martedì 28 febbraio 2017

L'ABBITO NUN FA ER MONACO, Gianluca Emiliani


L'ABBITO NUN FA ER MONACO
(con il contributo dell'amico Sergio Marinelli)
Vorebbe annà ar lavoro scapijato
lavato poco e senza la cravatta
un paro de carzoni giallo ambrato
co' 'na majetta rosa e barba sfatta
e poi vedè davero a chi je coce.
- Bongiorno" - me diranno - direttore
oppure poi, tappànnose le froce:
- Va via barbone zozzo! Che fetore!...?
E' l'abbito che te fa esse vero,
oppure se sei onesto e sei coretto?
Me critico da solo, pe' davero,
che fo' er bancario e devo da esse retto.
Ma poi chi fa patì sto monno intero
nun so' vestiti sempre in doppiopetto?
Concorso Internazionale di poesia Parasio- città di Imperia, IV edizione



Nessun commento:

Posta un commento