mercoledì 21 giugno 2017

ODA INAUGURA IL CENTRO DIURNO GIGI CRESTA A SAN SALVATORE MONFERRATO

ODA INAUGURA IL CENTRO DIURNO GIGI CRESTA A SAN SALVATORE MONFERRATO 
Il taglio del nastro e il disvelamento del quadro dedicato all’indimenticato medico DI San Salvatore, domenica 18 giugno. Nasce un nuovo luogo di accoglienza per anziani, durante la giornata, con formula di servizio sartoriale, in risposta alle esigenze sia dell’anziano che dei suoi familiari, sette giorni su sette, dodici mesi all’anno. 
San Salvatore, 19 giugno 2017 - Un nuovo servizio in casa Oda:  nasce il Centro Diurno Gigi Cresta, presso la R.S.A di Madonna del Pozzo a San Salvatore Monferrato. Un luogo di accoglienza strutturata durante le ore diurne, pensato con una visione “sartoriale” del servizio, per consentire di scegliere con la più ampia flessibilità possibile il numero di ore giornaliere di permanenza, il numero dei giorni durante la settimana e la possibilità di trasporto dall’abitazione al centro diurno e di rientro a casa. Il Centro è pensato in particolare per anziani parzialmente autosufficienti di San Salvatore Monferrato e paesi limitrofi del territorio e che necessitano di prestazioni di carattere assistenziale, sanitario e relazionale che non possono  essere svolte interamente  dal nucleo familiare o dai servizi domiciliari, pur essendo ancora  prematuro l’inserimento residenziale in una struttura.
Così, domenica 18 giugno, alle 15.30 l’inaugurazione, bella e a tratti commovente. Con il Presidente e il direttore di Oda - Alberto Busto e Dario Governali -  i condirettori della struttura Alessia Morbello e Massimiliano Vacchina, il sindaco di San Salvatore Enrico Beccaria e il vicesindaco Corrado Tagliabue, anche in rappresentanza della presidente della Provincia Rita Rossa  (che hanno portato in dono al centro un quadro riproducente il miracolo della Madonna che salva il soldato spagnolo, realizzato dai madonnari durante le celebrazioni dello scorso anno); inoltre il dottor Massimo d'Angelo direttore del distretto di Casale Monferrato, Monsignor Carlo Grattarola che ha benedetto i locali, don Gabriele Paganini parroco del paese e don Sandro Luparia, per tanti anni suo predecessore.


Ma, soprattutto, c'erano i figli dell'indimenticato medico tanto caro ai sansalvatoresi, che hanno condiviso l'avvio ufficiale di quello che sarà un luogo di accoglienza per gli anziani del paese e delle sue frazioni, durante le ore della giornata in una dimensione di serenità e accudimento e di rassicurazione per i loro familiari, prima del rientro serale alle loro abitazioni. Giulia Cresta ha tagliato il nastro, mentre il fratello Alberto ha con lei "svelato" il quadro dedicato al loro papà, che, a cura dell'artista Elena Doria, lo ritrae con la sua borsa di medico e sullo sfondo le colline di San Salvatore, la torre del paese e il frontone del Santuario di Madonna del Pozzo. Hanno partecipato alla cerimonia anche molti ospiti della R.S.A e il personale e molti medici,  tra cui il direttore sanitario dottor Negri. Tutti insieme poi,  si sono ritrovati nel chiostro per un rinfresco in amicizia, prima della santa Messa in suffragio del dottor Cresta. Con questo nuovo servizio Oda prosegue nel suo cammino di attenzione nella individuazione di servizi a favore degli anziani e dei loro cari, attraverso formule, come ad esempio quello dell’housing sociale Casaffianco recentemente varata a Casale, pensate per favorire e, se possibile,  potenziare il mantenimento degli interessi e della socialità per l’anziano. Nella massima rassicurazione della famiglia.
 
Gli spazi del centro diurno GIGI CRESTA si trovano in un’ala della R.S.A. di Madonna del Pozzo, una delle tre comunità per anziani di Oda, con accesso diretto sulla terrazza e la possibilità di godere dello splendido parco secolare del Santuario e degli ampi spazi che offre al suo interno la struttura, compreso il magnifico chiostro con fontana.  Il centro accoglierà 7 giorni su 7, festività comprese, 12 mesi all’anno, con orari definiti in base alle esigenze dei familiari e la progettazione delle necessità del servizio verrà  preventivamente concordata insieme ad essi con la massima flessibilità possibile. Se i familiari lo desiderano, potranno fruire del servizio di trasporto dall’abitazione al centro diurno e rientro. Verrà garantita  assistenza infermieristica, fisioterapica, oss, cucina interna e attività di animazione. Più nel dettaglio: servizio di vitto - colazione, bevande di metà mattinata, pranzo, merenda pomeridiana e cena - animazione e attività, parrucchiere una volta al mese, cure estetiche piedi, assistenza sanitaria infermieristica per la eventuale somministrazione di terapia, misurazione parametri ed eventuale confronto con il medico di base dell’anziano, prelievi ed esami di laboratorio effettuati direttamente in struttura e ritiro referti degli stessi,prenotazione di visite o esami in ospedale, assistenza in pratiche di tipo sociale come invalidità accompagnamento, posto in convenzione, richiesta ausili, cambio medico ecc., assistenza nell’igiene.
E’ anche prevista la possibilità di concordare pernottamenti occasionali. La retta è personalizzata in base ai servizi che vengono richiesti e volutamente giornaliera, per potere consentire massima elasticità di approccio ai familiari ed è a costi contenuti e competitivi rispetto a formule di assistenza differenti. Per informazioni, approfondimenti e visite al centro, dal lunedì al venerdi, si può telefonare al numero 0131 237163.