giovedì 30 giugno 2016

Valfrè: “coperture in amianto scadenti, bonifica entro due anni”

La situazione delle coperture in amianto in città e sobborghi . CONSULTA VOLONTARIATO. 29 giugno 2016 . h 17.30. V Mazzini 85 AL.
Il gruppo di coordinamento della CONSULTA delle associazioni no-profit di VOLONTARIATO AMBIENTE - PROT CIVILE  intende riprendere un argomento importante e forse trascurato: la persistenza di coperture e strutture in amianto (in diverse forme) nel territorio comunale di Alessandria.  Ne parliamo il giorno
29 giugno 2016 (mercoledi') alle ore 17.30 presso la SALETTA GIOVANI del TEATRO PARVUM di ALESSANDRIA . Via Mazzini n 85 AL.
Sarà nostra gradita ospite la giornalista dott.ssa IRENE NAVARO autrice di diversi interventi sull'argomento.  
Consulta volontariato

Valfrè: “coperture in amianto scadenti, bonifica entro due anni”
Dalla relazione dell'Arpa sullo stato dell'amianto che ricopre i tetti della Valfrè, emerge come la situazione sia mediamente critica. L'ente di controllo ambientale chiede al Comune di garantire la manutenzione
Bonifica entro “uno o due anni” e nel frattempo, “un programma di manutenzione del sito” . E' quanto chiede l'Arpa al Comune di Alessandria dopo aver effettuato alcuni sopralluoghi alla Caserma Valfrè per monitorare lo stato di conservazione delle coperture in amianto. 
La presenza di lastre di Eternit sui tetti dell'ex sito militare era stata oggetto di un esposto da parte di un gruppo di cittadini che risiedono in Corso 100 cannoni. A seguito della segnalazione, i tecnici di Arpa hanno effettuato alcune verifiche sullo stato di conservazione delle coperture e relazionato agli uffici comunali. I cittadini non hanno mai nascosto la loro preoccupazione per il rischio che le lastre potessero sgretolarsi spargendo particelle

L'ORANGE SUMMER FESTIVAL CON LA COMMEDIA “AMORE…NON È AMORE”

VENERDI' 1 LUGLIO la Stagione Estiva del Teatro della Juta continua in Piazza Libertà ad Arquata Scrivia con i Cani da Compagnia e il loro spettacolo dal titolo Amore…non è amore, commedia in un atto scritta da Paolo Scepi.
La stagione estiva, organizzata dall'associazione Commedia Community - in collaborazione con la Compagnia del Barchì - è resa possibile grazie al patrocinio del Comune di Arquata Scrivia e il sostegno di Acos Energia
In un parco cittadino come ce ne sono tanti, le persone passano, vanno, e il più delle volte non si incontrano, nemmeno con lo sguardo.  Un barbone ne ha fatto la sua casa, una giovane il luogo per un pic-nic speciale, un inconsueto rapinatore il suo territorio di caccia, una giovane donna lo spazio di una resa dei conti. Anime che si incontrano, si conoscono, si scontrano, si abbandonano, insomma anime che si nutrono di sentimenti ed emozioni per crescere e  per mutare.
Lo spettacolo è articolato in un atto unico ed ha come filo conduttore Shakespeare. 
È proprio l’Amore, narrato dal Bardo nel sonetto 116  che, in tutte le sue lingue e sfumature, diventa il presupposto per la trasformazione che ciascun personaggio avrà durante il corso dello

“grigiovolley 24ore”: La IX edizione del Torneo amatoriale di pallavolo a scopo benefico

“grigiovolley 24ore”
La IX edizione del Torneo amatoriale di pallavolo a scopo benefico 

nell’Area Polisportiva “Lauretta Garavelli” di Borgo Rovereto ad Alessandria

Torna, con la sua IX edizione, “GrigioVolley 24Ore”: il torneo amatoriale promosso dall’Associazione Sportiva Dilettantistica ASD GrigioVolley con il patrocinio del Comune di Alessandria.
L’occasione per presentare le peculiarità di questa manifestazione è l’odierna conferenza stampa indetta presso la Sala Giunta del Palazzo Comunale di Alessandria alla presenza di Mauro Cattaneo, Assessore comunale alla Coesione sociale e alla Partecipazione, di Raoul Oliva, Andrea Comola, Paola Albano, Cinzia Celon, Giulia Somma, Giuseppe Celon del Comitato promotore della “GrigioVolley 24ore”, e di Ezio Bressan e Antonio D’Onofrio, Presidente e Vicepresidente dell’associazione “Rovereto Sport & Social Club” che ha in gestione l’Area Polisportiva “Lauretta Garavelli” di Borgo Rovereto (“Ex Gil”, ora Provveditoriato agli Studi in corso Monferrato ad Alessandria).
Dalle ore 16.00 di sabato 2 luglio fino alle ore 16.00 di domenica 3 luglio 2016, proprio quest’area polisportiva sarà infatti teatro di una serie di sfide tra squadre di pallavolo che si confronteranno per rappresentare al meglio non solo la bravura sportiva, ma anche il senso del “gioco-di-squadra” e soprattutto la finalità benefica che caratterizza questa “24Ore” di Volley alessandrina.
Si tratta di un appuntamento sportivo entrato ormai nel novero degli “eventi tradizionali” della Città: una kermesse molto attesa non solo dai giocatori alessandrini, ma da moltissimi appassionati di diverse provenienze: da chi gioca in serie B, a chi gioca a livelli amatoriali, a chi solo gioca per puro divertimento.
La “GrigioVolley 24Ore” è un vero e proprio torneo “non-stop” di pallavolo che si articolerà su tre campi da gioco sui quali si affronteranno le diverse squadre iscritte. 
La finalità solidale della “GrigioVolley 24Ore” è un elemento distintivo da sempre e, per l’edizione 2016, i promotori hanno deciso di devolvere l’incasso per l’acquisto di materiale sanitario che verrà donato in beneficenza ai bambini dell’Istituto “Piccolo Cottolengo Don Orione” di Tortona.
Dentro l’Area Polisportiva “Lauretta Garavelli” sarà allestito uno “spazio-relax” per il montaggio

Italia Nostra: Mombaruzzo (AT) Palazzo Pallavicini 1° luglio visita e esibizione di danza antica

Festival Internazionale di danza "Acqui in Palcoscenico", con il patrocinio del Comune di Mombaruzzo, presso il Palazzo Pallavicini, proprietà e simbolo delle Tenute Damiano, verrà ambientata la ricostruzione storica di danze di corte "A singolar tenzone" eseguita dal gruppo di danza antica "Danze nella storia" di Genova. Prima dell'esibizione la Sezione di Alessandria di Italia Nostra curerà una visita guidata dell'antica residenza nobiliare che domina il paese e che costituiva il fulcro del potere feudale dei marchesi Di Negro Pallavicini sulla Signoria di Mombaruzzo, un esempio mirabile di residenza in stile genovese del secolo XVII in territorio Monferrino giunto sino ai giorni nostri mantenendo pressoché inalterate molte delle sue caratteristiche architettoniche.
Tel: 0131 1926373 Cell: 328 7175254 , 335 6559259 - email:

Amag Mobilità, domani la nomina del nuovo Amministratore unico.


