martedì 31 dicembre 2013

Auguri dal quartiere Borsalino a tutti gli alessandrini, BUON 2014!!!


by Pier Carlo Lava, breve storia del quartiere, Alessandria.
Eravamo a meta degli anni 70, nella periferia sud, verso il fiume Bormida, l’espansione di Alessandria si era fermata con le ultime case di via Galimberti, da li in avanti solo campi coltivati che proseguivano oltre il fiume, sino ad arrivare a Spinetta Marengo.
Fu in quel periodo che Romolo Montanari ebbe l’idea e creò la “Cooperativa Edmondo De Amicis”, la cui finalità era quella di realizzare un complesso di case ad edilizia popolare convenzionata. Le prime due case furono ultimate alla fine del 1977 e nel giro di pochi anni furono costruite le altre case sino a completamento del progetto, all’epoca non esisteva ancora la tangenziale e nemmeno la rotonda di via Marengo, e via dei Lumini, una strada stretta, senza marciapiedi, dove due auto passavano a fatica, collegava il villaggio con via Galimberti. Nacque così il più piccolo quartiere della città quello che ancora oggi i residenti chiamano villaggio Borsalino, in effetti all’epoca pur non essendo molto distante dalla città sembrava di stare in campagna, ogni casa aveva il suo giardino con molti alberi intorno, il verde e la quiete non mancavano. L’ambiente era piacevole e tranquillo per vivere e far crescere i figli e questa situazione durò per diversi anni, poi il progresso e l’evoluzione dei tempi portarono alla realizzazione della tangenziale, con la rotonda di accesso in via Marengo, e via dei Lumini cambiò nome e diventò via Moccagatta, una super strada a quattro corsie, con larghi marciapiedi e uno spartitraffico centrale con grandi lampioni, che di notte la illuminano a giorno. Ogni evoluzione ha degli aspetti positivi e altri meno, gli interventi di cui sopra determinarono indubbi vantaggi per quanto concerne la viabilità, ma per contro il traffico aumentò notevolmente, così come il rumore e lo smog.
Infatti le auto e non solo, in entrata e in uscita dalla città, trovano più comodo evitare il semaforo di via Marengo antistante il Mac Donalds e quindi transitano all’interno del villaggio, senza minimamente rispettare il limite di velocità dei 30 km/ora, mettendo ogni giorno a rischio l’incolumità dei residenti.
Con il passare degli anni nel quartiere ci fu la necessità di provvedere ad effettuare lavori di manutenzione, che le varie Amministrazioni che si sono succedute non hanno mai effettuato, al punto che i residenti si sono sentiti abbandonati e trascurati come se fossero cittadini d serie B. Negli ultimi anni anni però la situazione è migliorata, nel quartiere sono stati effettuati diversi lavori, fra cui l’asfaltatura di due grandi parcheggi pubblici, l’installazione di alcune panchine mancanti, la messa a dimora di numerose piante, il parco giochi, la fontanella antistante e inoltre, in questi ultimi mesi c’è una luce nuova nel quartiere, perchè sono state sostituite le lampade tradizionali con lampade a led, che illuminano di più, inquinano di meno e consentono un risparmio nei costi. Per completare l’opera rimarrebbero ancora alcuni interventi, ad esempio il rifacimento del marciapiede dissestato di via Piacentini, la sistemazione di alcuni tratti di quello di via Don Giovine, la sostituzione di alcune piante che sono morte per incuria e il rifacimento della pista ciclabile di via Moccagatta, anche se va detto che il problema maggiore rimane la velocità pericolosa della auto che lo attraversano. A proposito di

Degrado: Cittadini indifferenziati... e incivili!!!

Alessandria: Giardini scuola elementare Morando
Via Moccagatta
Via Salvo D'Acquisto
Via Moccagatta
Via Moccagatta
Via Don Giovine

Capodanno, una festa per tutti?


