mercoledì 19 luglio 2017

Bonus asili nido, via alle domande per un contributo da 1.000 euro

La quota è prevista anche per i genitori di bimbi affetti da patologie gravi che necessitano di assistenza a casa. C'è tempo fino alla fine dell'anno, ma in caso di richieste eccedenti i 144 milioni a disposizione farà fede la data di presentazione della richiesta. Nel primo giorno, 20mila domande
MILANO - E' arrivato il giorno per i genitori di bimbi e bimbe nati dal 1° gennaio 2016 per avanzare richiesta all'Inps per il bonus da 1.000 euro annui - senza limiti di reddito - che contribuisce a saldare le rette per gli asili nido oppure per l'assistenza domiciliare in caso di patologie gravi. E si è chiuso con quasi 20.000 domande, come ha reso noto l'Inps alle 17: "Risultano presentate complessivamente 19.788 domande, di cui 19.741 per il contributo per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati". Il budget totale assegnato è così pari a 10,6 milioni di euro, nel primo giorno.La domanda, spiga l'Inps che gestisce i 144 milioni stanziati per l'occasione, può essere presentata dal genitore di un minore nato o adottato dal 1° gennaio 2016 in possesso dei requisiti richiesti.Il bonus asilo nido viene erogato con cadenza mensile, quindi suddividendo l'importo massimo di 1.000 euro in 11 mensilità da massimi 90,91 euro. L'accredito viene fatto direttamente al beneficiario che ha sostenuto il pagamento, per ogni retta mensile pagata e documentata. In ogni caso, il bonus non potrà esser maggiore della retta. Bisogna poi fare attenzione perché il premio per l'asilo nido non è cumulabile con le detrazioni fiscali previste per la frequenza degli asili nido. Non è poi sovrapponibile al bonus infanzia (contributo asilo nido-baby sitting). Continua a leggere……