Castelletto d'Orba, Sopra il palco: Che Paciugo!!!


Associazione culturale I 10 Mondi


Andar per Castelletto


Primo Centauri Festival


CANDREVA OUT CON GERMANIA, DE ROSSI IN FORTE DUBBIO

Verso i quarti di finale Euro 2016
29 giugno 2016
 Candreva quasi certamente con la Germania non ci sarà, per Daniele De Rossi si sta facendo un tentativo anche se le chances non sono molte. Enrico Castellacci, responsabile medico azzurro, fa il punto sull'infermeria mentre si avvicina il quarto di finale di sabato contro la Germania e lascia uno spiraglio aperto per il centrocampista della Roma. "Contro la Spagna ha subito un violento trauma contusivo alla coscia destra a livello distale, si è procurato un ematoma con la disinserzione parziale di alcune fibre del vasto laterale. Stiamo facendo di tutto per recuperarlo e anche lui sta facendo di tutto, non ci poniamo delle preclusioni temporali anche se siamo consci del serio problema e del tempo che non è certamente lungo". Per quanto riguarda Candreva, "ha avuto una lesione importante di primo-secondo grado all'adduttore destro. Il ragazzo ha cercato in tutti i modi, sta lavorando tantissimo, per recuperare il più presto possibile, ha avuto dei miglioramenti netti ma non tali da essere soddisfacenti per essere reintrodotto in squadra. Abbiamo fatto degli esami strumentali successivi che hanno confermato il miglioramento della lesione ma non la guarigione e Candreva continua e continuerà a lavorare con lo stesso impegno che ha messo all'inizio per recuperare".

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Euro2016-Italia-Germania-Candreva-De-Rossi-5d36b325-38e9-4e66-8ec0-787c2983b66a.html

Euro2016 - Islanda, una favola sotto il vulcano

Rai News
 La favola dell'Islanda alla sua prima partecipazione a una grande manifestazione calcistica. Curiosità e tifo scatenato per la squadra rivelazione degli Europei 2016.
28 GIUGNO 2016
La favola calcistica della piccola Islanda piano piano si sta facendo leggenda. Alla sua prima partecipazione a una grande manifestazione, la nazionale islandese approda ai quarti dopo aver eliminato i leoni inglesi, sostenuta da tutto un paese, 332mila abitanti di cui l'8% è approdato in Francia per sostenere dal vivo la squadra. I restanti non sono stati da meno: in migliaia si sono riversati nel centro di Reykjavik per guardare tutti insieme la partita. Ed è stato così anche per le gare precedenti, con un popolo intero davanti alla tv tanto che sono state raggiunte punte di share al 99,8% per la sfida con l'Ungheria. E adesso è caccia al biglietto aereo per la Francia.
Il tifo su twitter
 Senza contare il tifo travolgente delle istituzioni su Twitter con l'hashtag #aframisland (Forza Islanda). Così, l'ambasciata islandese nel Regno Unito ritwitta il post di Lineker, ex attaccante dei Tre Leoni, ora commentatore BBC, che ha scritto: "La peggior sconfitta nella nostra storia. L'Inghilterra è stata battuta da un Paese con più vulcani che giocatori professionisti. Ben fatto, Islanda". Il Ministero degli Affari esteri islandese risponde con un grafico, neanche troppo politicamente corretto, a chi gli chiede come sono stati selezionati i calciatori della rosa: al numero degli abitanti dell'Islanda, si legge, sono state sottratte tutte le categorie senza i requisiti per giocare. Dunque donne, bambini, addetti all'osservazione e allo studio dei vulcani, sismologi, pastori, medici e malati, tifosi in trasferta, fisioterapisti. Il numero ottenuto è 23, calcolando che l'allenatore è svedese, precisano.
 L'allenatore dentista e il portiere regista
 E una delle curiosità su questa nazionale-rivelazione riguarda proprio l'allenatore, non uno, bensì due, lo svedese Lars Lagerback e Heimir Hallgrímsson, ex calciatore e dentista che viene dalle isole Vestmann, dove ci sono pulcinelle di mare, e un unico comune abitabile Heimaey, 4 mila anime. Non è il solo ad avere un "doppio lavoro". Anche il portiere Halldorsson è un regista televisivo e di documentari "prestato al calcio". Ha anche collaborato alla realizzazione di 'Inside the Volcano' del giovane regista Saevar Gudmundsson, che ha immortalato il cammino inarrestabile verso l'Europeo, durante le qualificazioni. In molti, hanno un doppio lavoro, una garanzia per il "dopo calcio", un'alternativa all'altro mestiere possibile, l'allenatore. Ce ne sono 165 con licenza Uefa A e 563 con licenza Uefa B in tutto il paese.
Lo speaker e il presidente
 L'Islanda si sta facendo conoscere anche per due tifosi eccellenti, lo speaker Benediktsson, che è nuovamente esploso dopo la sfida con l'Inghilterra - "Puoi lasciare l'Europa, vai dove vuoi!", ha gridato - e il neo presidente Gudni Johannesson, che si è precipitato in Francia per seguire la sua nazionale accanto al predecessore Olafur Ragnar Grimsson.

DOLCE CANTO, Michele Vene

DOLCE CANTO
Una sfera di fuoco
pare il sole
laddove tocca il mare,
e mentre annega
nell'acqua più profonda,
semina in cielo
lanterne di cristallo
...e fa silenzio
sulla terra ormai stanca,
come stanche
le bianche ali di un gabbiano,
che approda al nido
dopo infiniti voli.


E i remi tira in barca
il pescator di glorie
quando, posando il legno
per asciugar sudori,
tace e...respira
nel ricamar chimere.