La notte di San Silvestro può rivelarsi un vero incubo per cani e gatti, terrorizzati dal rumore provocato dallo scoppio di petardi e fuochi artificiali. Molte città, tra cui Alessandria, hanno già provveduto a emettere ordinanze per dire stop ai botti
PROVINCIA - Pronti a festeggiare l’ultimo dell’anno? Una nottata all’insegna del divertimento, ma non per tutti. La notte di San Silvestro può infatti rivelarsi un vero incubo per gli animali di casa. Petardi e fuochi d’artificio, mortaretti e giochi pirotecnici, sono fonte di terrore per i nostri amici a quattro zampe. 
Lo scoppio di un petardo o di un fuoco d’artificio, già fastidioso per l’orecchio umano, può portare nel cane o nel gatto di casa ansia e paura, sino a condurlo verso traumi o vere e proprie crisi di panico. Gli animali, infatti, si distinguono per una differente percezione del rumore e per un udito molto più sviluppato rispetto a ... Provincia - Capodanno, una festa per tutti? - Novi Ligure - AlessandriaNews

Cascina Rosa allagata - Gallerie Fotografiche - AlessandriaNews

Rossa: "il 2014 è l'anno per affrontare il futuro"


Alessandria | "Abbiamo superato la fase di emergenza e ora siamo pronti ad affrontare il futuro". Con queste parole il primo cittadino fa un bilancio di quanto è stato fatto in questo anno che sta per terminare e butta l'occhio già sui progetti futuri, quelli che insieme al risanamento possono portare la città "a risalire la china"

Stiamo Insieme Alessandria


Capodanno 2014 Villa Bottaro


Un circo senza animali


Ciao a tutti, un aggiornamento in merito ai circhi equestri in Alessandria.
Come molti di voi sapranno il regolamento comunale stabilisce un solo circo all'anno, quest'anno il circo accreditato per la nostra città è Bellucci uno fra i circhi con il più alto numero di animali al seguito, lo stesso che è ricorso al TAR per far decadere l'ordinanza emessa dal sindaco nel 2011 in cui si vietava l'attendamento dei circhi con animali esotici, purtroppo ricorso accettato dal TAR. 
Tutto questo non ci ha scoraggiati e ricorrendo alle leggi nazionali ed alcuni articoli del nuovo regolamento sul benessere degli animali emesso dal comune di Alessandria abbiamo continuato a sollecitare le istituzione a finchè tutto venga rispettato nei minimi dettagli (ringraziamo il comune di Alessandria per la collaborazione). 
Nel frattempo in Alessandria è arrivato il bellissimo spettacolo circense (senza animali) di Magnifico Acquatico e

STATUTO Rilanciamo Alessandria


Art.1) Costituzione e Denominazione
E' costituita l'Associazione di volontariato denominata "RilanciAMO Alessandria". Tale associazione è costituita ai sensi della legge 11.08.1991 n. 266 e della legge regionale 29.08.1994 n. 38 e persegue il fine esclusivo della solidarietà sociale, umana, civile e culturale.
Art.2) Sede
L'Associazione ha sede in Alessandria, via Parnisetti 10.
Il Consiglio Direttivo può trasferire la sede dell’Associazione nell’ambito della città di Alessandria senza necessità di una deliberazione dell’Assemblea. Il trasferimento della sede sociale presso altri comuni e l’istituzione di sedi secondarie o sezioni distaccate dovrà essere autorizzata dall’Assemblea.
Art. 3) Principi
L’associazione è apartitica e si atterrà nella sua organizzazione e funzionamento ai principi cardine della assenza del fine di lucro, dell’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale, della democraticità della struttura, dell’elettività di ogni carica sociale, della gratuità delle cariche associative, della gratuità delle prestazioni fornite dagli associati i quali svolgeranno la loro attività in modo personale, spontaneo e volontaristico. L’associazione garantirà ai propri associati il solo rimborso delle spese anticipate e sostenute in nome e per conto dell’associazione, nei limiti e

