lunedì 10 luglio 2017

" NA VOCE DINT" O CORE ", Rosella Lubrano


POESIA SCRITTA DA ME IN ITALIANO E VOLTA IN
VERNACOLO DAL GRANDE VINCENZO PATIERNO
CHE RINGRAZIO DI CUORE !

" NA VOCE DINT" O CORE "
Mille culure, mille addore,
frastagliata comme nu cammeo 
assumigli, cu veste ‘e luce,
al tramonto ‘ntramente ‘o cielo ‘e russo.
‘Ncoppo chillo eterno movimento
gabbiani curiusi
ammareno tra l’onne,
cu crest’’e neve,
dinto ‘o smeraldo d’’a marea.
Unica, pittoresca into a ogne angolo
‘e vita, ‘e frenetico sussurro,
ogne vico tene ‘e parole soje
‘e gioie soje e culore suoj,
sempe continuamente vera,
sanguegna, ca nu se’ po’ scurdà
tra ‘e not’’e Pusillepo
‘e Margellina,
vasata a chillu sole
ca pazzea tra ‘e fessure
‘e l’uocchi mej.

Da ‘e funnale ancestrali
saglie nu canto ‘e sirena
ca ‘e museca pe’ chi vo’ bene
chella terra,
chella gente,
a chilli criatuti ca rireno
a ogne inchino ‘e Pulecenèlla.
Quanno ’a città s’addorme,
a notte fa’ scennere
ciocchi ’e suonni
atturcigliati ‘a paramiento ‘e stella.
Tutt’’attuorno addivenne Puesia,
dinto a na maggica attesa
‘e n’alba tutta ‘a vivere
c’’o core mano.