lunedì 31 ottobre 2016

In un momento, Claudio Mecenero


In un momento
.
Verdeggiavo
di viola
tra due ali di farfalla
che posano una bocca
di candido avorio.
Come fiore tra i fiori
sbocciati al roveto
ero
mentre tutto il mondo
mi crollava
di morte addosso.
Quale paura avrebbe mai potuto
farmi, l'essere colto
Mi avresti preso
in un momento
senzapensieroesenzanome
Claudio Mecenero

diritti riservati

Una poesia di Loredana Mariniello


La casa è serrata, ma desta,
cala la notte funesta,
la morte danza mesta,
ragazzo, non aprire quella porta,
non entrare in quella tetra stanza,
resta nella tua dimora,
dormi allo scoccare della dodicesima ora !
Che sia sincera la tua preghiera
e che allontani ogni anima nera,
ti protegga un'ala pura,
l'artiglio di Crocker non ti faccia paura,
la maschera di Jason ti appaia solo la caricatura
di un maldestro fantoccio che fa sorridere
tale è la bruttura della sua losca figura,
la bambola sulla mensola
al sopraggiungere delle tenebre,
allegramente si metta a ballare,
non brami l'esorcista,
nè un sarcastico enigmista,
lo spirito che venendoti a trovare stanotte,
carezzerà il tuo cuore,
baciandoti la fronte,
ricordandoti che non è morto,
l'amore di chi non puoi vedere,
ma è migrato altrove ,
laddove anche tu, un giorno, 
lo potrai rincontrare .
Chiudi gli occhi ,
non udir lamento,
il sibilo violento,
non è tortura, ma
il richiamo del vento !
Non temere misteriosi orrori,
ciò che senti è il fruscio greve
di una veste di neve,
il volo lieve,
di una breve ombra,

ma bianca di sciami.

Incontri d’autore, con Luigi Maione

by Claudio Mecenero
CON ANTICIPO E CON GRANDE PIACERE PUBBLICO LA SERATA CON OSPITE D'ONORE Luigi Maione
ORGANIZZATA DA UN'ALTRASTORIA VARESE CHE HA COME REFERENTE NAZIONALE RITA BORSELLINO- L'ALBA ASSOCIAZIONE POETI DI FAGNANO OLONA - E L'ASSESSORE DEL COMUNE DI FAGNANO OLONA ( VA) -- PER IL GIORNO VENERDI 18 NOVEMBRE ---- MUSICHE VIDEO POESIA E QUANT'ALTRO NON PERDETELA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!
INVITO GLI AMICI A CONDIVIDERE L'INIZIATIVA sui propri profili
BIO
Luigi Maione è un cantautore del Club Tenco, compositore e arrangiatore, chitarrista e poeta. Napoletano, inizia ad esibirsi come cantante-prodigio in un talent dell’epoca, davanti a grandi platee. Ha solo 9 anni. Alcuni anni dopo batte, come cantautore e chitarrista elettrico, numerose rassegne blues, folk, e rock- festival dell’area vesuviana, maturando un solido bagaglio live. Conosce, tra gli altri, Eugenio Bennato, che, apprezzandolo, gli fornisce alcuni suggerimenti tecnici ed artistici. Giovanissimo si trasferisce a Roma, dove conosce lo scrittore e giornalista RAI Sepp D’Amore, che, leggendo per caso i testi di alcune sue canzoni, “scopre” la sua vena poetica e lo incoraggia ad approfondirla. Lo introduce in salotti letterari, presentandogli, tra gli altri, Umberto Eco, e lo iscrive ad un importante premio di poesia (Capodieci), che Luigi vince. Ma la sua irrequietezza lo porta a Londra, dove risiede per circa un anno. Conosce musicisti inglesi e atmosfere vicine alle radici del punk. Ciò gli permette di acquisire nuovi elementi che arricchiscono la sua esperienza creativa. Tornato in Italia, per caso entra a far parte di un’orchestra latino-americana, e dà inizio alla sua nuova carriera di “salsero”, con concerti in Italia e Nord Europa.
Maione fonda una sua orchestra, Partenope Latina (sette elementi tra cui tromba, chitarra elettrica, batteria e percussioni), e scrive canzoni in italiano e dialetto napoletano su ritmi funky e salsa (1988-91). E’ di questo periodo l’incontro con Giuseppe Rotondi, batterista e co-arrangiatore del suo attuale CD. Comincia a far girare i suoi lavori. Manda una cassetta a Paolo Conte, che gli risponde personalmente, complimentandosi per il suo lavoro.

La pochezza delle persone, Marco Vasselli Poeta


La pochezza delle persone,
non è data da quante siano in un piccolo gruppo,
la pochezza delle persone
sono un’insieme di fraseggi sconfusionati
che non portano a nessuno sviluppo.
Esse non mi arricchiscono emotivamente,
non fanno di me una persona migliore,
esse,
con la la loro pochezza
fanno in modo che il mondo veda del loro nulla
come che di quel nulla
esse si nutrano
e lo adoperino come scudo per indifesi.
E se si fa di sofferenze un vanto,
se si pensa che tutti stiano dietro a sciami
come l’esercito della salvezza
scopro che la bellezza dell’amicizia
resta nel fatto che se la gioia va esternata a tutti
il dolore,
quello che di dentro un po tutti hanno,
debba arrivare solo a chi di dovere,
a chi comprende,
e che dolore ha avuto dalla vita.

MA CHE BÈLA MARMOTA, Gianni Regalzi


MA CHE BÈLA MARMOTA
Ma che bèla marmota!
Am büt la bartola
e a vagh zü dala scala
a m'anviar ant'la piola
a cichèm 'na sigala.
Ma che bèla marmota!
Am pei 'na gazeuz
e in panen cou giambóm
el pon l'è 'm po' poss,
ma u giambón a l'è bón.
Ma che bèla marmota!
Là 'n fónd u j'è la Giuana
ch'l'è ciuca 'cmé 'na rata
un tira 'na savata
e pó um fa vighi el cü.
Me ai digh: “ma lasa pèrdi
't'ei brüta 'cme 'na sümia
at tzmeji ammmac pü 'na mümmia
va fóra dan ti pé”.
A me um piaz la marmota
giuvnota e prufimaja
la toua a l'è mufia
e pen-na ad catarlen.
T'ai 'na brüta marmota
a la spüsa 'd scapen.
Adèss l'è set e mèza
e m'anviar vers a cà.
Anvisch sut la pignata
a fas buji dói fidlen
du foji d'insalata
'na feuta 'd salamen
'
na buta ad cul bèl fort
fin quóndi ch'um lüz j'ógg
e adès ch'a j'ó smurfì
a pós andè a drumì.
Mec um piaz la marmota!
Lisòndria, 25 Utuber 2016 (set e mèza ad sira)
Gianni Regalzi
(El fió dèl Bosch e l'anvud du Smój)
(Foto by Web)