Comune di Alessandria: Protocollo Odontoaiuto


Protocollo d’intesa avente ad oggetto lo sviluppo di un’attività di assistenza socio-sanitaria volontaria prestata a favore di persone economicamente svantaggiate.
tra il Comune di Alessandria con sede in Alessandria, piazza Della Libertà n. 1, C. F. 00429440068, rappresentato da Maria Rita Rossa, nata ad Alessandria il 19 aprile 1966, nella sua qualità di Sin- daco e legale rappresentante (di seguito: “il Comune”) e i singoli medici odontoiatri sotto meglio identificati e di seguito riportati nel presente protocollo d’intesa come “i Medici” quando letteralmente indicati collettivamente e come “il Medico” quando citati individualmente:
1. Giampaolo Guerci, nato ad Alessandria il 13 novembre 1959, C. F. GRCGPL59S13A182I, a- gente in qualità di medico odontoiatra iscritto all’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e O- dontoiatri di Alessandria al n. 3417, P. IVA n. 01646490068, ed esercitante la libera professio- ne di medico odontoiatra presso lo studio ubicato in Alessandria (AL), via U. Rattazzi n. 31;
2. Giovanni Lombardi, nato ad Alessandria (AL) il 17 febbraio 1960, C. F. LMBGNN60B17A182X, agente in qualità di medico odontoiatra iscritto all’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e O- dontoiatri di Alessandria al n. 3412, P. IVA n. 01255460063, ed esercitante la libera professio- ne di medico odontoiatra presso lo studio ubicato in Alessandria (AL), spalto Marengo n. 118;
3. Giovanni Malcovati, nato a Pavia (PV) il 21 settembre 1961, C. F.␣MLCGNN61P21G388E, a- gente in qualità di medico odontoiatra iscritto all’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e O- dontoiatri di Pavia al n. 5302, P. IVA n.␣01495160069, ed esercitante la libera professione di medico odontoiatra presso lo studio ubicato in Alessandria – fraz. Spinetta Marengo (AL), vico- lo Don P. Toselli n. 5;
4. Giuseppe Giulio Gullo Vivaldi, nato ad Alessandria (AL) il 30 agosto 1984, C. F. GLLGPP84M30A182I, agente in

Balduzzi: un grazie a Napolitano, attento garante della Costituzione


ANSA) – ROMA, 27 DIC – “Con la lettera di oggi ai presidenti di Camera e Senato e al presidente del Consiglio sui limiti all’emendabilità dei decreti-legge in sede di conversione in legge, il Capo dello Stato si conferma inflessibile e attento garante della Costituzione, senza sconti a nessuno, neppure a un Governo e a una maggioranza pur considerati necessari nell’interesse del Paese. Dobbiamo, ancora una volta, dirgli grazie”. Lo dichiara Renato Balduzzi, responsabile problemi costituzionali di Scelta Civica e presidente della Commissione parlamentare per le questioni regionali. “Quando il presidente Napolitano ricorda il suo intervento dello scorso anno in cui ammoniva a non inserire nell’esame parlamentare del decreto-legge oggetti estranei pena la non promulgabilità della relativa legge di conversione, ci fornisce non solo una chiave di lettura della vicenda del cosiddetto salva-Roma, ma anche un modello di relazioni istituzionali trasparenti e civili. Mi auguro che tutti, maggioranza e opposizioni, ne sappiano prendere atto. Scelta Civica, proprio in quest’occasione, ha dato prova di volerlo e saperlo fare”, conclude.(ANSA).

Emergenza fai da te


“La pianura alessandrina non è teatro di tornados tropicali. Semplicemente vi scarnebbia.”
Umberto Eco, Il miracolo di S. Baudolino, Carlo Maccagno – Tipografo in Alessandria, gennaio 1989. 
L’articolo di Piero Bottino, direttore della redazione alessandrina di La Stampa, mi fornisce l’occasione per intervenire su un tema di attualità, quello della gestione delle informazioni in situazioni di emergenza, molto sentito dalla popolazione del quartiere degli Orti, duramente colpito dall’alluvione del novembre 1994. 
Nell’estate dell’anno successivo a quel disastroso evento alluvionale, un gruppo di abitanti del quartiere Orti, sollecitato dall’allora giovane parroco don Gino Casiraghi, ha dato vita ad una associazione di volontariato per la protezione civile “Orti Sicuro”. Sono passati quasi vent’anni e da allora, tutte le settimane, ad esclusione dei due mesi estivi, il Direttivo dell’associazione si riunisce per discutere sulle misure da intraprendere per avvertire tempestivamente gli abitanti del quartiere in caso di situazioni di emergenza.  Fortunatamente, durante questo ventennio sono successe due cose che hanno radicalmente cambiato lo stato della sicurezza del quartiere: 1) le opere poste in essere per la sicurezza della città di Alessandria dall’AIPO, il  braccio operativo dell’Autorità di Bacino del fiume Po; 2) lo sviluppo di internet che, grazie anche all’operosità delle strutture regionali dell’Arpa, ha messo a disposizione di tutti i cittadini le informazioni utili ai fini della sicurezza e

