mercoledì 19 luglio 2017

A PÓS PÜ SUPURTE’ CUI ROMPABALI, Gianni Regalzi


A PÓS PÜ SUPURTE’ CUI ROMPABALI
A pós pü supurtè cui rompabali
ch’as sètu auzem a me con ina scüza
e am chёntu ch’ i sòn rabatà dal scali
o ch’i sòn stacc lasà da la muruza.
La guèra, l’armistisio, i fiò di Frà,
el pon ch’al custa trop, l’acqua ‘nquinaja,
i sòn tücc argument za culaudà
ansèma l’esperiensa sut la naja.
Ormai ai cunos ben si perdapé,
ai vigh za da lunton quindi ch’am pòntu
e am ciamu: “Per piezì, um fa ‘nvishè”
e i cmensu a chüntèm tüt el sò bali,
ma vist che me ‘d prublema n’ho za tònc,
ai mond a cul paiz 'sti rompabali.
Lisòndria, 10 Agust 2006
Gianni Regalzi
Traduzione a senso dell’autore
purtroppo la traduzione in lingua
non segue la metrica perdendo la
musicalità propria della versione
originale in dialetto alessandrino.
NON POSSO Più SOPPORTARE QUEI ROMPISCATOLE
Non posso più sopportare quei rompiscatole
che si siedono vicino a me con una scusa
e mi raccontano che sono scivolati dalle scale

o che sono stati abbandonati dalla fidanzata.
La guerra, l’armistizio, i figli dei Frati,
il prezzo elevato del pane, l’acqua inquinata,
sono tutti argomenti collaudati
assieme all’esperienza del militare.
Ormi li individuo subito quei perditempo,
li noto da lontano quando mi puntano
e mi chiedono: “per favore mi fa accendere?”
e così iniziano a raccontarmi i loro problemi,
ma visto che di problemi ne ho già molti di personali,
li mando a quel paese questi rompiscatole.