lunedì 26 giugno 2017

(Città Futura) Votare è un diritto e un dovere, perciò buon voto a tutti

Città Futura. Alessandria: “Chi dà maggiori garanzie di Buon Governo della Città?” Bella la domanda a cui l’amico Pier Carlo ha già in cuor suo risposto sostenendo con la sua presenza una delle liste a sostegno di Rita Rossa. Evidentemente ha elaborato un ragionamento che, sostanzialmente, ripropone nel presente intervento fra “cose” fatte e non fatte, fra “scelte operate” e risultati prevedibili in conseguenza. L’autore vede la scacchiera con molte caselle bianche e poche nere. Ed agisce di conseguenza. Un ragionamento che abbiamo fatto anche noi della redazione e che ci porta a votare non “per il meno peggio”, ma “per chi ha iniziato un percorso positivo” ed è giusto che possa migliorarlo… magari con qualche attenzione in più a ciò che si trova intorno.
Pier Carlo Lava 
Domenica 25 giugno 2017 gli alessandrini saranno chiamati alle urne per decidere chi sarà il Sindaco della città, che unitamente alla propria Giunta avrà il dovere e la responsabilità di governare Alessandria per i prossimi cinque anni.
Votare è un diritto e un dovere, ritengo sbagliato lasciare decidere ad altri sul destino della propria città.
Non ho la sfera di cristallo e quindi non farò nessuna previsione, anche se come tutti o quasi ho la mia idea su chi è meglio votare, semplicemente per il fatto che dal mio punto di vista dà maggiori garanzie di buon Governo della città, che poi è quello che interessa a ciascuno noi indipendentemente dalla propria attività.
Posso però assumere da subito un impegno ovvero che, indipendentemente da chiunque fra, Centro sinistra con il Quarto Polo e Centro destra vincerà le elezioni, continuerò a scrivere sui problemi della città già segnalati ma ancora irrisolti e quelli nuovi che eventualmente dovessero sorgere.
Così come non mancherò di esprimere le mie considerazioni in merito agli sviluppi della situazione sui temi caldi di questi ultimi mesi, il teleriscaldamento, le cave per il terzo Valico, la sicurezza (criminalità e stradale), la pulizia della città (aree dei cassonetti comprese), la manutenzione del verde, non solo l’esistente ma anche le piante mancanti, ecc.

Seguirò con attenzione e se lo riterrò necessario scriverò le mie considerazioni in merito all’utilizzo del finanziamenti di 32,5 milioni sulla Cittadella, 18 milioni del bando periferie per la riqualificazione dell’asset Spinetta Marengo vs Alessandria, pista ciclabile compresa.
Non mancheranno considerazioni anche sugli sviluppi degli impegni assunti in campagna elettorale, relativamente agli interventi di riqualificazione delle periferie e dei sobborghi dove molto resta ancora da fare e sul Piano della mobilità, per migliorare la viabilità e ridurre l’inquinamento.
Ma anche sugli sviluppi della gestione delle Partecipate, Amag, Amag Ambiente e Amag Mobilità, che deve migliorare nel servizio dei trasporti urbani, presupposto indispensabile che con i parcheggi a corona della città, consentirà di realizzare con efficienza il Piano della mobilità.
Pertanto il mio augurio come cittadino è “vinca il migliore per la città”, sperando che chiunque sia, sul proprio operato nel prossimi anni ci sia da scrivere solo in positivo, o quasi...