domenica 28 maggio 2017

TRANCIO DI PIZZA AL VOLO, Marina Rossi


TRANCIO DI PIZZA AL VOLO
E furono
castagne e funghi e ricci .
Foglie bagnate .
Scivolate di bimbi entusiasti .
E risate
di gola , di petto , di cuore
Una radice scoperta .
La tua scivolata più forte,
la mia risata più argentina .
Fra castani attoniti ,bianco il tuo sorriso di labbra contratte .
E furono ancora , nel muschio , risate incoscienti .
Cadde la prima nebbia
e fu subito Autunno .
Un trancio di pizza al volo
profumo di cannella nell ' aria
le tue labbra sul mio gelato .
E furon le tue braccia.
Un rientro dolce , Lugano illuminata.
Il lago ai miei piedi .
E fu Viver bellezza .
Nel letto ... Briciole , Coca e birra
E subito fu Primavera .

Tintinnio ............
Un bicchiere caduto
fragor di silenzio in me .
Stupita , sorrido e non capisco .
E inizió freddo buio .
Verde dei tuoi occhi riflesso in camici sterili .
E fu , fui subito inverno .
Fu solo
un trancio di pizza al volo ,
un profumo di cannella ,
una radice .
Benedetta radice che dispendi linfa
Maledetta radice quando vita
porti via con te .
Marina Rossi . ripubblicata oggi 18.1.2017
Ed oggi in cui i tuoi posti mi parlano di te !
da: Inchiostro dell'anima... Pluriversum Edizioni... Rosamaria