LE MEMORIE DI UNA PROSTITUTA, Izabella Teresa Kostka Poesie


LE MEMORIE DI UNA PROSTITUTA
Domani,
quando i freschi germogli moriranno,
non ricorderete più quel limbo di piacere,
che ad ogni segno dell'umana lussuria
spalancava le porte del mio grembo,
per accogliere estranee, insaziabili membra.
Sarò per voi un frutto appassito
con buccia seccata, arsa dal sole,
un sacco impuro pieno di marciume,
l'immagine blasfema di un volto materno.
Lapidata da false, remote saggezze
verrò condannata all'aspro disprezzo,
scartata dagli angoli di ogni coscienza,
gettata in un sacco di immondizia.
Domani,
quando in cenere si trasformerà la carne
in fredda tomba trovando dimora,
cancellerete ogni ricordo
del mio traguardo in questo inferno.
Di me rimarrà soltanto la polvere
calpestata per sempre sull'asfalto della strada.
Izabella Teresa Kostka 
2015 "Peccati " diritti riservati 

Menzione d'Onore al Concorso "Ponte Vecchio " Firenze 2016

E attendo il futuro... Nadia Pascucci


Vivo disincantata..
Non mi prendo sul serio
Guardo il mondo intorno 
Non osservo orari 
Con la valigia sempre pronta 
prendo il treno della vita al volo
con i suoi cambi , le sue fermate 
i suoi incontri...
Vita che in fretta,
come cero ,
si consuma tra gioie e dolori,
e come gioventù non ritorna .
Non pongo limiti a forza e pensieri
Assaporo il brivido
col desiderio di spiccare il volo
assetata di meraviglia 
Non ho rimpianti 
Non cerco di capire
Con sfide e parentesi di svago,
vivo il dono del presente
E attendo il futuro...

Nadia Pascucci 26 ottobre 2016 @

"Di nuovo", Ely Chio


"Di nuovo" 
Continua 
a donare risposte la terra, trema
per adattarsi, per farci capire 
il suo dominio, il suo controllo. 
Mi continuo a dire... 
la paura, abbia sempre accanto il coraggio 
così poco da non essere incoscienti 
ma tanto quanto basta 
per reagire e vedere oltre.
Ely Chio © diritti riservati. 

Buona Notte Spiriti Guerrieri

Crescono le importazioni di cibi pericolosi, ecco la "lista nera"

Dalle nocciole turche alle arachidi dalla Cina inquinate da aflatossine cancerogene fino alle spezie dall’India, come il peperoncino contaminato da pesticidi oltre i limiti o con problemi da infezioni microbiologiche, salgono sul podio dell’elenco dei prodotti alimentari più a rischio per la salute che vede al decimo posto il pesce vietnamita, per la presenza di pericolosi livelli di metalli pesanti. E’ quanto emerge dal dossier Coldiretti su “La classifica dei cibi più pericolosi” presentato al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio ed elaborato sulla base del Rapporto del Ministero della Salute sui sistema di allerta europeo, che registra gli allarmi per rischi alimentari verificati a causa di residui chimici, micotossine, metalli pesanti, contaminanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti nel 2015. 
Se le nocciole e l’altra frutta secca dalla Turchia contaminate da aflatossine cancerogene sono quelle che hanno fatto scattare il maggior numero di allerta comunitari, a seguire da vicino ci sono le arachidi dalla Cina per lo stesso tipo di pericolo mentre il peperoncino e le altre spezie dall’India, per la presenza di contaminazioni microbiologiche e di residui chimici in eccesso, sono al terzo posto. Una classifica che dovrebbe far riflettere i quasi 35 milioni di italiani, di cui 9,7 milioni regolarmente, che abbinano ingredienti italiani con prodotti provenienti da altri paesi, come ad esempio la curcuma originaria dell’India o le bacche di goji, i fagioli azuchi e lo zenzero che sono in gran parte di provenienza cinese. 

Approvata la legge sul caporalato, ora tutelare lavoro anche su prodotti importati

Con la legge sul caporalato l’Italia si pone all’avanguardia nella tutela del lavoro nei campi che va estesa anche ai prodotti importati che sono ottenuti anche dallo sfruttamento del lavoro minorile che riguarda 100 milioni di bambini secondo l’Organizzazione Internazionale del lavoro (ILO). E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione della approvazione definitiva della legge sul caporalato nel sottolineare che occorre ora garantire che dietro tutti gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali ci sia un percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro, con una equa distribuzione del valore. 
Se i prodotti agroalimentari italiani sono ora garantiti, dalle rose alle banane, dallo zucchero di canna all'olio di palma, dal cacao al caffè fino ai gelsomini sono molti i prodotti importati sui quali pesa addirittura l’ombra dello sfruttamento minorile.

Grano: 40 miliardi "bruciati" a causa delle speculazioni

Mentre i prezzi dei prodotti alimentari aumentano su base annua nei campi resta deflazione profonda anche per effetto della speculazione sulla fame che ha bruciato nel mondo quasi 40 miliardi di dollari solo per il grano con le quotazioni internazionali che sono dimezzate in un anno da 5,36 dollari per bushel dello scorso anno a poco più di 3,95 dollari per bushel (27,216 kg), senza alcun beneficio per i consumatori ma con milioni di contadini in ginocchio. 
L'analisi viene dalla Coldiretti in occasione della giornata mondiale dell’alimentazione della Fao, sulla base degli andamenti al Chicago Board of Trade, punto di riferimento o del mercato delle materie prime agricole a livello internazionale.
“L'andamento delle quotazioni dei prodotti agricoli è fortemente condizionato dai movimenti di capitale che si spostano con facilità dai mercati finanziari a quelli delle materie prime come il petrolio, dai metalli preziosi fino a grano, mais e soia”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare i “limiti di un modello di sviluppo intensivo e globalizzato, che ha declassato il cibo a merce di scambio anonima e indifferenziata”.

Rottamate Gente, rottamate...... Ma conviene?

