venerdì 16 giugno 2017

Unico test per oltre 240 allergie con le nanotecnologie

Un team guidato da Maria Antonietta Ciardiello dell'Istituto di bioscienze e biorisorse del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Ibbr-Cnr) ha dato vita a 'Faber', strumento diagnostico che consente con un unico test di verificare la sensibilità a 244 allergeni. 
Il marchio è stato recentemente registrato presso l'ufficio dell'Unione Europea per la proprietà intellettuale. Gli aspetti tecnici, clinici, diagnostici e professionali del test - frutto di un lavoro in collaborazione con i Centri associati di allergologia molecolare (Caam), l'Allergy Data Laboratories (Adl) e con il supporto dell'azienda austriaca MacroarrayDx - saranno portati al meeting della European Academy of Allergology and Clinical Immunology in corso a Helsinki dal 17 al 21 giugno 2017. 
"Faber è stato sviluppato grazie all'uso delle nanotecnologie: gli allergeni sono infatti accoppiati a piccolissimi supporti (nanobeads), utilizzando diversi tipi di legami chimici e ottimizzando la coniugazione delle proteine allergeniche con il supporto. 
Il dispositivo è costituito da un biochip sul quale sono immobilizzate 244 preparazioni allergeniche: 122 molecole e 122 estratti caratterizzati, provenienti da circa 150 differenti fonti allergeniche (alimenti, pollini, acari, epiteli, muffe, lattice, veleni di api e vespe, tessuti), che attraverso un unico test sierologico permettono di analizzare contemporaneamente la sensibilità a tutti gli allergeni", spiega Ciardiello. (ANSA).