lunedì 24 luglio 2017

Il Milan scopre Cutrone, un altro fenomeno del '98

Due gol al Bayern, dopo quello a Lugano, per il 19enne comasco, una sola presenza in serie A: a cinque giorni dalla prima gara ufficiale, è il più in forma degli attaccanti rossoneri
Il primo gol della stagione, contro il Lugano, la prima doppietta, contro nientemeno che il Bayern Monaco: il precampionato di Patrick Cutrone sta andando ben oltre l'effimera gloria che tanti ragazzi ancora freschi di Primavera in questa fase dell'anno riescono a ritagliarsi con qualche marcatura multipla contro squadre di boscaioli. Il Milan è in Cina, i soldi cinesi sono sul mercato: serve un centravanti, anzi due, un Kalinic sempre più vicino e un pezzo da 90 (o quasi: di milioni ne potrebbero "bastare" 80) che sia Belotti o Aubameyang. Però intanto, allo stadio di Shenzen, Montella aveva André Silva e Bacca, ma ha preferito schierare Cutrone al centro dell'attacco: mossa che doveva servire a tenere gli altri ben riposati in vista del preliminare di Europa League, e che ha finito per aggiungere una carta da giocare a un mazzo già decisamente ricco. Perché Cutrone ha fatto due gol di pregevolissima fattura: il 2-0 con eccellente scelta di tempo nello stacco di testa, il tris con la capacità innata di farsi trovare al posto giusto, per poi finalizzare una splendida azione manovrata con una giocata semplice, poco appariscente ma efficacissima, il tiro di piatto di prima intenzione verso l'angolino basso. Continua a leggere…..