giovedì 10 agosto 2017

Cittadella aperta al pubblico in palese violazione di legge

Alessandria (Piero Evaristo Giacobone) – Scusate se insisto ma mi chiamo Evaristo. Non c’è niente da fare, ad Alessandria siamo festaioli come a Rio. Ogni tanto ci inventiamo una bella festa che allestiamo alla bell’è meglio nella nostra cittadella, anche se non si potrebbe in quanto non ci sono gli standard di sicurezza richiesti ma anche perché non è roba nostra ma del Ministero dei Beni culturali. Eppure li dentro fanno di tutto e di più: feste, concerti, teatro, per cui si paga anche il biglietto… che qualcuno incassa (vedere sotto la foto del nostro Mario Chichi). Chi, il Comune? Ma quando mai! E allora chi? Non si sa. E quel qualcuno paga la Siae? La Siae? E cos’è la Siae? Vabbe’… lasciamo perdere.A parte queste considerazioni a latere, il problema è che il nostro monumento più importante dovrebbe essere chiuso in attesa di completo recupero possibilmente senza stravolgimenti, altro che pagare il biglietto per entrare perché fanno teatro o cantano. Stiamo scherzando? Contnua a leggere……