lunedì 26 giugno 2017

Una poesia di Miriam Piga

Una poesia di Miriam Piga

Nemmeno la foglia
appartiene davvero
al suo albero.
Ha più padroni,
ha più nidi
che la accolgono.
Siamo fili esili,
col nervo caparbio.
Siamo corteccia
e mani sconosciute
che reggono il peso,
dita che incidono sul legno
versi d'amore, di odio,
di solitudini.
Siamo la radice
che appare robusta,
l'uragano che sradica.
L'ombra che esala
il profumo acre della sera.
Cosa siamo, noi?
Siamo figli del ramo,
servi della terra,
ospiti dello spazio
che reca il vento.
E come il vento,
ci doniamo alle stagioni.
Miriam Piga
20/06/2017