Rottamate Gente, rottamate...... Ma conviene? 
E come funziona?
La legge di bilancio è accompagnata da un Decreto legge fiscale che al suo interno prevede la soppressione di Equitalia con un provvedimento di rottamazione (condono) delle vecchie cartelle. Tralasciando l'aspetto della riforma, reale o solo di facciata, come si evidenzia su stampa e social, provo e fornire delucidazioni sul pezzo definizione agevolata, in lessico popolare "rottamazione". 
Il decreto è ora in Parlamento per la sua conversione in legge (entro 60 giorni), sicuramente subirà modifiche, ma già ora è possibile valutarne la portata. La stampa specializzata e autorevoli commentatori hanno iniziato a esaminarlo, evidenziandone molti limiti e dubbi.
Il nostro sportello si propone di informare al meglio possibile, per le nostre capacità, gli interessati prima di recarsi negli Uffici Equitalia per eventualmente compilare la domanda di "rottamazione", che, una volta presentata sia che si paghi sia non, comportano conseguenze.
Questa è solo una delle problematiche. In un certo senso, la domanda influisce sulle future scelte quali l'impossibilità, rinunciando alla rottamazione, di poter usufruire delle normali rateizzazioni (senza sconto) che possono arrivare a dieci anni.  Ecco perché è meglio, essere informati prima, per questa come per altre caratteristiche della vicenda cartelle.
Proviamo a chiarirci le idee, col semplice sistema domande risposte.
  1. Quali cartelle si possono rottamare? Tutte quelle comprese nei "ruoli" affidati dai vari enti ad Equitalia dal 2000 al 2015 compresi.
  2. Quali imposte, tasse, contributi e sanzioni sono rottamabili?   In pratica tutte le tipologie. Ad esempio Irpef, IVA, contributi INPS e INAIL, tasse comunali, violazioni al codice della strada, ecc.. Sono escluse delle particolari tipologie, ma scarsamente interessanti il normale cittadino o impresa. 
  3. In cosa consiste lo sconto? Non è eguale per tutte le tipologie. In sintesi si pagano solo le somme dovute per capitale (imposte non versate), più gli interessi inseriti nella cartella alla sua formazione, gli aggi maturati a favore di Equitalia (il suo compenso per il servizio prestato), il rimborso delle spese di notifica e le eventuali spese per le procedure esecutive già attuate da Equitalia (es. fermo amministrativo, iscrizione di ipoteche, pignoramenti). Non si pagano le sanzioni e gli interessi di mora maturati dopo l'emissione della cartella.

“Alchimia di noi” di Rosella Lubrano - Video poesia Massimo Rotundo


“Alchimia di noi” di Rosella Lubrano - Video poesia Massimo Rotundo
Alchimia di noi di Rosella Lubrano - Voce Nino Castorina - Musica Thomas Bergersen -- Video poesia Massimo Rotundo
" ALCHIMIA...DI NOI "

TANKA by Marianna Fici

TANKA - MARIANNA FICI

Fiamma ardente
crepita nel camino
Rigido inverno

Aspetto le giornate
infuocate dal sole

Chiamata alle armi del Pd Chiamparino renitente


Allo stato maggiore piemontese e nazionale dei democratici non sfugge il disimpegno del governatore nella battaglia referendaria. Al momento il suo nome non compare nel calendario di iniziative. "Va già bene che non faccia campagna per il No"
Non tutte le strade del Pd portano a Roma. Non certo quella della minoranza, ben lontana da piazza del Popolo dove per il Sì al referendum oggi pomeriggio si terrà la manifestazione “Per un’Italia più forte, un’Europa più giusta”. Ma neppure sarà, quella per la Capitale, la via che imboccherà Sergio Chiamparino. Chi per un istante, uno solo, ha accarezzato il sogno di sbirciare come faceva Nanni Loy in viaggio in seconda classe il dialogo ferroviario tra il segretario regionale Davide Gariglio e il governatore (negli ultimi tempi bersaglio di più di una collaborativa esortazione a cambiare passo 

nella conduzione della macchina di Piazza Castello) dovrà tornare alla cruda realtà. Su quel treno per Roma, stamattina ci sarà solo Gariglio, insieme al nutrito gruppo vacanze Piemonte dem con comitive provenienti oltre che Torino, da tutte le province della regione. Ma non lui, il presidente. Il che non stupisce neanche un po’... continua su: http://lospiffero.com/ls_article.php?id=30138

SAN BAUDULEN, Gianni Regalzi

by, Gianni Regalzi
La tradizione popolare alessandrina riconosce in San Baudolino il protettore della città. Si racconta che nel X° secolo Baudolino abbia liberato soltanto con un cenno della mano, le campagne alessandrine da una invasione di oche che stava devastando i raccolti e che avrebbe portato 
la carestia. Al nostro protettore ho dedicato questi versi in vernacolo. 

SAN BAUDULEN 

A Ruma u j’è San Peder, 
San Giuani a l’è a Tiren 
e chi, smentiumsa nenta, 
u j’è San Baudulen. 

San Peder l’è ‘l prim Papa, 
San Giuani el predicatur 
e Baudulen per noi, 
a l’è u salvatur. 

I chёntu che ‘na vota, 
tònc e tònc ani fà, 
la gent us lamentava 
e la sava pü se fè, 

per vea dla manconsa 
ad roba da mangè. 
Ad pagnoti na j’era pochi 
per culpa ad tütt cul j’ochi. 

Ansёn u l’ha mai scricc 
d’andò chi fiusu amniji 
ma me a sòn sicür 
is bufavu el gron di Uiji. 

Mòngia ancò e mòngia admon 
el gron di Uiji a l’hon finì 
e vulònda acme na mòndria, 
i sòn rivaji fina a Lisòndria.

Testo Unico sul vino in Senato, occorre fare presto

Occorre una veloce approvazione del Testo Unico sul vino che va a tagliare del 50% il tempo dedicato alla burocrazia, con 100 giornate di lavoro che oggi ogni impresa vitivinicola è costretta ad effettuare per soddisfare le 4mila pagine di normativa che regolamentano il settore. Ad affermarlo è la Coldiretti in occasione dell’audizione al Senato sul provvedimento, con l’auspicio che l’aula possa giungere presto ad un via libera definitivo con la conferma delle semplificazioni introdotte dopo il passaggio alla Camera, a distanza di oltre due anni dall’avvio dei lavori parlamentari. Dal vigneto alla bottiglia l’attuale normativa – ricorda Coldiretti - rende necessario adempiere a più di 70 pratiche che coinvolgono 20 diversi soggetti.
Il Testo Unico è il risultato di una lunga mobilitazione di Coldiretti e porterà alla semplificazione delle comunicazioni e adempimenti a carico dei produttori, revisione del sistema di certificazione e controllo dei vini a denominazione di origine ed indicazione geografica con un contenimento dei costi, alla revisione del sistema sanzionatorio, l’introduzione di sistemi di tracciabilità anche peri i vini a IGT e norme per garantire trasparenza sulle importazioni dall’estero. 
La burocrazia - conclude la Coldiretti - è considerata dai vitivinicoltori il principale ostacolo al loro lavoro che nel 2015 ha consentito di realizzare un fatturato record di 9,7 miliardi soprattutto grazie all’export che è stato di 5,4 miliardi e risulta in ulteriore aumento del 3% nel primo semestre del 2016.

