venerdì 21 luglio 2017

Me ne andrò, Aiello Giuseppe Captain



Me ne andrò
Me ne andrò al canto
Dell'isignolo.
Ascoltando il dolce
Canto d'amore Delle
Cicale.
Mentre ondeggia la
Nave di Caronte.
Quanti ricordi di un
Mondo del passato
Dove i miei ricordi
Giocano con il futuro.
Da lontano li sulla scala
Che incominciò a salire
Portandomi forse in
Paradiso.
Luogo della pace eterna
Amore ed fratellanza dei
Popoli odo una voce
Chiamarmi.
È la mia anima che mi
Grida torna indietro.
Purtroppo non posso
Il tempo è trascorso su
Questa terra.
Gli amori,le gioie,le necessità
Avute mancate sono solo un
Bellissimo ricordo.
Ora il mio corpo,la mia anima
Hanno solo bisogno di un
Meritato periodo di riposo.

Me ne andrò nel silenzio,dove
Nessun anima possa vedermi
Ed da lassù nel periodo Delle
Piogge riversero' sul mondo le
Mie lacrime d'orate.
Dove chi sarà felice ed mi ha
Amato riuscirà ad captare
La mia presenza.
Con me porterò il tuo cuore
Così ogni tanto negli arbori del
Paradiso quanto sarò triste Canterano
Assieme a me gli Angeli la tua
Canzone preferita.
In questa valle di lacrime versate
Vedrai nel tuo cuore sempre il
Sole riscaldare il tuo animo,il tuo
Corpo,ed i suoi raggi bussare alla
Finestra della tua stanza per poter
Ancora una volta accarezzarti il
Viso,ed riscaldare l'animo di cuor
Gentile il mio.
Me ne andrò,
Tesoro affacciati alla finestra mi
Vedrai volare da Te con le sembianze
Di un angelo.
Custode del nuovo futuro migliore
Scritta ed dedicata a te
Capitano AIELLo Giuseppe