Come nelle Favole, di colpo appari, ‎Stefano Capasso‎

"" Come nelle Favole,
di colpo appari ""
Ho sempre pensato
che arrivassi,
ma non ero certo,
ne sapevo quando.

E mentre
per il mondo
in giro andavo
nello splendore
o in vie insicure,
spesso mi chiedevo:

Ma Tu dov'eri ?

Poi,
come nelle Favole,
di colpo appari
un giorno,
in tutto il tuo Splendore.

Da quel momento
il Cuore,
con mio stupore,
non ha più cessato
in alto di volare
anzi la folle corsa
non intende
più fermare.

Prosegue con successo la “rassegna estiva 2016” di Alessandria

La programmazione degli eventi promossi dall’Amministrazione Comunale per il mese di luglio
Dopo il positivo riscontro degli eventi proposti nel mese di giugno, la Rassegna estiva 2016 di Alessandria — curata e promossa dall’Amministrazione Comunale (Assessorato ai Beni e Politiche Culturali e alle Politiche Giovanili - Sistema integrato dell’offerta culturalePolitiche per i giovaniPromozione del Territorio, Eventi e Manifestazioni) con il contributo del Gruppo AMAG — prosegue con un ricco e articolato calendario anche per il mese di luglio.
Se l’epilogo del primo mese di attività della Rassegna è rappresentato dal concerto di musica da camera con Stefano Velluti presso la Sala Ferrero del Teatro Comunale (giovedì 30 giugno, ore 21.00 nell’ambito della Rassegna ClassicAlessandria”), con luglio si arricchisce l’articolazione delle proposte cinematografiche, degli spettacoli e dei concerti distinti nelle sezioni tematiche “Cinema sotto le stelle”, rassegna “Jazz Summer Red Note”, “Vinile Alessandria” e “Concerti e Spettacoli”.
Per quanto riguarda il “Cinema sotto le stelle”, le proiezioni si svolgono nel cortile di Palazzo Cuttica di Alessandria: una cornice ideale, sia per la suggestione dell’architettura settecentesca, sia perché via Parma d’estate è chiusa al traffico dalle ore 19.00, quindi non ci sono rumori che possano disturbare. La scansione settimanale per il mese di luglio è per le sere del venerdì e della domenica (costo del biglietto sarà di 4,5 Euro; inizio proiezioni alle ore 21.30) e la programmazione prevede i seguenti titoli: venerdì 1° (Race, il colore della vittoria), domenica 3 (Zootropolis), domenica 10 (Il caso Spotlight), venerdì 15 (Perfetti sconosciuti), domenica 17 (Il libro della giungla), domenica 24 (Irrational Man), venerdì 29 (Lo chiamavano Jeeg Robot), domenica 31 (Kung Fu Panda 3).
Relativamente alla rassegna “Jazz Summer Red Note”, in collaborazione con il Jazz club Alessandria, i concerti si svolgono in via Cavour, nel tratto (opportunamente chiuso al traffico) tra via

Arbëreshë, Maria Cristina Sabella

Arbëreshë☆¸.✿.¸.•´ ¸.•´.-✿
¯**´¯**´¯`˜”*°•.•.¸ღ¸☆´ ¸
Quella lingua straniera
che scorre nelle mie vene
mai imparata ...
sfiorata e vissuta
affacciata alle porte
del cuore di mio padre.
Una lingua straniera
che non mi impediva
di amare quella cultura
diversa dalla mia,
dalle parole
che risuonavano un po strane.

Vinili di Piergiorgio Lito

...a niente, a nessuno
nemmeno a me...
sorprendo ascoltare il vuoto, inerme
la gioia d'un passato
conservato con perizia da collezionista
a riempire caselle, solchi
inospitali come una bomba
nel giubbotto a innesco
da garage cellulare
s'inceppa il suo ruotare, preciso al giro
di trentatré e un terzo, un terzo, un terzo
e altri ancora
a terzi finiti stabilisco che qualcuno
non gradisce l'armonia di questa musica
e incide a stacco, uno stacco noioso
ch'è perdita di volo
del compositore,
ricompone,
mi ricompongo
è morto,
decide il salto.
vinili
di Piergiorgio Lito
dintorni

Antologica Atelier Edizioni - poesie 2016

SOLITUDINE, Vittorio Zingone

SOLITUDINE
Solitudine, indefinibile occhio di ciclone
dove il silenzio le tende ha innalzate!
Come la notte che non spera giorno,
luce irreale d'astro sconosciuto,
la solitudine ha esangue il viso,
preda la mente a tacita follia.
Abbaiare rapido di cani,
lame scintillanti di coltelli,
rotaie consunte
e treni che non posano giammai...
Sempre nel cielo il sole folgorante
e di notte la fascinosa luna;
come pietre trattener le lacrime
gettate oltre il tempo, in lande arcane?
Come potere svincolare l'anima
dalle mille maglie gordiane
che la tengon stretta
nell'occhio del ciclone?
E vanno i tempi come fiumi al mare
e vane creature il cambio si danno
sull'orlo periglioso degli abissi
tra l'Essere assoluto e il non essere...
Antologica Atelier Edizioni - poesie 2016


Perché quello è tuo figlio, Giuseppe Scolese

Perché quello è tuo figlio
ed io malgrado tutta l' empatia
non posso mettermi i tuoi vestiti
le tue scarpe, i tuoi occhi, i tuoi pensieri,
il tuo cuore.
Non posso immaginare i tuoi giorni,
le tue ore, i tuoi lunghi e interminabili
minuti.
Neppure avere sentore del tempo ingrato,
dei commenti dannosi dei vili,
delle risate meschine di quanti
hanno perduto l' amore.
Perché quello è tuo e di nessun altro.
È il tuo mare, il tuo fiume, la tua terra,
il tuo respiro, il tuo canto.
Perché quello è tuo figlio!
Giuseppe Scolese
Antologica Atelier Edizioni - poesie 2016


CALMO E' L'AER, Vittorio Zingone

CALMO E' L'AER
Calmo è l'aer nell'immensa valle;
il sole ha ali d'oro e occhi ridenti
qual corolla screziata in primavera.
La creatura ansiosa d'un vivere diverso
non fiorisce mai; guarda nell'orizzonte
come chi attendesse il lievitare
di chissà quali miraggi.
E vanno i giorni e vengono
senza che dentro l'anima
d'accento muti
il lento fluire della vita.

