domenica 25 giugno 2017

E' sacro un bacio, Loredana Mariniello



E' sacro un bacio,
sigillo posto a suggello
di una storia
non spicciola,
giammai banale
e portentosa
nel suo magico progredire.
Mi giungi
come un dono
che, impaziente,
non so scartare
e sei l'epifania
in un cuore
rassegnatosi
a morire
sconosciuto al mondo,
invece, in un solo secondo
mi è bastato uno sguardo
per rinascere nel profondo !
I don't wanna live for ever ,
but I wan't let you go !
E' spoglia di calore
questa stanza
se la denudi
della tua presenza,
accoccolati qui
tra le mie braccia,
non riesco
ad ostentarti indifferenza,
tu sei la sola tributaria
di un'occultata essenza,
unicamente a te si svela
in inenarrabile opulenza.

E, quindi, abbi pazienza !
Tanto ho patito questa tua assenza
che nell'attesa della sublime venuta
ho supplicato a Dio
una divina grazia,
chiedendo umilmente venia
di ogni passata mia ingiustizia !
Rimembra il nostro primo incontro,
per favore , questa sera !
Ricordi, lo strale dell'incanto,
conficcatosi nel cuore
al sorger dell'aurora ?
Fu subito amore
sin da allora !
E' notte tarda, ora
e io so che ancora
brami rimanere,
lo dicono i tuoi occhi
che non vuoi partire !
Vieni, non indugiare,
ho aperto la porta al sogno,
tu lascia sulla mia pelle un segno
di un purificatorio incendio !
Inoltrati in questa nuda notte,
non tardare a venire !
Non è che materia un corpo,
ma è la tua anima candida
che smanio possedere !
Nella quiete tenebra,
tu inizi e finisci in me,
gemendo frantumi
i fasci di tutti i miei perchè.
Disinibita e pudica
ti lasci levigare
come una roccia ruvida
dall'onda del mio mare !
Scrivimi e descrivimi,
amore, nelle tue mille poesie,
anche se non sai
decifrare le molteplici mie fantasie !
Se avessi ancora fiato
da opporre all'audace agonia,
ti canterei il tripudio
di questa dolce malia!
Convogliati, effonditi,
declinati integra a me,
invadimi e percorrimi,
sono alla tua mercè !
Incollati addosso adesso,
incurante di ogni clichè,
adesso che ogni pretesto
è un nontiscordardimè !