Gli Ecodem sulla TAV Torino - Lione


Silvia Fregolent Città Futura on-line  
“Quando si parla di opere pubbliche nel nostro paese e nella nostra Regione, bisognerebbe farlo a 360 gradi”: è quanto dichiarano gli esponenti Ecodem Silvia Fregolent (deputato Pd e membro dell’esecutivo nazionale Ecodem, ora anche del massimo organo direttivo del PD), Emanuele Durante (presidente regionale Ecodem Piemonte) ed Antonio Ferrentino (sindaco di Sant’Antonino di Susa e membro del direttivo regionale Ecodem Piemonte) sulla realizzazione della Tav.“Le grandi infrastrutture di trasporto, soprattutto quella ferroviarie, non sono oggetti ‘magici’ che automaticamente, una volta realizzate, si riempiono di traffico e portano sviluppo. Perché questo accada – riporta la nota congiunta – è necessario che questo paese, questo parlamento, facciano scelte precise a favore dell’intermodalità gomma - ferro di rafforzamento di quella che è la rete di trasporto ferroviario locale”. “In Valle di Susa, nell’indifferenza più totale, si sta scavando una seconda galleria autostradale con le stesse dimensioni, le stesse caratteristiche della ipotizzata galleria ferroviaria della Torino - Lione. Ormai siamo a

Appello ai giovani per l'Europa


Daniel Cohn-Bendit & Felix Marquardt
C’è un segreto molto ben custodito dai politici nazionali che dobbiamo smascherare nelle elezioni europee del prossimo anno: lo Stato-Nazione, da loro visto come fattore essenziale della governance moderna, sta diventando una struttura politica obsoleta. Questo è particolarmente vero per i paesi europei. Negli ultimi anni l`Europa è vissuta in perpetua crisi e sta ora assistendo al dramma di una generazione costretta a vivere al di sotto degli standard di cui ha potuto beneficiare la generazione precedente.
La gioventù europea si trova di fronte a un bivio: accelerare il processo che porta alla completa integrazione o prolungare la lenta deriva verso l`irrilevanza. Eppure rispetto alla pericolosità della situazione, la proposta più ambiziosa è quella di far svolgere le elezioni lo stesso giorno in tutti i paesi dell`Unione e di eleggere con votazione diretta il presidente della Commissione Europea. Siamo ben lontani dal... Città Futura on-line

La doppia tragedia del partigiano calabrese Dante Castelluccio


Salvatore Ragonesi
Tra storiografia resistenziale e memorialistica autoreferenziale.   ...Le falsità storiche sulla tragica fine del partigiano calabrese Dante Castellucci,detto Facio.   ...
Sul partigiano Dante Castellucci,detto Facio, nato a Sant’Agata di Esaro in provincia di Cosenza il 6 agosto 1920 e ucciso proditoriamente dai suoi stessi compagni di lotta ad Adelano di Zeri in provincia di Apuania (oggi Massa-Carrara) la notte del 21 luglio 1944, non sono mancate nel corso degli ultimi anni le ricostruzioni biografiche e le interpretazioni della sua morte da parte di molti studiosi e cronisti locali e nazionali. La mia rievocazione si aggiunge adesso alle altre, ma senza il grave rischio, almeno lo spero, di sovrapporre agiografia ad agiografia, mistificazione ideologica a mistificazione, invenzione fantastica ad invenzione. Solo il saggio di Carlo Spartaco Capogreco, Il piombo e l’argento, edito da Donzelli nel 2007, è un pregevole testo e un... Città Futura on-line