Coldiretti Alessandria    

Terzo Valico, antagonisti cercano lo scontro


Tensioni ad Alessandria dove è in programma un confronto con i cittadini sull'utilizzo dei fondi di compensazione. I manifestanti bloccano le strade di accesso e vengono dispersi dalle forze dell'ordine dopo una carica di alleggerimento. In Valsusa tornano i No Tav
Tensioni ad Alessandria tra No Terzo Valico e le forze dell’ordine. Un centinaio di manifestanti ha bloccato gli accessi al Centogrigio Sport Village, dove è in programma un incontro con la cittadinanza sui 60 milioni di euro di finanziamenti connessi al Terzo Valico. “Parlare di Cociv vuol dire parlare di una banda di corrotti, lo dicono le inchieste”, spiega la protesta il leader degli oppositori Claudio Sannita. Le forze dell’ordine hanno disperso i manifestanti con una carica di

alleggerimento. Due manifestanti, secondo quanto appreso, hanno subito lievi ferite nel parapiglia, mentre si stanno valutando la posizione di alcuni di loro. Al momento non sono stati presi provvedimenti... continua su: http://lospiffero.com/ls_article.php?id=30139

Consorzio Agrario del Piemonte Orientale: più capillarità sul territorio e spazi di mercato

“Dalle parole ai fatti”: così il presidente del Consorzio Agrario del Piemonte Orientale Roberto Paravidino, unitamente al direttore Giorgio Collina, ha voluto riassumere il percorso intrapreso in questi ultimi mesi in un’ottica di miglioramento e competitività. 
“Questa inaugurazione rappresenta un obiettivo raggiunto nel nostro percorso di crescita  - ha continuato Paravidino – un nuovo punto di partenza per offrire risposte concrete alle esigenze non solo del mondo agricolo: infatti, con TuttoGiardino e con la rinnovata sede del Fata Assicurazioni la gamma dell’offerta si è ampliata al servizio di tutti”.
Parole importanti per un territorio a forte vocazione agricola che da sempre ha avuto nel Consorzio Agrario un punto di riferimento importante e che oggi più che mai rappresenta la piattaforma di rilancio economico di un settore determinante come quello cerealicolo.
A tagliare il nastro il sindaco della Città di Alessandria, Maria Rita Rossa, che ha sottolineato come “in un momento economicamente non facile inaugurare una realtà economica come questa è motivo di orgoglio per l’intero territorio”.
Per i nuovi locali è stata scelta una location strategica, sulla strada che da Alessandria porta alla frazione di San Michele con ampio parcheggio e un’ampia scelta per il mondo dell’agricoltura e del giardinaggio a prezzi competitivi. 
“Mi fa piacere essere qui oggi perché questa struttura assume un significato diverso e ancora più simbolico dopo quanto è stato fatto e si sta facendo per la battaglia del grano” ha aggiunto Don Ivo Piccinini che ha impartito la benedizione dei locali. 

Torino, ora il bilancio fa acqua


L’assemblea di Smat respinge la richiesta di Appendino di attingere al fondo di riserva. Così la sindaca, dopo essersi scontrata con i comitati dei beni comuni, deve pure rinunciare a quei 6 milioni fondamentali per i conti di Palazzo Civico
Come un fiume in piena che rischia di travolgere l’amministrazione torinese. L’assemblea di Smat nega a Chiara Appendino la possibilità di attingere al cento per cento del fondo di riserva della società delle acque torinesi. Come due settimane fa i Comuni soci hanno fatto valere le loro quote e, nonostante l’accordo ottenuto dalla sindaca con il Cidiu (che detiene il 10,9% dell’azienda idrica) non ha raggiunto il quorum necessario per ottenere il via libera. Per il vicepresidente della Sala Rossa Enzo Lavolta (Pd) si tratta di un “disastro annunciato, dimostrazione dell’assenza di dialogo con i comuni della Città metropolitana”. Una sconfitta su tre fronti per la Appendino, disconosciuta dai comitati per l’acqua pubblica, che hanno sempre contestato questa operazione, bocciata dai comuni dell’area metropolitana e costretta a rinunciare a delle risorse fondamentali, peraltro già messe a bilancio, tanto che lo stesso Lavolta esprime “grande preoccupazione per i conti della Città”. .. continua su: http://lospiffero.com/ls_article.php?id=30136


Avviso importante a tutti i titolari di azienda agricola iscritti negli elenchi previdenziali

Avviso importante a tutti i titolari di azienda agricola iscritti negli elenchi previdenziali
Con l’istituzione del cassetto previdenziale dei lavoratori autonomi agricoli, l’Inps ha messo a disposizione nel proprio sito, la possibilità di consultazione delle posizioni assicurative da parte delle organizzazioni professionali a ciò appositamente delegate dal titolare di azienda agricola. si tratta di un importante strumento informatico che consente di verificare la regolarità contributiva, la ristampa dei modelli f24 relativa ai contributi dovuti (che come noto non vengono più inviati a domicilio), la verifica del nucleo familiare iscritto negli elenchi, l’inoltro delle domande di agevolazioni e variazioni contributive ecc. .
Per poter accedere alla procedura inps occorre ottenere e trasmettere all’istituto apposita delega di consultazione, valida anche per il futuro.
Per tale importante adempimento ed ogni ulteriore chiarimento in merito, invitiamo tutti i titolari di azienda, in occasione dell’accesso ai nostri uffici, a recarsi presso l’ufficio dell’Epaca muniti di un documento di identità.

Coldiretti Alessandria

Una politica senza cittadini? Incontro il 5 novembre con Franco Monaco

Il “Comitato per la difesa e l’attuazione della Costituzione” promuove un incontro sul tema Sempre più distanti: una politica senza cittadini? 
L’evento si terrà sabato 5 novembre 2016, alle ore 17.30, presso la sala conferenze in via Wagner 38/D (ex Taglieria del pelo), e avrà come ospite l’on. Franco Monaco, deputato, già direttore del Servizio stampa e comunicazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Sono previsti i saluti iniziali di Fabio Camillo, consigliere comunale, Carla Nespolo, vicepresidente nazionale ANPI, Davide Servetti, dottore di ricerca in Diritto costituzionale. 
Convinti che l’attuale dibattito pubblico, cogliendo in positivo l’occasione offerta dall’acceso confronto sull’appuntamento referendario di dicembre, abbia bisogno di ampliare lo sguardo e meditare sui problemi di fondo della nostra democrazia, siamo grati all’onorevole Monaco per aver accettato il nostro invito e il tema proposto. La sempre maggiore distanza tra i cittadini e la politica, il governo della “cosa pubblica”, è un morbo che sta inquinando la vita collettiva, a tutti i livelli e in tutti i settori. Come cittadini che hanno a cuore il bene comune abbiamo il dovere di interrogarci su come affrontare questa piaga e pensiamo che il contributo di Franco Monaco - persona da tanti anni impegnata su vari fronti – possa essere di grande aiuto. 

