sabato 8 luglio 2017

103. Il torto e la ragione di fabrizio centofanti

Scoprivamo sempre meglio quello di cui i Padri erano stati convinti dall'inizio: il segreto della vita di fede è la memoria dell'amore. Senza il ricordo, la storia, la traccia concreta che giace nel profondo, non può esservi fede, ma solo un'aggiunta posticcia senza carne né sangue. 
Del resto, non era stato l'ultimo arrivato a dire: "fate questo in memoria di me". E il memoriale era l'asse portante non solo del Nuovo, ma anche del Primo Testamento. 
La vita cristiana è l'unica realtà in cui si può dire, con un'accezione positiva, che si vive di ricordi. Il primo Vangelo è tutto nel paolino "vi trasmetto quello che a mia volta ho ricevuto". 
Il tempo, per noi, era dunque scandito da un intreccio incandescente tra il futuro apocalittico, il presente dell'attesa e un passato nel quale rirovare le radici profonde di cui tutto si nutriva, in aperto contrasto con la superficialità inquietante di un'eresia, ormai, acclamata e conclamata. 
Ci veniva in mente la parabola del seminatore, con la sua denuncia dei terreni inconsistenti, incapaci di portare frutto, e la necessità di un'accoglienza attenta e generosa del seme-Parola, della sua azione potente e rigeneratrice. 
Chi aveva interesse a occultare una verità così lampante? Chi poteva arrivare a strappare dal cuore della gente l'unica possibile fertilità, condannandola a un destino da zombi o da automi, a una vita senz'anima, così lontana dal credo-spero-amo di cui don Mario s'era fatto banditore? 
Ancora una volta, gli eventi avrebbero chiarito con la forza incontrovertibile della realtà da quale parte fossero il torto e la ragione.