Ultime notizie

Vietati botti e fuochi a San Silvestro e attenzione al brindisi per strada


Emesse le ordinanze
Petardi, due ordinanze ad Alessandria e ad Acqui in modo diverso
SELMA CHIOSSO ALESSANDRIA
Capodanno senza «botti». Almeno ad Alessandria e Acqui. La polizia da un mese, (specialmente con la sezione Amministrativa) e la Guardia di Finanza stanno controllando la vendita dei petardi per evitare che «mortaretti taroccati e pericolosi possano essere immessi nel ... La Stampa - Vietati botti e fuochi a San Silvestro e attenzione al brindisi per strada

Morta intossicata dopo il pranzo di Natale, ancora un mistero la causa


Una nota dell’Asl
La casa di riposo LIsino
R. AL. TORTONA
Sono ancora in corso gli accertamenti di laboratorio per appurare le cause dell’intossicazione che, dopo il pranzo di Natale, ha colpito 51 ospiti della casa di riposo Leandro Lisino di Tortona, provocando - secondo la denuncia dei figli - la morte di una donna di ... La Stampa - Morta intossicata dopo il pranzo di Natale, ancora un mistero la causa

Intossicazione alla 'Lisino': morta una ospite, inchiesta della Procura


Tortona | 29/12/2013 — Un'inchiesta è stata aperta dalla Procura di Alessandria per stabilire cause e responsabilità per l'intossicazione di 51 persone ospiti della casa di riposo 'Leandro Lisino' di Tortona dopo il pranzo di Natale. Una delle... Il Piccolo || Articolo || Intossicazione alla 'Lisino': morta una ospite, inchiesta della Procura

In occasione del discorso del Presidente Napolitano ...


Marina Elettra Maranetto Città Futura on-line
 ... Un appello poetico ...
Sai... tante volte ho pensato cosa avrei fatto fossi nata in una condizione diversa da quella che in sorte m'è capitata.
Posso permettermi il lusso dell'onestà e del rigore.
Ma che avrei fatto?
Qualsiasi cosa credo... nell'indigenza, nell'ignoranza e nella disperazione. 
Così oltre la "manovalanza" di destra che è ben individuabile e si può contrastare con atti concreti, metterei la manovalanza di mafia: molto difficile qui avere dati statistici certi e strumenti davvero efficaci se non si possono offrire opportunità, cultura e amministratori onesti. 
Una vera utopia.
Certo è un brutto, bruttissimo momento e non ho voglia di feste... anche se gli auguri li ricambio con un lacerto di speranza. 
Un caro saluto. E grazie.
Marina Elettra… 
P:S: A  PROPOSITO DI FASCISTI: NON SO FARLO DA SOLA SU TWITTER O ALTRO. MA PROPONGO A CITTA' FUTURA E AI LETTORI DI LASCIARE ACCESA LA TV SUL DISCORSO DI NAPOLITANO, ANCHE SE NON SI E' A CASA.

Mamma...li Turchi


Il Premier turco, Recep Tayyip Erdogan, ha rivoluzionato il Governo, sostituendo dieci Ministri, per non farsi travolgere dallo scandalo della corruzione, che ha costretto alle dimissioni i titolari dei dicasteri dell’Interno, Economia ed Ambiente.
Figli dei tre ministri sono finiti in manette in una “tangentopoli”, legata a licenze edilizie in aree urbane, che finora ha portato all’arresto di oltre 50 persone.
Continua in:
Saluti ed Auguri,
Valerio.

Tutte le idee sono nobili e vanno rispettate finche' non danneggiano quelle altrui.