Antologica Atelier Edizioni - poesie 2016

NINFA DEI BOSCHI, Lucia Ferrante

NINFA DEI BOSCHI
Come ninfa immortale
Libera e indipendente
Per i boschi vado errando
Eternamente giovane
Fanciulla sposa velata
Vestita di sola bellezza
Vo danzando e cantando
I misteri della natura
Accarezzata dai fruscii
misteriosi del bosco
Mi perdo tra il verde
profondo
Mi attende il mio
piccolo santuario
Il mio ninfeo
E colà il mio amante
Uomo mortale
Per lui mi orno di fiori
Per lui sono leggera
ed eterea
Per lui mi libro
in movenze eleganti
e fascinose
Ammantati
del nostro amore
Gli mostro il mio bosco
Mi è infinitamente
riconoscente

Il Pd in cerca di firme per il voto. Ma in realtà è caccia ai rimborsi

by infossanio
L'obiettivo è incassare 500mila euro. Ma si procede a rilento
(Massimo Malpica - ilgiornale.it)
 Roma - «Basta un sì» per fare un po' di cassa. Da giorni circolano gli appelli del Pd ai militanti idem per raccogliere firme in vista del referendum costituzionale.Il tono è enfatico, una chiamata alle armi indicata come decisiva per il partito e per il governo. Ma quel mezzo milione di firme che idem stanno cercando hanno, in effetti, soprattutto un risvolto economico.
I messaggi, molti dei quali portano la firma del vicesegretario Pd Lorenzo Guerini, calcano la mano sul fatto che «per fare il referendum la tua firma conta». Ma la realtà è un'altra, e l'ambiguità dell'appello aumenta solo la confusione. Quelle 500mila firme sono ridondanti, perché il referendum è stato già richiesto ad aprile da un quinto dei deputati, e tanto basta. Renzi però ha voluto comunque che il partito lanciasse la raccolta firme, come peraltro ha fatto anche il comitato del no. Il motivo «ufficiale» è coinvolgere e informare i cittadini sulla riforma e sul voto del prossimo autunno. Ma il vero nodo è soprattutto che, al raggiungimento delle 500mila firme richieste, il comitato promotore ottiene di diritto spazi in tv e radio e soprattutto un rimborso economico. Pari, per la precisione, a un euro per ogni firma valida raccolta.

“LEZIONE DI TANGO” al D cafè – cultura e territorio a Tortona

“LEZIONE DI TANGO” al D cafè – cultura e territorio a Tortona
Venerdì 1 luglio Serata “LEZIONE DI TANGO” dalle ore 19.00 e per tutta la serata a il D cafè – cultura e territorio a Tortona
Ritorna, dopo il successo della scorsa estate, questa travolgente iniziativa, ma quest’anno con una modalità differente che vuole coinvolgere tutti gli  appassionati di questo bellissimo ballo.
I ballerini Pasquale Bloise e Monika GI  offriranno, dalle ore 19.00 presso il D cafè, a tutti gli appassionati, lezioni di tango gratuite; si continuerà a ballare tutti insieme per tutta la serata con la musica di  Casarestango con:
Oscar Casares  (chitarra), Andrea Man (chitarra e voce), Giulano Casares (percussione), con esibizione di Tango con Pasquale Bloise e Monika GI.   
La serata è stata organizzata con la collaborazione di:
Associazione  Pakytango ASD 
Associazione Tangomio ASD
Associazione Peter Larsen Dance Studio ASD

Il D cafè consiglia la prenotazione per la vostra Aperi-cena-Tango per prenotazioni al n. 335.7028427


“il D cafè” – cultura e territorio - Tortona - via Emilia 168.

Datemi un pollo e solleverò il mondo

La proposta di Bill Gates di risolvere la fame dell'Africa investendo sui polli pone una serie di problemi.
Quando Bill Gates rilascia dichiarazioni, la sua voce fa eco in tutto il mondo; non potrebbe essere altrimenti per un personaggio del suo calibro. Alla soglia dell’Estate ci ha messo al corrente della sua presunta soluzione per la fame e la povertà nel mondo: il pollo.

«Combattere la povertà in Africa con 100mila polli. Questa la campagna lanciata da Bill Gates, miliardario fondatore di Microsoft, per aiutare le famiglie africane in difficoltà. (…) Bill Gates ha presentato la sua campagna e ha donato 100mila polli alle famiglie povere dell’Africa, invitando anche altre persone a seguire la sua iniziativa (…) promossa in collaborazione con l’organizzazione di beneficenza Heifer International. Gates è convinto che un contadino, allevando cinque galline, potrebbe arrivare a guadagnare più di mille dollari all’anno, al di sopra quindi della soglia di povertà che è intorno ai 700 dollari. “La nostra fondazione sta scommettendo su polli. (…)»
Ecco che Mr Gates, in cima alla classifica di ‘Forbes‘ dei Paperoni d’America ci spiega che ipolli sono una risorsa a basso costo, un investimento, un rendimento, una scommessa per l’economia. Da anni si occupa di beneficenza attraverso la Bill & Melinda Gates Foundation, quindi pare un

FAI CISL, primo sindacato alla F.lli SACLA’

FAI CISL, primo sindacato alla F.lli SACLA’
La Fai Cisl ha vinto nei giorni scorsi le elezioni per il rinnovo della Rsu alla Fratelli Saclà spa di Asti, azienda leader nel mercato delle olive, del sottaceto e del sottolio che esporta i propri condimenti pronti per pasta (pesto, sughi rossi, etc) in oltre 40 paesi del mondo.
La lista della Fai Cisl ha ottenuto il  57 per cento dei consensi contro il 38 della Flai Cgil e il 5 della Uila Uil. 
Eletti per la Fai Cisl i delegati Paolo Schirru  e Enriotti Massimiliano. La  Flai  ha ottenuto due delegati mentre la Uila non ne ha ottenuto. La nuova Rsu resterà in carica per tre anni. 
Commenta a caldo Enzo Medicina, Segretario generale Fai Cisl territoriale: “Per la Fai Cisl Alessandria - Asti, è una grande soddisfazione perché si è passati da avere un delegato su cinque alle precedenti elezioni a due delegati, sui quattro a disposizione, alle ultime votazioni”.
La Fai Cisl Alessandria-Asti ha sintetizzato in questo risultato il lavoro coerente che il suo gruppo

