venerdì 30 giugno 2017

''Inno all'Italia'', Aiello Giuseppe Captain


''Inno all'Italia''
Italia che belli che Eri?
con fasti degli antichi imperatori....
Italia paese di mille bellezze che
l'elmo di Scipio ti ha coronato Regina.
Dante ti ha dato col volgare e la commedia
la ns lingua ti ha plocamato.
Schiamazzi ,dialetti dal Piomonte fino
a Firenze...
Che sfratto diedero al Pontificio!
Meridione D'Angio -Borbone e
Mafia Maleficio.....?
Bella ciao a Bassano e vai giù
Chitarra Vesuvio e gli occhi di
Una ragazza a Mandolino.....
Pulcinella a Napoli la fa da Padrone
Ed ancora Arlecchino il birichino!
Italia che dopo la vollero città eterna
Fu chiamata la ''Capitale''.
Con i cenema famosi gli spalti per
Gli sportivi vittoriosi.....
È quella bandiera che si appende
di Notte a volte la sera di nascosto...
I ns grandi campioni da Pozzo a Zoff
e il Fausto Coppi o Bartali al buon Pantani
Da vincitori........
Dalle Alpi agli Appennini ,i fiumi e
Il mare Nostrum da padroni...
I martiri e la pastasciutta da vedere
Mentre Pertini a Napoletano fino a
Renzi vollemmo follemente...
Ora che sei un po' America dopo che
Garibaldi t'ha consegnato al Cavour.
I musei ,i cinema,gli attori che mai un
Nobel ebbero,ed il povero signor.De Curtis
Principe Totò da maestro......
Sei diventata misera di questo tuo figlio
Che lavoro non ha,solo se nero diventa.
Non me ne vanto ma una briciola del
Passato hai dimenticato con l"entrata
Degli immigrati ,
Italia non sei più Desta .....?
Capitano AIELLo Giuseppe