Celebrazioni delle ricorrenze del 2 e 4 novembre 2016 ad Alessandria

Celebrazioni delle ricorrenze del 2 e 4 novembre 2016 ad Alessandria
Il programma di massima previsto per le celebrazioni
2 novembre 2016
Commemorazione dei Caduti di tutte le guerre
Cimitero Urbano e Chiesa Parrocchiale della Madonna del Suffragio di Alessandria

Ore 10.00: deposizione di una Corona recata da due Carabinieri in Grande Uniforme alla lapide commemorativa dei Caduti presso il Cimitero Urbano di Alessandria
Saranno presenti i Gonfaloni del Comune e della Provincia di Alessandria (Medaglia d’oro al V.M.).
Alla cerimonia prenderanno parte le Autorità, le Rappresentanze delle Forze Armate e delle Forze di Polizia, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma e la popolazione.
La Corona che verrà posta sulla lapide recherà la scritta su nastro tricolore: “Alessandria ai suoi Caduti”.
Il “Silenzio” verrà eseguito da un trombettista allievo del Conservatorio Statale di Musica “Antonio Vivaldi” di Alessandria.

Ore 10.30: Santa Messa in suffragio dei Caduti di tutte le guerre, celebrata nella Chiesa Parrocchiale della Madonna del Suffragio in quartiere Pista (corso IV Novembre) ad Alessandria
Alla celebrazione prenderanno parte le Autorità, le rappresentanze delle Forze Armate e delle Forze di Polizia, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma e la popolazione.
Saranno presenti i Gonfaloni del Comune e della Provincia di Alessandria (Medaglia d’oro al V.M.).
Due Carabineri in Grande Uniforme presteranno servizio d’onore ai lati dell’altare.
Un Rappresentante designato delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, nel corso della cerimonia liturgica, darà lettura della “Preghiera per i Caduti di tutte le Guerre”.
---------------------------------
4 novembre 2016
Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate
Monumento ai Caduti di corso Crimea in Alessandria

Ore 09.45: Schieramento della Banda “Civica Orchestra di Fiati G. Cantone” di Alessandria e del picchetto d’onore.

...aspettando I MERCOLEDI’ DEL CONSERVATORIO

Mercoledì 2 novembre 2016, ore 17
Auditorium Pittaluga - via Parma 1, Alessandria
FRANCESCO PAOLO TOSTI E I SUOI POETI nel centenario della morte (1916-2016) SILVANO SANTAGATA tenore GABRIELLA MAZZA voce recitante STEFANO VELLUTI pianoforte
prima parte
MALIA (Tosti - Pagliara)
ADDIO (Tosti - Melville) DONNA VORREI MORIR (Tosti - Stecchetti) QUANDO CADRAN LE FOGLIE (Stecchetti -poesia) QUANDO SARAI VECCHIA (Stecchetti - poesia) SOGNO (Tosti - Stecchetti) L'ULTIMA CANZONE ( Tosti - Cimmino) POUR UN BAISER (Tosti - Doncieux) NU PIANNEFORTE E NOTTE (Di Giacomo - poesia) 'A VUCCHELLA ( Tosti - D'Annunzio) IDEALE (Tosti - Errico) L'ALBA SEPARA DALLA LUCE L'OMBRA (Tosti - D'Annunzio)
seconda parte VORREI MORIRE (Tosti - Praga) APRILE (Tosti - Pagliara) CHANSON DE L'ADIEU (Tosti - Haraucourt) ERAVAMO SETTE SORELLE (D'annunzio - poesia) TRISTEZZA (Tosti - Mazzola) LA SERENATA (Tosti - Cesareo) BACCHIA (D'Annunzio - poesia) L'ULTIMO BACIO (Tosti - Praga) SEGRETO (Tosti - Stecchetti) NON T'AMO PIU' (Tosti - Errico) 

Silvano Santagata. Diplomato in Flauto presso il Conservatorio Paganini di Genova, ha successivamente studiato canto con il baritono Paolo Ancarani e si è perfezionato sotto la guida della maestra Rosetta Noli. Ha preso parte ad importanti rassegne musicali quali: Festival di Villa Imperiale di Genova, Le serate musicali di Milano, Settembre Musica di Torino, Musica per un anno Citta’ di Acqui Terme, Varazze e’ Lirica, Lirica sotto le stelle Citta’ di Balestrino, Perosiana di Tortona e altre. Si è esibito in Francia, Germania, Svizzera, Svezia, Austria, Polonia, Ungheria, Israele, Cina e altre nazioni. 

Orange Festival 2016-2017: Nuova stagione Teatro della Luta di Arquata Scrivia

Orange Festival 2016-2017: Nuova stagione Teatro della Luta di Arquata Scrivia
IL TEATRO DELLA JUTA DI ARQUATA SCRIVIA INIZIA LA NUOVA STAGIONE TEATRALE 
Il TEATRO DELLA JUTA di Arquata Scrivia ospita come sempre la stagione teatrale promossa dall'Associazione Commedia Community, con la collaborazione della Fondazione Live Piemonte dal Vivo, il patrocinio del Comune di Arquata Scrivia, il sostegno di Acos Energia e il contributo della Fondazione CRT
Il Teatro della Juta fa parte del progetto CORTO CIRCUITO PIEMONTE, promosso dalla Fondazione Piemonte dal Vivo. 

Anche quest'anno, inoltre, la collaborazione è estesa al Consorzio Le Botteghe Di Arquata e al Distretto del Novese. La nuova stagione prenderà il via dal 5 novembre fino al 7 aprile. Questi gli spettacoli:

Sabato 5 novembre 2016
NUDA E CRUDA  ANNA MAZZAMAURO. Regia LIVIO GALASSI - Musiche originali AMEDEO MINGHI 

L'attrice di “Fantozzi”, Anna Mazzamauro, torna in scena con lo spettacolo “Nuda e Cruda” dove esorta il pubblico a spogliarsi dei ricordi cattivi, degli amori sbagliati, dei tabù del sesso, a liberarsi dalla paura della vecchiaia, ad esibire la propria diversità attraverso risate purificatrici. Uno spettacolo sagace e liberatorio, insolente e mite che magnetizza il pubblico. 

Sabato 10 dicembre 2016
SUONI DALLA TV  MASSIMO POGGIO, ORCHESTRA CLASSICA  DI  ALESSANDRIA  
Lo spettacolo si snoda lungo un vero e proprio percorso culturale e di costume, che parte dagli anni '60 fino ad oggi. Carosello, La Freccia Nera, Portobello, Odeon, La Piovra, Quark, Il bello delle donne e altre sigle che hanno fatto la storia della Tv italiana e della Società, per ripercorrere insieme le "manie" dell'Italia di una volta. 

Sabato 17 dicembre 2016
SO THIS IS CHRISTMAS SPETTACOLO DI NATALE  (coro, letture e  canzoni). 

