lunedì 31 luglio 2017

Come spararsi lo stipendio per un giorno al mare

(Da La Stampa) – Marina di Pietrasanta scalza quest’anno Venezia dal podio e si aggiudica il titolo di spiaggia più cara d’Italia: il dato emerge dalla classifica delle spiagge più costose ed esclusive d’Italia realizzata dal Codacons. Il primato di Marina di Pietrasanta, spiega l’associazione, arriva grazie al Twiga, esclusivo stabilimento balneare che ha introdotto i «Presidential Gazebo», strutture dotate di televisione e musica, il cui costo di noleggio giornaliero ad agosto è pari a 1.000 euro.
Al secondo posto si piazza l’Hotel Excelsior di Venezia, dove una capanna in zona centrale costa 410 euro al giorno. Terzo gradino del podio a Porto Cervo: per l’affitto giornaliero di un ombrellone e due lettini ad agosto si spendono 400 euro. Più distaccati Lerici (300 euro), Forte dei Marmi (fino a 290 euro), e l’Argentario (150 euro).

Ovviamente – spiega il Codacons – si tratta di stabilimenti balneari esclusivi, che offrono servizi di lusso ai propri clienti e una serie di benefit accessori come cassapanche, teli da mare personalizzati, cassaforte per conservare in spiaggia gioielli e oggetti preziosi, e in alcuni casi acqua e frutta inclusi nei costi del noleggio... continua su: https://infosannio.wordpress.com/2017/07/24/come-spararsi-lo-stipendio-per-un-giorno-al-mare/