Archivio storico digitale del Monferrato

Archivio storico digitale del Monferrato
La Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria ha assegnato un contributo per il completamento dell’Archivio storico digitale del Monferrato, un progetto innovativo ideato dal Circolo Culturale “I Marchesi del Monferrato” e sviluppato dalla Linelab di Alessandria.
Alessandria: I Marchesi del Monferrato esprimono la loro gratitudine all’Istituzione bancaria alessandrina e, in particolare, al presidente Pier Angelo Taverna e al Consiglio di Amministrazione, che da sempre sostengono e seguono con interesse i progetti del sodalizio monferrino.
Il completamento del progetto consentirà la messa in rete di una massa documentale la cui entità non può essere attualmente quantificata, anche perché nuovi soggetti istituzionali stanno manifestando l’intenzione di aderire al progetto mettendo a disposizione le loro risorse documentali. Le risorse documentali sono riversate nell’Archivio nel corso di un’attività pluriennale in costante

Cena di beneficenza in ricordo di Margherita Caratto

Mi raccomando intervenite numerosi perchè Margherita era e rimarrà una ragazza super speciale

Renzi vuole usare la Brexit. E avere soldi per le mance in campagna elettorale

by infosannio
(di Stefano Iannaccone -http://www.lanotiziagiornale.it) - La Brexit come un’occasione di rilancio. Per l’Europa. Ma anche e soprattutto un assist per Matteo Renzi.  Sin dal momento in cui è stata ufficializzata la vittoria del Leave al referendum in Gran Bretagna, il presidente del Consiglio ha in testa una strategia ben precisa: sfruttare la situazione per fare cassa, chiedendo la riduzione dei vincoli di bilancio europei. Da questo punto di partenza vuole pianificare una campagna elettorale “generosa” con lo scopo di riconquistare gli elettori in fuga, come ha dimostrato lo scenario delle amministrative di giugno. Perché la possibilità di elezioni anticipate non è così remota. E serve qualcosa di forte, uno shock fiscale, o comunque un piano di spesa pubblica per dare il senso di una sterzata all’economia, andando anche oltre le “solite mance” da 80 euro. Che non hanno più presa sull’opinione pubblica. “Bisogna aprire una nuova stagione di investimenti e non solo di discussioni finanziarie”, ha scandito il presidente del Consiglio, in un’intervista alla Cnn. E ancora: “Dobbiamo discutere non di regole e procedure, dobbiamo discutere del futuro dell’Europa”. Nulla di nuovo rispetto alle affermazioni sull’Ue. Anzi, forse i toni sono meno polemici con il lancio dello slogan: “Non è tempo di divisioni, ma di visione”.

Massimo Gramellini “La chiave inglese”

by infosannio
brexit bandiera-regno-unito-812717(Massimo Gramellini - lastampa.it) - Dal giorno successivo al patatrac, gli inglesi cercano forsennatamente di capire cosa diavolo sia quell’Unione Europea da cui hanno deciso di autoespellersi. Non è una freddura british, ma il freddo responso di Google. La seconda domanda più digitata sul motore di ricerca dai prodi secessionisti britannici risulta essere: «What is the Eu?» («Che cos’è la Ue?»). Seguita da un quesito non meno amletico: «What happens if we leave the Eu?» («Che succede se lasciamo la Ue?»).

Non guardare nell’abisso di Massimo Polidoro

Giovedì 30 giugno alle ore 17:00 a Villa Guerci, Alessandria.
In collaborazione con "Associazione la voce della luna" e il "Circolo provinciale della stampa" . Presso Villa Guerci Alessandria.
“Non guardare nell’abisso” di Massimo Polidoro
in breve:
È una notte di luna piena. In un cimitero di campagna, una piccola processione guidata da un anziano sacerdote impaurito entra in una cripta. Ma non si tratta di un morboso rito esoterico: da una buca nascosta sotto l'altare riemergono mitragliatori, munizioni ed esplosivi. Un vero arsenale di guerra sepolto da chissà quanti anni. 
"Questi cambieranno ogni cosa" dice il leader del gruppo, estraendo il coltello che metterà fine alla vita del prete. È una tranquilla mattina estiva, a Milano. Bruno Jordan esce di casa per la solita corsa nel parco: è un periodo piuttosto piatto, nella vita dell'inquieto cronista di nera, dopo le vicende che l'anno prima lo hanno portato al clamoroso ritrovamento di una donna scomparsa. 
Forse anche per questo, di fronte all'irrituale e insistente richiesta di un ex senatore in pensione di aiutarlo a rintracciare la nipote che non ha mai conosciuto, Jordan cede e accetta l'incarico. Per questo, e perché Publio Virgilio Strazzi non è un ex senatore qualunque: è uno dei nomi più quotati per l'imminente elezione del prossimo presidente della Repubblica italiana. Cominciando le indagini, però, Jordan si rende conto ben presto che l'uomo gli ha raccontato solo una parte della verità. 
Dietro il nonno tormentato dai rimpianti si allunga l'ombra inquietante di un complotto che affonda le radici negli anni più tragici e del dopoguerra. E dietro il vicino della porta accanto potrebbe annidarsi un nemico che aspetta solo il momento giusto per seminare morte e terrore.


Spazio Consumatori: DDL, Pensioni di reversibilità, ennesimo colpo allo Stato sociale?

Nei contenuti del DDL sulle pensioni di reversibilità c’è l’intenzione di effettuare tagli alle stesse infliggendo un altro duro colpo, l’ennesimo, allo Stato sociale. 
C’è il concreto rischio che si intervenga pesantemente e in modo indiscriminato su milioni di pensionati e di riflesso su famiglie e giovani che da loro dipendono, prelevando risorse che in particolare negli ultimi anni in un contesto di crisi e di mancanza di lavoro, si sono rivelate sempre più indispensabili per il loro sostentamento. Nel DDL è previsto che l’accesso alla pensione di reversibilità sia legato all'Isee e quindi al reddito familiare, andando conseguentemente a ridurre il numero delle persone che oggi godono questo diritto. Infatti è risaputo che il tetto dell'Isee è molto basso (fissato solitamente alla soglia della povertà) e per superarlo, facendo saltare tutti i benefici, ci vuole poco. Secondo il ddl le reversibilità saranno considerate prestazioni assistenziali e non più previdenziali. Volendo fare qualche esempio, è sufficiente che una donna anziana viva ancora con suo figlio che

Barosini: Un Sobborgo dimenticato


Sobborgo di San Michele, Alessandria
Rimangono irrisolti i problemi di viabilità - da me plurisegnalati -inerenti al pesante traffico di trattori con rimorchi di materiale biogas diretti alla centrale ubicata nel Comune di Quargnento.
Tale flusso continua ininterrotto ed ha indubbiamente provocato un serio deterioramento del manto stradale di via Remotti, ma soprattutto - mi segnalano i residenti - rappresentano un serio pericolo per i bambini e persone che transitano (scuole, abitazioni, ufficio postale), oltre al disturbo per i rumori che superano la normale tollerabilità. 
Inoltre: il marciapiede in via Casale???
A proposito di viabilità, è normale che la unica piazza di San Michele sia utilizzata come parcheggio notturno e diurno da TIR... ?

