giovedì 27 ottobre 2016

BURCE’ ‘D RIVA TANI, (I burchielli del Tanaro) by Gianni Regalzi

Ligna scüra ch’la galegia
ant’la nèbia e suta au sù.
Ligna vègia ch’la ricorda
cul bèl temp che ormai u j’è pü.

Ligna stonca ch’la purtava
gent sincera an mèž al fiüm.
Ligna frigia ch’la scaudava
cul maten-ni ad breina e füm.

L’acqua verda ui caresava
dala sira ala maten-na
e me papà co’u rêm l’andava
fin che la barca l’era pen-na.

Prisi gèra sabbia fen-na
e l’a ‘n fon, nent tont distont,
el prufil d’ina culen-na.

Quond che Tani l’era gross
e ‘n sla riva u j’era la têpa,
me žiu Pierino con la crava,
l’insidiava cuca sêpa.

Edoardo, an po pi ‘n là
an sla ligna ch’la scrusiva,
con u rêm an t’ina mon,
a l’amniva vers la riva.

Luigi, Pietro, Giulio e Mario
co’u Niblen, Pinot e Tavio
co’l burcé e’l pon da mordi,
a j’andavu a trè žü ‘l cordi.

Ma ‘stà gent che ‘n si burcé
la remava ‘n tù sidur,
u j’è armast ormai pü ‘nzên,
i son tücc co’ ‘l creatur.

Alessandria, 2003
Gianni Regalzi
(el fiò del Bosch e l’anvud du Smoj)

(dalla Raccolta “L'Obiettivo  e l'Anima”
Poesie di Gianno Regalzi 
e Foto d'Arte d'Arte di Roby Novello) 

I BURCHIELLI DEL TANARO
(Traduzione dell'Autore)

Legno scuro che galleggia
nella nebbia e sotto il sole.
Legno vecchio che ricorda
quel bel tempo che non c’è più.

Legno stanco che portava
gente sincera in mezzo al fiume,
legno freddo che scaldava
quelle mattine di brina e fumo.
L’acqua verde li accarezzava
dalla sera alla mattina
e mio papà col remo andava
fino a quando la barca era piena.
Massi, ghiaia, sabbia fine
e all’orizzonte, poco lontano,
il profilo di una collina.
Quando Tanaro era in piena
e sulla riva cresceva il muschio,
mio zio Pierino con l’arpione
agganciava i tronchi.
Edoardo, poco lontano
sulla barca scricchiolante,
con il remo in mano
si avvicinava alla riva.
Luigi, Pietro, Giulio e Mario
con Annibale, Giuseppe ed Ottavio
con i burchielli ed un tozzo di pane
si accingevano a gettare le reti.
Ma di queste persone
che sui burchielli remavano con fatica
non è rimasto nessuno,
sono tutti in Paradiso.

Gianni Regalzi
(La traduzione in lingua non rispetta
la metrica dell'originale privandola
della musicalità propria)









Nessun commento:

Posta un commento