lunedì 24 ottobre 2016

Maria Cannatella: Il mio sogno più grande e diventare una brava scrittrice

by Pier Carlo Lava
Maria Cannatella è una scrittrice autodidatta, l’abbiamo scoperta per caso, come sovente succede, su facebook, così tramite la nostra pagina social ha iniziato a inviarci poesie e filastrocche che abbiamo pubblicato sul bog Alessandria Post, dove hanno registrato un buon riscontro, per conoscerla meglio l’abbiamo intervistata, queste le sue risposte alle nostre domande:

Ciao Maria e benvenuta nel blog, ci racconti chi sei, di cosa ti occupi e qualcosa della città dove vivi?
Sono Maria Cannatella ho 48 anni. Vivo ad Albano SANT'ALESSANDRO  (bg). Sono nata a Palermo ma nel 95 mi sono trasferita per un futuro migliore. Ma la vita non viene come tu speri. Il mio paese è  tranquillo. In diedi minuti arrivo in città. Lavoro in un impresa di pulizie.

Cosa ti ha spinto a scrivere e come definiresti una scrittrice?
Ho iniziato a scrivere nel 1990 per amore, il primo fidanzatino con il quale hai la prima storia. L'amore che avevo per lui mi ha fatto scrivere le poesie d'amore. Ma si scrive anche per rabbia, per solitudine. Non ho un genere per scrivere dipende dal mio umore della mattina. E con la mia separazione sono nate le satire. Perché  alcuni servizi non hanno saputo fare il loro mestiere ed io per la rabbia ho scritto quello che pensavo.
Una scrittrice io la definisco libera dalle sue idee. Con la scrittura si capiscono tantissime cose. Ad esempio l'umore dello scrittore. Infatti io per questo non ho un genere. Scrivo quello che mi viene mente in quel momento

Tu hai scritto, Filastrocche, AltroMondo editore?, c’è ne vuoi parlare? 
Ho scritto tante cose. Ho il mobile pieno perché  ormai nel cassetto non ho più  spazio. Il mio primo libro “Filastrocche” e in giro per le librerie e online.

Come sei arrivata a pubblicare il tuo primo libro e quali sono state le maggiori difficoltà che hai incontrato?
Per pubblicare il libro è stato molto difficile. Io non so gestire un pc. Mi sono affidata ad un mio vecchio amico. Mi ha registrato tutto il materiale e lo ha mandato tramite email ad alcune case editrici. Una di queste mi ha risposto è così e nato il mio libro. Ma non so nulla oggi di questo libro se stà facendo il suo cammino. Non sono stata aiutata per niente dalla casa editrice. Direi abbandonata.

Tu oltre alle poesie ami scrivere anche filastrocche e satire, c’e ne vuoi parlare?
A me piace solo scrivere quello che esce al momento. Non so mai cosa scrivo. Ho sempre carta e penna dietro e quando mi viene anche un minimo pensiero lo scrivo aggiungo il titolo e poi sviluppo la storia. Ho scritto circa 50 favole. Oltre le filastrocche del libro che ho già pubblicato ne ho scritte altre circa 130. La satira è nata dalla rabbia per colpa di gente incompetente che mi ha deluso. Sono stata 2 mesi senza i miei figli perché  erano andati in vacanza dal padre a Palermo ed in quel momento con il mio stato d'animo a pezzi sono nate altre poesie.


Quali sono i tuoi autori preferiti e come vedi il presente e il futuro della cultura nel nostro paese?
Non ho autori preferiti. Leggo ciò  che mi piace anche un semplice libro di scuola. Però ho letto tanti libri della Fallaci. Mi piace il suo modo di scrivere. Adesso per esempio sto leggendo l'ultimo libro scritto per Anna Magnani. Leggo poco adesso. I bambini hanno bisogno di essere aiutati nei loro compiti. Preferisco scrivere ormai... Il futuro credo che sia su Internet. Per esempio nessuno dei amici nemmeno un parente ha comperato il mio libro, vivono tutti su Facebook. Le persone preferiscono stare sui social piuttosto che leggere un buon libro. 

Stai già scrivendo il tuo prossimo libro e nel caso c’e ne vuoi parlare?
Ho già consegnato un manoscritto autobiografico ad una persona che si occuperà di valutare se deve essere pubblicato o no. In estate ne ho iniziato un'altro, sono a metà percorso, nel frattempo se penso a qualche filastrocca oppure una poesia la scrivo. Dovendo fare da mamma e papà il tempo che mi rimane per scrivere è poco ma cerco di utilizzarlo al meglio.

Programmi per il futuro e sogni nel cassetto?
Nel mio cassetto il sogno più grande e diventare una brava scrittrice, lo vorrei veramente. Stare in giro a fare presentazioni, con le persone che mi fanno i complimenti per quello che scrivo. In futuro mi piacerebbe pubblicare tutto il materiale che ho accumulato in questi anni. E poi mi piacerebbe avere un sito su internet e gestirlo da casa. Sono stanca di fare i mestieri. La mia salute non è più come una volta ma devo mantenere 2 ragazzi. Non mi dispiacerebbe avere un sito che mi faccia guadagnare ed intanto dedicarmi completamente alla scrittura. Ho tante cose in testa e poco tempo. Spero di farcela.

Chi volesse acquistare il tuo libro dove può trovarlo?
Ecco un elenco di siti dove lo si può acquistare online.





Nessun commento:

Posta un commento