In ultimo: per l'esondazione rio?? non si fa nulla.

E' TORNATA L'ESTATE, Silvia Cozzi

by Silvia Cozzi
E' tornata l'estate,
l'estate dai mille colori,
attesa di nuove emozioni,
di palpiti intensi  e fugaci.

E' tornata l'estate,
nell' aria il profumo del mare,
nel cuore la voglia di amare,
di vivere, lasciarsi andare.

E' tornata l'estate
e forte mi abbraccia e mi avvolge,
la sua calda essenza mi porge,
mi invita a tornare a sperare.

E' tornata l'estate
con le notti lunghe e incantate,
canzoni mai dimenticate
che languide bucano il cuore.

E' tornata l'estate,
portando con se i suoi ricordi
di giorni felici e lontani
che il vento non vuol cancellare.

E' tornata l'estate,
ma stanca la lascio passare,
distratta mi voglio voltare,
rifuggo ogni nuova illusione.
S.C.
Giugno 2015


ABBIAMO SPESO TUTTE LE PAROLE, Silvia Cozzi

by Silvia Cozzi
Abbiamo speso tutte le parole,
le abbiamo scritte e sussurrate al vento,
si sono sciolte come neve al sole,
disperse nell'incanto di un momento.

Ora cogliamo il meritato frutto,
di fragola e mirtillo il suo sapore,
avide labbra suggeranno il succo
tra un languido tremore e un batticuore.

E capirai quanto t'ho sempre amato,
le notti insonni ad inseguire un sogno,
che adesso finalmente s'è avverato,
perché di te soltanto io ho bisogno.

Trascorre il tempo inesorabilmente
noi due sospesi in questa dimensione
uniti i corpi e confusa la mente,
fluttuante tra realtà e immaginazione.

Non servono parole questa notte
solo silenzio aleggia tutt'intorno;
questa passione ci travolge forte,
insieme attenderemo il nuovo giorno.
Silvia Cozzi


USB: Stabilizzazione lavoratori Vigili del Fuoco discontinui.

Stabilizzazione lavoratori Vigili del Fuoco discontinui.
CARENZA ORGANICO VVF ALESSANDRIA CARI CITTADINI UTENTI PROSSIMAMENTE SE CAPITASSE DI NON VEDERCI ARRIVARE O VEDERCI ARRIVARE IN RITARDO NON SIAMO NOI I RESPONSABILI USB CHIEDE INTERVENTO DEL PREFETTO PRESSO IL GOVERNO PER ATTIVAZIONE “RISOLUZIONE FIANO”- STABILIZZAZIONE DEI PRECARI.
S.E.  Dott.ssa Romilda TAFURI
PREFETTO DI  ALESSANDRIA
c/o Prefettura di Alessandria 
Lett. Amm. del 29/06/2016 
Egregio Sig. Prefetto,
la scrivente O.S. Unione Sindacale di Base dei Vigili del Fuoco, vuole porre alla Vs attenzione la problematica che da anni ha colpito una serie di lavoratori c.d. Vigili Discontinui.
Come ben sapete questi lavoratori sono una componente importante all'interno del C.N.VVF. e che andavano a completare gli organici nei vari Comandi provinciali, poiché da anni le dotazioni organiche non consentivano ma non consentono ancora oggi ad avere spesso una squadra completa per espletare gli interventi di soccorso.
Con il progetto di riordino effettuato dall'On. Bocci con delega ai Vigili del Fuoco, si è avuta una ricaduta determinante sulle classificazioni dei Comandi e dei loro distaccamenti, purtroppo non si riesce a garantire un organico soddisfacente alle reali necessità nell'espletamento dei compiti istituzionali del Corpo, difficoltà sugli addestramenti, fruizione ferie, riducendo di fatto la classificazione del Comando Provinciale di Alessandria che da normative prevede la presenza in servizio di 40 unità operative è stato ridotto a 38 unità.
A tal proposito la scrivente chiede un Vs interessamento, portando all'attenzione del Governo questa problematica, coinvolgendo di fatto l'On. Fiano il quale sta già lavorando in tal senso predisponendo una risoluzione che prevede la stabilizzazione di detti lavoratori, considerando che i tagli avuti dai vari Governi in particolare sul soccorso, ha ridotto i richiami dei Vigili Discontinui e si prevede la scomparsa della figura sopra descritta.
La necessità di tale richiesta scaturisce dalla carenza di organico del Comando di Alessandria, come si evince dall’ultimo verbale in allegato (IL COMANDANTE  omissis…è legata alla carenza di personale rispetto alle dotazioni previste ed alla necessità di garantire la fruizione delle ferie del personale…omissis)
Avere un organico che risponda meglio alle esigenze dei cittadini, vuol significare riclassificare l'organico dell'intero Comando, anche perché il dato che va preso in considerazione è il numero di

GLI STATI GENERALI DELLA CULTURA AD ALESSANDRIA PER LA TAPPA CHE COINVOLGE ANCHE L’ASTIGIANO

Fa tappa al Teatro Comunale di Alessandria il 30 giugno e 1° luglio, con due giornate di lavori che coinvolgono operatori del settore, professionisti e amministratori locali anche della provincia di Asti, il percorso degli Stati generali della cultura in Piemonte, nel secondo degli appuntamenti previsti sul territorio regionale, che confluiranno in un ultimo atto riepilogativo nell’autunno.
Gli Stati generali della cultura costituiscono l’occasione per definire, attraverso il confronto fra gli attori del sistema, una visione di lungo periodo sul ruolo strategico della cultura in Piemonte. Si tratta infatti di un modello organizzativo di consultazione e progettazione partecipata utilizzato per condividere scelte e definire priorità all’interno del settore. La cultura, in risposta ai mutamenti in corso, necessita di un ripensamento del proprio ruolo anche in relazione agli altri contesti economici e produttivi del territorio, con i quali concorre allo sviluppo locale.
“Quello che la Regione Piemonte ha scelto di intraprendere - spiega l’assessore alla cultura e al turismo, Antonella Parigi - è un cammino destinato a svilupparsi nel corso di tutto l’anno e sull’intero territorio regionale, che innanzitutto offrirà proprio agli operatori del settore la possibilità di essere protagonisti di un processo di rinnovamento. Si chiederà loro di essere gli interpreti diretti delle

La sicurezza non è un optional!

