martedì 25 luglio 2017

A CAGNULEDDA ABBANNUNATA, Salvatore Migliore


A CAGNULEDDA ABBANNUNATA
Sta storiella tristi vi l’haiu propriu a cuntari.
L’autra matina mentri stava iennu a travagghiari,
Ncuntrai na cagnuledda, ca si lamintava, ‘nnuccenti
ccù l‘occhi piatusi e tutta trimanti.
Picchì la sò patruna disgraziata
Ntà nà strata solitaria l’avia abbannunata.
Nun mi vergognu ma vi l’aiu a diri ccù amuri
Na lacrima mi spuntò e mi si strinciu lu cori.
Idda allura ppì la cuntintizza di la me commozioni
S’avvicinò felici e senza esitazioni.
Era tristi e mi parsi puru cà ciancissi amareggiata
Criditimi è veru nun vi staiu cuntannu nà cazzata.
Chi pozzu fari ppì sta criatura sula e tristi
“Nun ti pozzu purtari ccu mia”, ci dicia, u capisti ?
Manciati st’anticchia di pani e stu formaggiu
C’avia accattatu ppì me figghiù, e fatti curaggiu.
E si poi ti veni siti ccà c’è puru nà buttigghiedda
U vidi ti staiu riinchiennu sta fussicedda.
Ma si poi mi vieni appressu nun ti preoccupari
Ogni ghiornu ti fazzu truvari di manciari.
E ti promettu ca si ncontru ppì la via
un picciriddu ca cerca un canuzzu ppì cumpagnia.

Ti ci prisentu pp’aviri nà casa unni stari.
E ogni tantu ti promettu cà ti vegnu a truvari.
Certu nun capia nenti ddà cagnuledda
Ma mi vinni d’appressu comu nà picuredda.
Stava in silenziu e mancu abbaiava
Ma stava attenta e ogni tantu mi taliava.
Arrivai a casa e nun sapia ancora chi fari
A putia lassari fora e purtarici u manciari ?
Ma quannu me figghiu vitti dda criatura
Ca ci facia festa abbaiannu e muvennusi la cuda.
M’abbrazzò accùssi forti ca mi spuntò na lacrimedda
E fu accussi ca mi la tinni ccù mia ppì sempri dda cagnuledda.
E nun putia sapiri cà du picciriddu ca circava cumpagnia
Ci l’avia a casa e dda cagnuledda pari ca gia u sapia.
TRADUZIONE
LA CAGNOLINA ABBANDONATA
Questa storiella triste ve la devo proprio raccontare
L’altra mattina mentre stavo andando a lavorare
Incontrai una cagnolina, che si lamentava, innocente
Con gli occhi pietosi e tutta tremante.
Perché la sua padrona disgraziata
In una strada solitaria l’aveva abbandonata.
Non mi vergogno ma ve lo devo dire con amore
Una lacrima mi spuntò e mi si strinse il cuore.
Lei allora per la contentezza della mia commozione
S’avvicinò felice e senza esitazione.
Era triste e mi è sembrato pure che piangesse amareggiata
Credetemi è vero non vi sto raccontando una cazzata.
Che posso fare per questa creatura sola e triste
“Non ti posso portare con me”, gli dicevo, lo capisci ?
Mangiati questo pochino di pane e questo formaggio
Che avevo comprato per mio figlio, e fatti coraggio.
E se poi ti viene sete qua c’è pure una bottiglietta
Lo vedi ti sto riempendo questa fossetta.
Ma se poi mi vieni appresso non ti preoccupare
Ogni giorno ti faccio trovare di mangiare.
E ti prometto che se incontro per la via
Un piccolino che cerca un cagnolino per compagnia.
Ti ci presento per avere una casa dove stare
E ogni tanto ti prometto che ti vengo a trovare.
Certo non capiva niente quella cagnolina
Ma mi venne d’appresso come una pecorella.
Stava in silenzio e nemmeno abbaiava
Ma stava attenta e ogni tanto mi guardava.
Arrivai a casa e non sapevo ancora cosa fare
La potevo lasciare fuori e portarci il mangiare ?
Ma quando mio figlio vide quella creatura
Che ci faceva festa abbaiando e scodinzolando la coda.
Mi abbracciò cosi forte che mi spuntò una lacrimuccia
E fu cosi che me la tenni con me per sempre quella cagnolina.
E non potevo sapere che quel bambino che cercava compagnia

C’è lo avevo a casa e quella cagnolina pare che già lo sapesse.