CoroLe Note sui Registri”; cantanti solisti: Christian Primavera, Cristian Catto, Selena Bricco
(in tv con “The Voice” e “Take me Out”), Luca Di Stefano. Narratrice: Federica Sassaroli. 
Rilettura divertente e ironica della festività natalizia, unita all'incanto di alcune storie classiche. Le canzoni di Frank Sinatra, Michael Bublè, Mariah Carey, George Michael, John Lennon, insieme a quelle della tradizione eseguite dal coro, accompagnano questo “viaggio” spensierato. 


■  Sabato 28 gennaio 2017

IL FU MATTIA PASCAL  Produzione Teatro Lieve, con GIOVANNI MONGIANO
Scritto nel 1904, è un romanzo di grande attualità, sospeso tra ironia e drammaticità. Lo spettacolo desidera offrirne una lettura contemporanea, grottesca e fuori dal tempo. Suggestioni visive e musicali si intrecciano a un racconto recitativo con cui Giovanni Morgiano ci trasferisce in una sospensione poetica ed evocativa. Un capolavoro!

Nuda e Cruda

Nuda e Cruda
SAN FRANCESCO Corto Circuito Piemonte
Venerdì 4 novembre 2016 ore 21.00
Nuda e Cruda
di con Anna Mazzamauro
Produzioni Stefano Mascagni 
Anna Mazzamauro esorta il pubblico a spogliarsi dei ricordi cattivi, gli amori sbagliati, dei tabù del sesso, a liberarsi dalla paura ella vecchiaia, ad esibire la propria diversità attraverso risate purificatrici. Uno spettacolo sagace e liberatorio, insolente e mite, audace e timido, ridanciano e impegnato che trova nei vari dislivelli emotivi l’energia teatrale per magnetizzare il pubblico e condurlo all’interno dello spettacolo senza filtri inibitori.



Stregatti, Sipario e Marte, Stagione Teatrale 2016/2017

domenica 30 ottobre 2016

I grigi battono anche la nebbia, Alessandria 5 Robur Siena 2


Alessandria Sport: I Grigi battono la nebbia... e il Robur Siena e mantengono il primo posto in classifica con 5 punti di vantaggio. Prossima avversaria il Racing Roma.
In collegamento dallo stadio Moccagatta con Federica Ghisolfi per un analisi sul risultato finale della partita.
audio:




Alessandria vs Robur Siena, classifica e formazioni delle squadre


Lega Pro girone A, l’11° giornata vede l’Alessandria prima in classifica imbattuta con 28 punti, 9 vittorie e 1 pareggio, 21 goal fatti e 6 subiti, giocare sul campo di casa con il Robur Siena 11° in classifica con 13 punti, 3 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, 14 goal fatti e 11 subiti. 
Siamo in collegamento con Federica Ghisolfi dallo stadio Moccagatta per le formazioni delle squadre.
audio:



Alessandria 3 Robur Siena 2, risultato primo tempo


Alessandria Sport: In collegamento con lo stadio Moccagatta dove c’è Federica Ghisolfi per un commento sul primo tempo della partita.
audio:



Al via la legge sul caporalato contro la piaga del lavoro nero


Dopo il sì del Senato dello scorso agosto, la Camera ha definitivamente approvato il disegno di legge per il contrasto del caporalato. Un fenomeno che spesso colpisce la parte più debole dei lavoratori agricoli, mettendo a rischio la loro salute e calpestando la loro dignità.    

“Un passo in avanti importate, arrivato a seguito di nostre numerose sollecitazioni, che contribuisce a contrastare la piaga del lavoro nero – commenta la presidente di Coldiretti Piemonte Delia RevelliIl nostro obiettivo è da sempre, infatti, quello di spezzare la catena dello sfruttamento che sottopaga i prodotti agricoli ed il lavoro nei campi, provocando sofferenza ed emarginazione. Questa nuova legge ci fornisce gli strumenti per portare avanti la nostra battaglia a favore della trasparenza per distinguere chi opera in condizioni di sfruttamento e di illegalità da chi produce in modo onesto e legale. Ora serve – continua Revelli – un’azione di responsabilizzazione di tutta la filiera per garantire che dietro ai prodotti che portiamo in tavola ci sia un percorso di qualità che tuteli l’ambiente, la salute ed il lavoro”.   
Coldiretti Alessandria

Finanziaria: abolizione Irpef confermata, arriva la decontribuzione giovani

Abolizione dell’Irpef agricola, decontribuzione degli agricoltori under 40 e più tutela per il Made in Italy. Sono i provvedimenti per il settore primario contenuti nella Legge Finanziaria approvata dal Consiglio dei Ministri, che portano complessivamente a 1., miliardi il taglio delle tasse per le imprese agricole, considerato lo stop a Imu e Irap in vigore dallo scorso anno. Come anticipato dal premier Matteo Renzi e dal Ministro Maurizio Martina alla Giornta dell’Olio promossa dalla Coldiretti a Firenze, per il triennio 2017-2019 viene dunque abolita la cosiddetta “Irpef agricola”. I redditi dominicali e agricoli non concorreranno cioè alla base imponibile Irpef di coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali. Un provvedimento che interessa circa quattrocentomila aziende agricole consente di recuperare risorse per gli investimenti finalizzati all’innovazione e alla crescita dell’occupazione in un settore particolarmente dinamico come l'agroalimentare Made in Italy. 
“L’agricoltura torna finalmente ad essere un settore strategico nelle politiche del Paese a sostegno della ripresa economica ed occupazionale” commenta il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel commentare positivamente anche “l’impegno del Presidente del Consiglio a tutelare il grano italiano che si trova in un difficile momento di crisi”. E’, infatti, previsto anche il rifinanziamento del fondo Mipaaf per il piano cerealicolo 2017-2019, che servirà a sostenere e stabilizzare gli investimenti per la filiera del grano.

...aspettando I MERCOLEDI’ DEL CONSERVATORIO

Mercoledì 2 novembre 2016, ore 17
Auditorium Pittaluga - via Parma 1, Alessandria
FRANCESCO PAOLO TOSTI E I SUOI POETI nel centenario della morte (1916-2016) SILVANO SANTAGATA tenore GABRIELLA MAZZA voce recitante STEFANO VELLUTI pianoforte
prima parte
MALIA (Tosti - Pagliara)
ADDIO (Tosti - Melville) DONNA VORREI MORIR (Tosti - Stecchetti) QUANDO CADRAN LE FOGLIE (Stecchetti -poesia) QUANDO SARAI VECCHIA (Stecchetti - poesia) SOGNO (Tosti - Stecchetti) L'ULTIMA CANZONE ( Tosti - Cimmino) POUR UN BAISER (Tosti - Doncieux) NU PIANNEFORTE E NOTTE (Di Giacomo - poesia) 'A VUCCHELLA ( Tosti - D'Annunzio) IDEALE (Tosti - Errico) L'ALBA SEPARA DALLA LUCE L'OMBRA (Tosti - D'Annunzio)
seconda parte VORREI MORIRE (Tosti - Praga) APRILE (Tosti - Pagliara) CHANSON DE L'ADIEU (Tosti - Haraucourt) ERAVAMO SETTE SORELLE (D'annunzio - poesia) TRISTEZZA (Tosti - Mazzola) LA SERENATA (Tosti - Cesareo) BACCHIA (D'Annunzio - poesia) L'ULTIMO BACIO (Tosti - Praga) SEGRETO (Tosti - Stecchetti) NON T'AMO PIU' (Tosti - Errico) 

