giovedì 8 giugno 2017

Lo spiffero: Alessandria, i conti a un campano. Giunta grillina d’importazione

Alessandria, i conti a un campano. Giunta grillina d’importazione
Assessore al Bilancio un commercialista di Salerno, trombato in due elezioni. All'urbanistica un architetto di Bolzano con studio a Tortona. I primi nomi della squadra dell'aspirante sindaco pentastellato Serra. Il centrodestra prende le distanze da Fabbio
Il piano B, come Beppe (Grillo) che oggi pomeriggio nel suo tour piemontese sostituirà adAlessandria un atteso Luigi Di Maio, rimasto a Roma per la legge elettorale, non fa certo rimpiangere quello A, come Appendino (Chiara) la cui buca rifilata ai grillini mandrogni brucia assai meno dopo l’imbarazzante figuraccia rimediata per i drammatici fatti di Piazza San Carlo. “Magari verrà per il ballottaggio”si ripete con non troppa convinzione tra i Cinquestelle dove risulta difficile nascondersi l’appannamento della sindaca di Torinopiù amata dagli italiani. Adesso quello spot fresco fino a venerdì, e pronto per essere contrapposto alla maglia nera affibbiata all’uscente Rita Rossa, rischia di apparire una reclame con una Cuccarini che ha smesso di ballare e inciampa.

Cammina lesto, invece, Michelangelo Serra, architetto e aspirante primo cittadino pentastellato. Il suo obiettivo è quello di volare. Non come il suo quasi omonimo protagonista del film agiografico del Ventennio con Amedeo Nazzari, ma alle elezioni di domenica, proprio come loro: la Appendino e Virginia Raggi. Possibilmente non schiantandosi alla prima virata. “Entro nei bar e capisco che la gente è con noi, che comprende il cambiamento che proponiamo” dice spiegando che “Alessandria da almeno quindici anni è amministrata male”.  Racconta come “da due anni stiamo lavorando al programma, parlando con i cittadini, le associazioni, i professionisti”... continua su: http://www.lospiffero.com/ls_article.php?id=33865