lunedì 3 luglio 2017

A futura memoria... perchè non succeda come per il Comune di Alessandria...

Domenico Ravetti
In questi tre anni di legislatura il governo regionale a guida Pd, attraverso leggi, provvedimenti e misure frutto del lavoro della Giunta e del Consiglio regionale ha dimostrato come, attraverso idee e impegno, si può realizzare una buona politica al servizio dei cittadini.  Gli obiettivi raggiunti sono stati numerosi e tante sono ancora le azioni che ci siamo ripromessi di portare a termine entro la fine del mandato con lo scopo di garantire ai piemontesi servizi efficienti e di creare nuove opportunità di sviluppo e competitività per il territorio.
Tra i traguardi raggiunti si segnalano:
Sanità: è stato raggiunto l’obiettivo di uscita dal debito ed è stata riacquisita l’autonomia nella spesa per gli investimenti in tecnologie e edilizia sanitaria.
Ospedali più efficienti e sicuri grazie al riordino della rete ospedaliera e potenziamento della rete di assistenza territoriale
Lotta contro gli sprechi: nel mondo viene buttato il 35% di beni alimentari. In Piemonte è stata approvata una legge per recuperare e valorizzare i beni invenduti che prevede una redistribuzione delle eccedenze alimentari, dei beni agricoli non raccolti, ma anche di altri beni come i farmaci a breve scadenza. (l.r. 12/2015)
Lotta alla dipendenza dal gioco d’azzardo: il gioco d’azzardo può diventare una patologia che riduce in povertà intere famiglie. Il Consiglio regionale ha approvato una legge per contrastare e ridurre i rischi legati a questa forma di dipendenza patologica che prevede idonei strumenti per aumentare la consapevolezza sulla dipendenza, favorire un approccio misurato al gioco, informare sui servizi di assistenza e cura dedicati a chi soffre di questo problema e consente ai sindaci di adottare una serie di misure, tra cui le limitazioni degli orari di funzionamento degli apparecchi, regolamentazione delle distanze da aree sensibili come scuole, centri giovanili, divieti di promozione e pubblicità sulle nuove aperture. (l.r. 18/2016)

Rete ferroviaria: gare per offrire treni nuovi e puntuali. I nuovi gestori dovranno garantire un servizio più efficiente in termini di puntualità e qualità dell’offerta. Si prevede, inoltre, il ripristino di alcune linee sospese tra il 2012 e il 2014.
Ambiente: meno rifiuti, meno inquinamento, nessun inceneritore. Il Piemonte si è dotato di un nuovo piano rifiuti moderno ed efficace che attendeva da anni. Il documento fissa una serie di obiettivi: riduzione dei rifiuti urbani, aumento della differenziata e del riciclaggio, tariffazione più precisa che consentirà meno costi per chi produce meno rifiuti. Il nuovo piano affronta anche il tema degli impianti: non ci saranno nuovi inceneritori e l’obiettivo è quello di avere sempre meno bisogno di discariche grazie al riciclo e al riutilizzo della maggior parte dei rifiuti.
Borse di studio universitarie: le risorse destinate al diritto allo studio universitario sono passate da 12 milioni di euro nel 2013 con la precedente Giunta di centrodestra a 17 milioni nel 2014, aumentati di altri 300 mila euro nel 2016. Grazie a questo il Piemonte è stato premiato dal Ministero dell’Istruzione che assegna più fondi da spendere per le borse di studio alle Regioni che investono di più. E’ stato raggiunto così l’obiettivo di coprire il 100% delle borse degli aventi diritto, come non accadeva da 6 anni. 8.000 studenti riceveranno una borsa media di oltre 3.000 euro all’anno.
Legge contro la violenza sulle donne: il contrasto alla violenza di genere fa parte di una legge quadro che prevede anche il reinserimento socio-lavorativo delle vittime e azioni di sensibilizzazione e prevenzione. La Regione sostiene, su tutto il territorio, la presenza e l’attività dei Centri antiviolenza e delle Case Rifugio e assicura il patrocinio legale alle vittime attraverso un fondo di solidarietà. (l.r. 4/2016)
Inoltre, ho presentato una proposta di legge “Gli orti nel Piemonte. Disposizioni in materia di orti biologici didattitici, orti sociali suburbani, urbani e collettivi” che prevede la creazione di orti biologici didattici per le scuole singole o associate, orti suburbani per le zone agricole preriferiche, orti urbani, aree verdi all’interno delle città, orti collettivi, appezzamenti dati in gestione alle associazioni. L’orto è concepito come uno strumento utile contro il degrado e finalizzato a creare riqualificazione sociale e ambientale. Nell provvedimento è inserito uno stanziamento di 300 mila euro per il primo anno in cui la legge entrerà in vigore.
Per quanto concerne gli atti di indirizzo con i quali la Giunta è stata impegnata a mantenere uno specifico orientamento su un tema o a dare attuazione ad una richiesta del Consiglio regionale, nel corso di questi anni, mi sono concentrato, nello specifico, sui temi della sanità e delle politiche sociali, con particolare attenzione alla predisposizione di una normativa di riferimento per i disturbi dello spettro autistico, alla stesura di nuove linee di indirizzo per l’assistenza residenziale e domiciliare degli anziani non autosufficienti, al riordino delle Istituzioni di Assistenza e Beneficenza, al riordino dei servizi residenziali della psichiatria, alla regolamentazione delle discipline bionaturali e del loro esercizio, al contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo, alle norme in materia di edilizia sanitaria e all’utilizzo di dispositivi meccanici per la rianimazione cardiopolmonare.
Ho richiesto, altresì, alla Giunta di valutare l’adesione al Comitato per la valorizzazione degli itinerari cicloturistici dei Colli di Coppi, di intervenire per rilanciare il Teatro comunale di Alessandria dopo la sua lunga chiusura per bonifica da aminato, di assicurare che i nuovi autobus di trasporto pubblico locale siano dotati di caratteristiche che ne consentano l’accesso e la fruizione anche da parte delle persone disabili.
I dossier che puoi scaricare qui raccoglie, per titoli e punti, il lavoro svolto in questi tre anni in Consiglio regionale.