Silvano Santagata. Diplomato in Flauto presso il Conservatorio Paganini di Genova, ha successivamente studiato canto con il baritono Paolo Ancarani e si è perfezionato sotto la guida della maestra Rosetta Noli. Ha preso parte ad importanti rassegne musicali quali: Festival di Villa Imperiale di Genova, Le serate musicali di Milano, Settembre Musica di Torino, Musica per un anno Citta’ di Acqui Terme, Varazze e’ Lirica, Lirica sotto le stelle Citta’ di Balestrino, Perosiana di Tortona e altre. Si è esibito in Francia, Germania, Svizzera, Svezia, Austria, Polonia, Ungheria, Israele, Cina e altre nazioni. Ha eseguito per il Teatro Carlo Felice di Genova, l’Ode Columbus del compositore Angelo Canepa in prima esecuzione mondiale e l’opera ‘’L’escluso di Turi’’ in prima esecuzione assoluta.

L'AQUILONE, Loredana Mariniello


L'AQUILONE
Passeggiavo un giorno
lungo la riva del mare,
quando vidi sulla spiaggia
riverso, l'inerme scheletro
di un bell'aquilone.
Dovevano averlo perso
le esili e distratte mani
di un ragazzino
e tutto solo, credendosi
un aeroplano, quel piccolo
aquilone deve aver deciso
di tentare il volo.
Aveva le vertigini,
librava nell'aria
incerto ed insicuro,
precipitò schiantandosi
all'improvviso,
con un colpo duro
sull'attiguo terreno.
Immobile sulla battigia
col petto rotto,
sicuro perì vittima 
di un brutto botto.

"Trattengo il fiato", Loredana Mariniello

IL SENSO ULTIMO DI UN'EMOZIONE VERA

" Trattengo il fiato "
nell'attimo prestabilito
da un dolce e delicato fato
e allo spirito mio di brace nulla chiedo,
se non poter mirare ancora e ancora
lo sguardo tuo luminoso e lieto
in cui si specchia la storia
di una giovane signora,
di seta non è più lo spettro
dell'eterna mia paura,
muore in una passione
pudica e imperitura.
Apatia degli astanti,
vicini eppur distanti,
intensamente rivivo 
frammenti di istanti
in un incrocio di occhi
attratti seppur equidistanti
scompare il velo che svela
lascivi sentimenti
nudi ma distinti,
primitive anime amanti,
vivono di animaleschi istinti.
Adoro quei brevi momenti,
noi che puri e silenti,
completamente
dimentichi di altri eventi,
liberi ci abbandoniamo
a nuovi suadenti turbamenti.
é amore che sfida le leggi
del tempo e della natura,
il sogno di un'eterea gloria

nel senso ultimo di un'emozione vera.

Malattie professionali indenizzabili il tunnel carpale

Tra le malattie dell’apparato muscolo scheletrico occupa un posto di primo piano la sindrome del tunnel carpale. e’ una patologia che colpisce prevalentemente donne dai 30 ai 60 anni, ma anche gli uomini, e che può compromettere seriamente la manualità, è caratterizzata da formicolio ed addormentamento delle prime tre dita,con difficoltà nella presa di piccoli oggetti. 
tra gli ambiti dove l’incidenza della sindrome è più alta, quello agricolo occupa sicuramente uno dei primi posti, infatti operazioni come la potatura, nelle aziende viticole o frutticole, ma anche qualunque altra attività con frequente impegno funzionale delle mani, nonchè l’uso non occasionale di attrezzature che provocano vibrazioni, possono esserne causa. 
da alcune osservazioni effettuate da parte di importanti strutture ospedaliere sui ricoveri effettuati per curare la sindrome del tunnel carpale e’ emerso che la probabile origine professionale poteva essere attribuita a più dell80% dei casi, tuttavia i soggetti che si erano attivati con la presentazione della denuncia di malattia professionale all’Inail sono risultati essere  pochissimi, più o meno in misura pari al 3% dei casi.

NOI, Daniela Balestrero

NOI, Daniela Balestrero

Fragili
come vetro incandescente
orgasmi lenti
tra le nuvole
e le onde all'orizzonte.

Aria immobile
tra scogli impietriti
come
un cuore vuoto
ed inerte.

La notte si sveglia
con uno sbadiglio
di sole:
vetro trasparente
dove è racchiusa 
la tua anima

solitaria.

La ragazza da sorriso spezzato di Ambra Tonnarelli

by Maura Mantellino
Fresco di stampa è il libro LA RAGAZZA DAL SORRISO SPEZZATO di Ambra Tonnarelli edito da LA COLLINA DEI CILIEGI nella collana ‘Romanzi rosa-I giardini di Marzo’.
Se il sogno di ogni donna è incontrare l’amore con la A maiuscola, di certo non è così per la ventiquattrenne Stella, scrittrice di romanzi, appena trasferitasi a Riccione per iniziare una nuova vita. Da sola. Alla ricerca di una serenità che non ha mai avuto. Da sola. Stella non fa nemmeno in tempo a prendere le valigie dalla sua auto, che subito si imbatte nell’irriverente Alex, suo vicino di casa, carismatico front-man di una rock band, a caccia di successo. All’apparenza, sembra essere il solito ragazzo trasgressivo coperto di tatuaggi, che va a caccia di ragazze da collezionare come trofei, ma non ci vuole molto per scoprire il suo cuore empatico da artista, che si nasconde dietro tale facciata. La forte personalità di Stella e l’aura di mistero che la circonda colpiscono fin da subito il giovane Alex, che tenterà il tutto e per tutto per riuscire a conquistarla. 

La ragazza dal sorriso spezzato è un racconto con una trama avvincente: la caratteristica principale  è uno spontaneo, fresco senso di adesione, una irruente vitalità e, in alcuni momenti, una sorta di adolescenziale turbamento sensuale. Nella descrizione dell’incontro tra i due protagonisti non c’è alcun abbandono idilliaco, ma l’approccio tra i due ragazzi viene colto nella precisa determinazione di un rigoroso e quasi rude senso del vivere. A tratti, nelle parole di Stella troviamo testimonianza dell’inquietudine smarrita che la protagonista prova per  il fascino della vitalità carismatica di Alex. Ha inizio così una lotta serrata tra testa e cuore, razionalità e sentimenti, una lotta che Stella deve vincere per buttar giù il muro che si è costruita per tenere lontano il mondo intero. Riuscirà  a lasciarsi andare all’amore per Alex e cominciare a vivere? 

