martedì 25 luglio 2017

L’ATRA MATEN-NA A SON PASA’ AN V. VOLTURNO, Gianni Regalzi


L’ATRA MATEN-NA A SON PASA’ AN V. VOLTURNO
L’atra maten-na a sòn pasà an via Volturno
J’hò vist Enrico el panatè cu giugava co’l balòn:
U m’ha nent salütà..
La zia ad Gino Pane la parlava con sò surèla:
I m’hon nent salütà.
Lavinia la butiera, la stava bitinda
del casёti ‘d persu davanti u sò negosi:
U m’ha nent salütà.
Artemio u drughè, al puliva la vedren-na
con in fòj ad giurnal:
U m’ha nent salütà.
Pipu ‘l prichè u discutiva còn mé ziu:
I m’hon nent salütà.
A sòn entrà ant’la purtinёta au nümer 17*
e u j’era in fanciuten ch’al fava
in aquilone còn me Papà.
Ai sòn andacc auzen, ma me Papà
u m’ha nonc uardà.
El fanciuten l’era girà ‘d spali,
um smiava d’avejli za vist e,
apena ch’u s’è vutà dala me part
a j’hò subit capì:
J’era me, se j’era propi me……
Sinquònt’ani fà.
Gianni Regalzi
(El fiò del Bosch e l’anvud du Smoj)
* (Oggi n. 37)
L’ALTRA MATTINA SONO PASSATO IN VIA VOLTURNO
L’altra mattina sono passato in via Volturno
ho visto Enrico il panettiere che giocava a pallone:
Non mi ha salutato.
La zia di Gino Pane parlava con sua sorella:
Non mi hanno salutato.
Lavina la bottegaia stava mettendo

delle cassette di pesche davanti al suo negozio:
Non mi ha salutato.
Artemio il droghiere puliva la vetrina
con un foglio di giornale:
Non mi ha salutato.
Pippo il parrucchiere stava discutendo con mio zio:
Non mi hanno salutato.
Sono entrato nella porticina al numero 17
e c’era un ragazzino che faceva
un aquilone con mio papà.
Mi sono avvicinato, ma mio papà
non mi ha neanche guardato.
Il ragazzino era girato di spalle,
mi sembrava di averlo già visto e,
appena si è voltato dalla mia parte
ho subito capito:
ero io, si ero io………….
Cinquant’anni fa.
(Nella foto Casa Regalzi)