lunedì 26 giugno 2017

TRA LE DITA DI UN SOGNO, Gianni Manca


TRA LE DITA DI UN SOGNO
Immerso dentro gli occhi di un mare sorprendente
ho navigato sui pensieri teneri di un grido di gabbiani,
camminavo trasognato sui sentieri evanescenti di elicriso
per portarmi al di la di una struggente nostalgia.
Nonostante il sogno e i miei cavalli possenti,
inseguivo il mio arcobaleno dietro un aquilone,
avevo la sensazione delle tue labbra intinte del mio petto,
mentre stringevo le tue mani.
La mia voglia di volare dentro la tua testa
in un amore che s’imbrigli tra le strade che portano al cielo,
vorrei le tue parole solcarmi impietose le lacrime,
in un viaggio tra i sussurri di un vento curioso.
Come vorrei che i silenzi mi portassero sui passi di un ballo,
tra le braccia di un vortice struggente,
come l’odore di una notte carica della tua pelle
saresti adagiata tra le dita del mio sogno.

G.M.