Già iniziata la campagna di raccolta 2016. Presentazione dei modelli RED all’Inps.

Già iniziata la campagna di raccolta 2016. Presentazione dei modelli RED all’Inps. Gli avvisi NON ARRIVANO  A CASA
Come noto, per molti pensionati sussiste obbligo di comunicare all’Inps, ogni anno i redditi prodotti nell’anno precedente, tuttavia è opportuno mettere al corrente gli interessati che è già iniziata la campagna di raccolta dei modelli reddituali per i soggetti obbligati, ma anche, che non è stato, e non sarà inviato a domicilio alcun avviso da parte dell’Istituto. 
Non tutti i pensionati sono tenuti alla presentazione del modello, poiché dipende dalla tipologia di pensione, dall’importo mensile percepito  e dal fatto che sulla stessa siano corrisposte prestazioni aggiuntive o meno (integrazione al minimo, maggiorazione sociale, assegni familiari, quattordicesima ecc. ecc.). 
In generale si può affermare che molte, tra le pensioni più basse sono soggette alla verifica reddituale e quindi occorre da parte dei titolari compilare e presentare il modello RED. Tale adempimento tuttavia non è dovuto se i redditi rilevanti (che possono essere anche riferiti a più familiari  sono stati dichiarati nel modello fiscale (730 o unico).

La fabbrica dei CUCCIOLI Fermiamo il traffico internazionale: l’amore non si compra.

Ilaria Innocenti e Macri Puricelli
Un reportage toccante e sconvolgente sullo sfruttamento e la sofferenza dietro il traffico dei cuccioli in Europa: i dati, le storie, i personaggi insospettabili.
Una testimonianza del dolore delle madri: sconosciuto, silenzioso, lontano dai nostri occhi e dalle nostre coscienze.
Per salvare la vita a tanti cuccioli «fabbricati» per soddisfare la moda del momento, assieme a quella delle loro madri sfruttate fino all’ultima gravidanza.
Per rendere consapevoli i cittadini dell’importanza dell’adozione da un canile o gattile, invece dell’acquisto.
Il traffico dei cuccioli è un vero e proprio business. I trafficanti li acquistano per 30-50 euro e li rivendono nei Paesi dell’Europa occidentale a partire da 600 euro. Solo in Italia ne arrivano illegalmente circa 8mila ogni mese. Possono avere poche settimane di vita, essere privi di documenti e di vaccinazioni di legge. Magari malati o con tare genetiche. Nel business illegale, che si stima generi un affare da 300 milioni all’anno in tutta Europa, sono coinvolti gruppi di trafficanti organizzati.
Il libro offre non solo gli ultimi dati di questo traffico legato alla zoomafia, ma illustra le attuali leggi, anticipa i futuri regolamenti che la Commissione europea varerà, dà conto dell’impegno delle associazioni animaliste, delle forze dell’ordine e della magistratura. E affronta, attraverso testimonianze, racconti, interviste, le problematiche che a livello europeo questo traffico illegale sta provocando in termini di benessere animale e potrebbe provocare a livello di salute pubblica.

Irpef agricola: importanti risorse economiche per il territorio

La cancellazione dell’Irpef agricola nella manovra finanziaria non rappresenta solo il riconoscimento al ruolo strategico dell’agricoltura a sostegno della ripresa economica ed occupazionale del Paese, ma significa veder riconosciuti gli effetti positivi sul piano ambientale, paesaggistico e culturale, un grande obiettivo che tutti i cittadini possono apprezzare che prevede anche la decontribuzione per le nuove imprese condotte da giovani e si aggiunge alle esenzioni dal pagamento su Irap e Imu.
E’ una netta inversione di tendenza rispetto agli ultimi decenni che restituisce dignità al lavoro nei campi e sostiene la competitività delle imprese agricole italiane.
Questo provvedimento evidenzia quanto si sta verificando in Italia rispetto a tutela del vero Made in Italy: l’agricoltura sta tornando, infatti, ad avere un ruolo centrale per il nostro Paese e le imprese agricole italiane, nonostante le difficoltà, sono cresciute, in termini di valore aggiunto, il triplo dell’industria e il doppio dei servizi, nel secondo trimestre del 2016. 
Sono circa quattrocentomila gli agricoltori italiani che beneficeranno della cancellazione dell’Irpef agricola contenuta nella manovra che consente di recuperare risorse per gli investimenti finalizzati all’innovazione e alla crescita dell’occupazione in un settore particolarmente dinamico come l’agroalimentare Made in Italy.

Una poesia di Piergiorgio Lito


in fondo
l'essenza non è nulla
realmente separata dalla notte
il senso d'appartenenza
l'acciaio del rottamatore
la ferita esposta, la dentatura
della catena arrugginita
l'umido riciclato
humus fertile
punta di trapano autofilettante, vite
o bullone e cinghia
unisce metalmeccanica
creazione a movimento o cerchione
Dacia
la borchia rotola ruffiana
fra cuscinetti a sfera
nei
dell'artista del riciclo
fresa di un ritorno.
"Io sono in te e tu in me...
se fossero purificate le porte della percezione ogni cosa apparirebbe all'uomo così com'è, infinita."
o non finita.
scultura
di Piergiorgio Lito
Opera di Massimo Bertocci



STUDENTI CHE FORMANO ALTRI STUDENTI. IL PROGETTO “FAMULUS NURSING”

ALLA SCUOLA DI MEDICINA UPO GRAZIE AGLI STUDENTI DEL SISM
La peer education ha lo scopo di rendere più efficiente la formazione e l’autonomina dei futuri medici grazie all’affiancamento di altri studenti, alla pratica nei reparti e alla simulazione.
Gli studenti di Medicina e Chirurgia possono contare su un nuovo alleato per migliorare la propria formazione accademica in ambito sanitario: gli studenti del terzo anno del corso di laurea in Infermieristica. Il progetto formativo si chiama Famulus Nursing ed è nato grazie all’iniziativa degli studenti della Sede Locale del SISM Novara (Segretariato Italiano Studenti di Medicina), in collaborazione con la Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale e con Scome – Medical Education.
Famulus Nursing è un programma di peer education (letteralmente “istruzione tra pari”) fortemente appoggiato dai docenti responsabili dei corsi di laurea coinvolti — il professor Marco Krengli per Medicina e Chirurgia e il professor Gianluca Aimaretti per Infermieristica — e ha l’obiettivo primario di migliorare e completare la formazione e la consapevolezza nei propri mezzi dei futuri medici e infermieri. In Italia il progetto è stato sperimentato, con ottimi risultati, solo all’Alma Mater di Bologna e presso il polo didattico di Terni dell’Università degli Studi di Perugia, dove è divenuto parte integrante della formazione degli studenti.