lungo la costa. Ai visitatori saranno concessi visti facilitati e potranno visitare anche siti archeologici nell’entroterra.
La Vision 2030 
Il progetto fa parte della Vision 2030, il piano di ristrutturazione economica lanciato dal principe ereditario Mohammed bin Salman per rendere l’Arabia meno dipendente dal petrolio. Il crollo del prezzo del barile da 100 a 50 dollari ha creato un deficit statale per centinaia di miliardi e metà dei 760 miliardi di dollari di riserve valutarie sono stati bruciati negli ultimi due anni.
 Regole più elastiche 
Il turismo, oltre a diversificare l’economia, servirà ad attirare valuta straniera e bilanciare il deficit. Nei resort, come già avviene negli altri Paesi del Golfo, le rigide norme morali del Regno saranno attenuate. In Arabia Saudita non si può bere alcol, neanche negli hotel, sono proibiti teatri, cinema e altri spettacoli pubblici, le donne, anche straniere, devono indossare abiti «modesti», sul modello dell’abaya, il lungo vestito nero che cela le forme femminili. Nei resort è probabile che queste restrizioni saranno abolite. Continua a leggere….