mercoledì 14 giugno 2017

Migranti, la sindaca di Roma scrive al prefetto: “Moratoria sui nuovi arrivi”

"Trovo impossibile, oltre che rischioso, ipotizzare ulteriori strutture di accoglienza, peraltro di rilevante impatto e consistenza numerica sul territorio comunale" si legge in una lettera inviata a Paola Basilone
La sindaca di Roma Virginia Raggi, vista la “forte presenza migratoria e il continuo flusso di cittadini stranieri” ha richiesto al ministero dell’Interno “una moratoria sui nuovi arrivi” nella Capitale. E’ il contenuto di una lettera firmata dalla sindaca e inviata al prefetto di Roma Paola Basilone. Negli ultimi giorni alcune polemiche avevano interessato alcune zone del centro, in particolare intorno alle stazioni, soprattutto a Termini. La Raggi fa riferimento in particolare all’ipotesi di altre strutture di accoglienza “peraltro di rilevante impatto e consistenza numerica”. Una circostanza che, secondo la sindaca, è “impossibile, oltre che rischioso”.Nella lettera la sindaca sottolinea la necessità di considerare l’elevata “pressione migratoria cui è sottoposta Roma” nella decisione della dislocazione di nuove strutture di accoglienza. “Per tali motivi, questa amministrazione, in considerazione degli elevati flussi di migranti non censiti, auspica che le valutazioni sulle dislocazioni di nuovi insediamenti tengano conto della evidente pressione migratoria cui è sottoposta Roma Capitale e delle possibili devastanti conseguenze in termini di costi sociali e di protezione degli stessi beneficiari, evitando di gravare, ulteriormente, sul territorio comunale”.