Necessità di telecamere per il controllo.
Alessandria: Recentemente alcune strade del Centro città, via Gramsci, via San Francesco d’Assisi e via Legnano, sono state interessate da una maxi rissa fra bande di extracomunitari, che si è conclusa dopo l’intervento dei carabinieri, con un ferito trasportato all’ospedale. La guerriglia urbana scatenata probabilmente per questioni di droga, avrebbe potuto avere conseguenze anche più gravi per cittadini di passaggio e attività commerciali. I militari stanno indagando e con l’acquisizione dei filmati di alcune telecamere sperano di chiarire la dinamica dei fatti e individuare i colpevoli. Sempre grazie alle telecamere dopo 75 giorni la Polizia è riuscita da individuare uno dei responsabili (altri due sono ricercati) della rapina con sequestro perpetrata nei confronti della giornalista Emma Camagna.
Questi fatti di cronaca ed altri meno recenti, evidenziano che in un contesto di criminalità crescente a causa del perdurare della crisi economica e di alcuni immigrati che non avendo un lavoro, delinquono, le telecamere rappresentato uno strumento importante sia come deterrente, sia per

mercoledì 29 giugno 2016

Ottavi di finale Euro 2016, Ungheria 0 Belgio 4

by Federica Ghisolfi
Formazioni
Ungheria (4-2-3-1): Kiraly, Lang, Juhasz (82’ Bode), Guzmics, Kadar, Gera (46’Elek), Lovrencsics, Pinter (75’ Nikolics), Nagy, Dzsudzsak, Szalai. Ct: Storck
Belgio (4-2-3-1): Courtois, Meunier, Alderweireld, Vermalen, Vertonghen, Witsel, Ninggolan, De Bruyne, Mrtens (70’Carrasco), Hazard (81’Fellaini), Lukaku (76’Batshuayi). Ct: Wilmots
Arbitro: Mazic (SRB)
Marcatori: 10’ Alderweireld , 78’ Batshuayi , 80’ Hazard, 90’+1’ Carrasco
Ammoniti: Kadar, Lang, Elek, Batshuyai
Cronaca
Al 10’ Belgio in vantaggio con un colpo di testa di Alderweireld. L’Ungheria nonostante lo svantaggio non rinuncia giocare e viene tenuta in vita dal proprio portiere. Il match è rimasto in equilibrio fino a 15’ minuti dalla conclusione, Batshuayi appena entrato al posto di Lukaku realizza il gol del raddoppio. Per l’Ungheria neanche il tempo di realizzare di essere sotto di due gol che subiscono il terzo ad opera di Hazard. In pieno recupero va in gol anche Carrasco subentrato ad Hazard.



Ottavi di finale Euro 2016, Germania 3 Slovacchia 0

by Federica Ghisolfi
Formazioni
Germania: Neuer, Kimmich, Boateng, (71’ Howedes), Hummels, Hector, Khedira (76’ Schweinsteiger), Kroos, Draxler (71’ Podolski), Muller, Ozil, Gomez. Ct: Low
Slovacchia: Kozacik, Pekarik, Skrtel, Durica, Gyomber (76’ Salata), Weiss ( 46’ Gregus), Hrosovsky, Skriniar, Hamsik, Kucka, Duris (64’ Sestak). Ct: Kozak
Arbitro: Marciniak (Polonia)
Marcatori: 8’Boateng , 43’ Gomez, 62’ Draxler
Ammoniti: Kimmich (G), Skrtel, Kucka (S)
Cronaca
Al 7’ calico di punizione da parte di Kroos, Khedira riesce ad anticipare tutti e di testa indirizza la sfera sotto la traversa ma il portiere slovacco devia il pallone in corner. Poco tempo dopo vantaggio tedesco: Kroos da calcio d’angolo, la difesa slovacca rinvia la sfera arriva nei piedi di Boateng che insacca di destro, grazie anche a una decisiva deviazione di Pekarik. Al 13’ Skertel strattona Gomez in area e il direttore di gara decreta il penalty, si presenta sul dischetto Ozil, ma si fa ipnotizzare dal portiere slovacco che intuisce il tiro.

Nomina Commissari Udc di Alessandria e Tortona

Gianluca Silvestri
Roberto Ronchi
Nomina Commissari Udc di Alessandria e Tortona
Gianluca Silvestri, libero professionista, è il nuovo Commissario Udc di Tortona.
Roberto Ronchi, manager aziendale, è il nuovo Commissario Udc di Alessandria.
Affidiamo a due persone, con provata esperienza e cristallino curriculum etico-morale, la guida del nostro movimento a livello territoriale.
Siamo consapevoli che il caos politico-amministrativo, che sta caratterizzando lo scenario locale, nazionale ed internazionale, necessiti di una brusca e sostanziale svolta.
Noi vogliamo essere attivamente partecipi a questo radicale cambiamento, e lo facciamo affidando ruoli di responsabilità a persone oneste ed indiscutibilmente preparate; siamo altrettanto certi che la 'zattera' dell'Udc prestissimo ci condurrà verso la nostra stella-polare: siamo a disposizione per la costruzione di un grande partito che raccolga donne e uomini che si richiamino ai principi di ispirazione cattolica, un partito liberale, riformatore ed antitetico ad anacronistiche ideologie. Il Partito Popolare.
A breve anche Acqui, Novi, Casale ed Ovada avranno nuovi dirigenti.
dott. Giovanni Barosini
Udc provincia Alessandria

