sabato 29 luglio 2017

Milan: parate, sicurezza e serenità. Così è ritornato Gigio

Dimenticati i giorni convulsi tra Under 21 e rinnovo del contratto, euro e polemiche sono alle spalle. L'intervento su Mitrita e la porta inviolata: ora lo attende San Siro
Novanta minuti più recupero e alla fine contano due decimi di secondo. È stato un flash, un pensiero inconscio: "Rieccolo". Il 27 luglio per Gigio Donnarumma è stato Capodanno: il primo giorno di una nuova fase della vita. Al minuto 22 di Csu-Milan, Mitrita gli è arrivato davanti e ha calciato. Era passato con il turbo in mezzo a un muro di maglie nere e per Gigio era distante solo pochi metri. L'ex attaccante del Pescara gli ha fatto un mezzo favore - ha preso la porta, ma non ha calciato benissimo - e Donnarumma ha messo il resto. Tuffo rapidissimo sulla destra, respinta, "oooh" di delusione dello stadio. Per le statistiche è una parata come un'altra, per le impressioni molto meno: Gigio è sembrato il numero 99, il ragazzo fenomenale della scorsa stagione, non il numero 1, il portiere pesante di testa e di fisico dell'Europeo Under 21. Devis Mangia, che contro un'altra Spagna ha perso un altro Europeo, ha confermato le impressioni: "Ho sempre pensato che un portiere giovane con così tanta qualità sia una risorsa per il calcio italiano. Donnarumma in quell'azione lo ha dimostrato: Mitrita ha calciato basso e lui è stato molto reattivo". Continua a leggere….