mercoledì 26 luglio 2017

Blitz di Macron sulla Libia


Blitz di Macron sulla Libia
Il blitz diplomatico di Emmanuel Macron disegna il futuro della Libia, riunendo a Parigi il presidente del Consiglio presidenziale di Tripoli Fayez al-Sarraj e il leader ribelle Khalifa Haftar. L’intesa si basa su tre punti: cessate il fuoco, impegno a fermare i flussi di migranti e garanzia sulle elezioni nella primavera del 2018.
L’intervento della diplomazia francese relega l’Italia a un ruolo secondario nel Paese nordafricano. E il retroscena che pubblichiamo oggi rivela un elemento ulteriore: l’Italia poteva avere l’inviato Onu in Libia ma ci ha rinunciato, causando stupore al Palazzo di Vetro. 

Le buone notizie per la Libia spiazzano l’Italia, tagliata fuori senza cerimonie dall’incontro malgrado l’impegno profuso negli ultimi dieci mesi”, commenta Stefano Stefanini.