3384692651

Renzi Enews 434 Mercoledì 29 giugno 2016


Renzi Enews 434 Mercoledì 29 giugno 2016
1. Cosa insegna il referendum sulla Brexit.
La notizia del Regno Unito che lascia l'Europa fa impressione. Ci siamo svegliati increduli. Adesso però è tempo di reagire. Accanto al rispetto per il popolo britannico che ha deciso in modo democratico, c'è bisogno di scuotere l'Europa. In questi anni le istituzioni europee sono apparse molto attente all'austerity e alle questioni finanziarie (e non sempre nel modo giusto). Ma l'Europa è stata timida e distante quando dovevamo parlare di valori, di crescita, di immigrazione, di futuro. La posizione italiana non è cambiata: mettiamo al centro l'Europa degli ideali, ma anche degli asili nido, delle scuole, dei musei, delle piazze e non dei muri. L'Europa comunità contro l'Europa della sola tecnocrazia.
L'Italia lo dice da mesi. Spero che questo shock ci aiuti a procedere nella direzione giusta.
La decisione del Regno Unito - infatti - non può essere minimizzata, non si può far finta di nulla o sperare che passi la tempesta senza muovere foglia. Né si può pensare adesso di riaprire l'ennesimo teatrino sulle procedure. Ex malo bonum, dicevano i latini. È il momento di rilanciare con forza l'Europa come casa di pace e di futuro. Portando la vostra voce al Consiglio Europeo ho scelto di partire ricordando Jo Cox, la deputata inglese uccisa due settimane fa. Il pensiero di quei bambini che non vedranno più la loro mamma uccisa per le sue idee mi fa male. Vorrei che la sua storia non fosse

Ottavi di finale Euro 2016, Francia 2 Irlanda 1

by  Federica Ghisolfi
Il protagonista assoluto di questo incontro è il giocatore dell’Atletico Madrid Griezmann. La Francia però incontra delle difficoltà ma alla fine ne esce vincitricee batte l’Irlanda, squadra a cui non riesce l’impresa di vendicare i play-off per accedere ai Mondiali 2010, quando i francesi pareggiarono e si qualificarono.
Formazioni
Francia (4-3-3): Lloris, Sagna, Rami, Koscielny, Evra, Pogba, Kantè (46’ Coman, 90’Sissoko), Matuidi, Griezmann, Giroud (73’Gignac), Payet. Ct: Deschamps
Irlanda (4-4-2): Randolph, Coleman, Duffy, Keogh, Ward, Hendrick, McClean (67’ O’Shea), ,Mc Carthy (72’Hooòahan), Brady, Murphy (65’ Walters), Long. Ct: O’Neill
Arbitro:Rizzoli (ITA)
Marcatori: 2’ rig Brady (I), 58’ e 61’ Grezmann
Ammoniti: Kantè, Koscielny (F), Hentdrick, Coleman, Long (I)
Espulsi: 66’Duffy
Cronaca
Dopo soli 2’ minuti Pogba commette fallo su Long e Rizzoli concende il calcio di rigore, sul dischetto si presenta Brady, che realizza. La reazione francese è disordinata e l’unico episodio degno di nota della prima frazione è una parata di Lloris su Long. Nella seconda frazione Deschamps manda in campo Coman al posto di Kantè. Al secondo minuto occasione per la Francia con un colpo di testa di Koscieny ma la sfera finisce sull’esterno della rete.

Tira aria di Euroinciucio

L'isteria collettiva del dopo Brexit ha gettato gli eurocrati nel panico. Così, Paese per Paese, iniziando dalla Spagna e passando per l'Italia, si respira aria di "grandi coalizioni" in chiave "anti populista". Con buona pace di elettori e democrazia...
(di Federica Venni - http://www.lintraprendente.it) - La Brexit genera mostri. Dopo che intellettuali, editorialisti, saggisti e soloni della prima ora ci hanno deliziato con le analisi sul voto puntando il dito contro elettori vecchi, razzisti e ignoranti, in questo inizio di settimana è la volta della controffensiva “politica”. Per contrastare, dunque, questo fantomatico gregge di capre che si fa così facilmente infinocchiare dai venti populisti (ah, la semplificazione) che ormai soffiano da e verso ogni parte del Vecchio Continente – si affina l’analisi – serve correre ai ripari. Così, nel clima di generale e isterico allarmismo che si sta generando tra le anime europeiste, ecco che spunta l’inciucio come panacea di tutti i mali. Mascherato da “Grande Coalizione” o da “Governo di Unità Nazionale” l’orrido patto tra forze politiche opposte sarebbe oggi non solo giustificato, ma profondamente legittimato nel nome della difesa del bene comune contro le derive separatiste. Quale sia, poi, questo bene comune, ancora non è chiaro. Certo non quell’Europa meramente punitiva e burocratica a cui siamo stati abituati fino ad oggi. In difesa della quale, però, si ergono appunto gli scudi della

Finale Coppa America 2016, Argentina 0 Cile 0 (2-4 d.c.r)

Version:1.0 StartHTML:0000000105 EndHTML:0000007845 StartFragment:0000002838 EndFragment:0000007809
Finale Coppa America 2016, Argentina 0 Cile 0 (2-4 d.c.r)
da Federica Ghisolfi
Formazioni
Argentina (4-3-3): Romero, Mercado, Otamendi, Mori, Rojo, Biglia, Mascherano, Banega (111’Lamela), Messi, Higuain (70’Aguero), Di Maria ( 57’ Kranevitter). Ct: Martino
Cile (4-3-3): Bravo, Isla, Medel, Jara, Beausejour, Vidal, Aranguiz, Diaz, Fuenzalida (80’Puch), Vargas (109’Castillo), Sanchez (103’Diaz). Ct: Pizzi
Arbitro: Lopes (BRA)
Ammoniti: Diaz, Vidal, Beausejour, Aranguiz (C), Mascherano, Messi, Kranevitter (A)
Espulsi: Diaz (C), Rojo  (A)
Sequenza dei rigori
Vidal (C) parato
Messi (A) fuori
Castillo (C) gol
Mascherano (A) gol
Aranguiz (C) gol
Aguero (A) gol
Beausejour (C) gol
Biglia (A) parato
Silva (C) gol
Cronaca
I tempi regolamentari sono stati a favore degli argentini. Al 21’ chance per Higuain ma non è stato bravo a sfruttare un errato disimpegno da parte dei cileni. Il Cile intorno alla mezz’ora rimane in dieci a causa dell’espulsione di Diaz, però venti minuti dopo si è ristabilita la parità numerica, è stato
espulso per l’Argentina Rojo. Nella seconda frazione si è lanciato in contropiede collezzionando due buone occasioni per andare in vantaggio prima con Edu Vargas e la