lunedì 24 luglio 2017

Bracciano, il lago "ristretto" da cui affiorano le bombe

Livello mai così basso: spariscono i turisti ma compaiono spiagge infinite. Al posto dei pesci i reperti bellici del '45
Visto da lontano, dal Castello Odescalchi che domina Bracciano, il lago sembra un normale lago. Le barche a vela sembrano modellini dalla strada che dal paese scende verso la riva.E poi, appunto, ecco la spiaggia. Puntellata di grandi pietre coperte di alghe seccate dal sole. Il segno evidente che le acque si stanno ritirando. «E mica di poco. Sarà almeno metà del bagnasciuga che di solito è sott'acqua. Quelle rocce di norma non si vedono oppure affiorano appena», spiega Andrea, sistemando la sua canna da pesca. «Vengo qui da anni, ma il livello così basso io non l'avevo mai visto. E si pesca pure poco». I bagnanti invece non sembrano preoccupati, anche se la spiaggia tra Bracciano e Anguillara non è molto affollata in questo caldissimo sabato. Continua a leggere…….