lunedì 7 agosto 2017

Juve, cosa va e cosa no: difesa pericolosa per Buffon, Cuadrado in palla

Col Tottenham retropassaggi "assassini" per Buffon, problemi a impostare, centrali in confusione. Dal finale col colombiano, Kean, Bernardeschi e il 4-4-2 i segnali migliori
Era l'ultima amichevole della Juve, che tra otto giorni si giocherà il primo trofeo ufficiale, la Supercoppa con la Lazio. A Londra, in casa Tottenham, è arrivata una sconfitta. Ma soprattutto una prestazione che lascia qualche interrogativo sui lavori in corso. Il finale e le solite attenuanti generiche (era pur sempre un'amichevole agostana) rendono forse meno preoccupante o rilevante il verdetto del campo. Però proviamo ad analizzare cosa va e cosa no. Partendo dalle note negative, oggettivamente più numerose.
NON VA: L'IMPOSTAZIONE — Le mancanze più evidenti, soprattutto nel primo tempo, quando gli Spurs correvano e pressavano, sono legate all'impostazione della manovra, o meglio l'uscita dalla difesa. La Juve ha sbagliato tantissimo, con errori marchiani in appoggio o in retropassaggio di Mandzukic, Pjanic, Alex Sandro. Buffon in due-tre occasioni ha evitato il peggio, altre volte Chiellini o De Sciglio hanno sparacchiato in avanti senza apparente costrutto. Troppo facile sarebbe appellarsi a Bonucci, però Allegri dovrà lavorare su questa fase, garantendo almeno qualche soluzione "in sicurezza". Continua a leggere….