Franco Dell'Alba: credo che questo sia un buon posto per condividere quanto scrive questo mio amico dalla Nuova Zelanda
Tutte le idee sono nobili e vanno rispettate finche' non danneggiano quelle altrui.
Elementare Watson.
Purtroppo oggi ascoltiamo spesso opinioni altrui gia’ premasticate spacciate per idee personali.
Cari amici qui il nocciolo della questione pero' e' diverso dall’essere vegetariani o carnivori
E’ ben altro: ossia che diritto ha l’uomo di impossessarsi di miliardi e miliardi di esistenze di animali, di ingravidarli e nutrirli artificialmente schiavizzandoli per l’intera loro esistenza allo scopo di finale di macellarli con inaudita crudelta' SOLO per nutrirsene ?
Ha senso cioe’ credere che gli animali abbiano un “diritto naturale di vivere” e non unicamente di ingrassare ? e’ moralmente accettabile per un umano consapevole considerarli come banali contenitori semoventi di nutrimento privi di pensieri, sentimenti, sensazioni del dolore?
La mia idea e’ che gli animali siano come dei nostri fratelli minori con cui condividere questo meraviglioso mondo che ESISTE ANCHE PER LORO, sono esseri viventi e pensanti che amano e anelano alla liberta’ quanto o forse piu’ dei loro fratelli maggiori privi di pieta’ o di consapevolezza.
Sono piu’ di 50 anni che vivo da vegetariano e ringrazio ogni giorno per il privilegio di condividere insieme a tante bestie questo fantastico mondo. Da loro ho imparato moltissimo, fra cui quanto sia inappropriata nella catalogazione delle specie viventi la parola Sapiens a seguire quella di Homo.
Fiorenzo Peloso

Soggiorni ad Arte


2014 ● esposizioni > fino a 6 GENNAIO
LOCANDA DELL’ARTE ● DIMORA OSPITALE e MUSEO APERTO
carnet di viaggio 2013  ●  on-line sapori e sorprese  ●  fino al 6 gennaio 2014 dal 7 gennaio all’8 febbraio p.v. l’art-hotel è in pausa invernale nel frattempo prosegue la programmazione del CALENDARIO 2014
LOCANDA DELL’ARTE
hotel 4* ● spa ● ristorante ● galleria  via Asilo Manacorda 3 ● 15020 SOLONGHELLO, AL tel. (+39) 0142 944470 ● www.locandadellarte.it    
UFFICIO STAMPA : press@locandadellarte.it 
Maddalena L. M. Brunasti ● 0142 469245

lunedì 30 dicembre 2013

Non è esistito solo Aleramo …


Testo di Claudio Martinotti Doria Il Cavaliere di Monferrato
Novella di ambientazione medievale scoperta in un vecchio baule durante lo sgombero di una soffitta di un palazzo storico casalese…
In una luminosa giornata primaverile, ancora raffreddata da una leggera e fredda brezza, in un’epoca che successivamente verrà dagli storici definita Medioevo, sei cavalieri avanzavano appaiati su un largo e comodo sentiero nelle campagne francesi. Stavano avvicinandosi ad un borgo fortificato, dove avevano intenzione di sostare in una locanda per poi proseguire il viaggio riposati e ristorati.
In testa c’era colui che sembrava guidare il gruppetto, un Cavaliere di nobile lignaggio e di robusta costituzione, con un’età approssimativa di cinquant’anni, al suo fianco un giovane scudiero, e dietro quattro soldati di scorta che portavano diverse insegne araldiche, erano tutti veterani ed ognuno di loro aveva uno stendardo diverso, uno con raffigurato uno scudo a due colori, grigio e rosso, un altro metà bianco e metà nero, un altro riproduceva la sagoma di un albero con le folte radici fortemente radicate alla terra e con i rami che protendevano verso il cielo come a volerlo toccare, ed il quarto riproduceva una specie di numero otto coricato … non si era mai visto nulla di simile da quelle parti.
I colori vivaci e gradevoli delle loro vesti, i movimenti coordinati ed armoniosi delle cavalcature, l’andatura costante e fiera e la luminosità della giornata fornivano una suggestione particolare al drappello, che non poteva che destare vivo interesse negli abitanti del luogo.
Nel borgo si stava svolgendo il mercato e quindi erano molti gli spettatori affascinati di fronte ad un così impressionante spettacolo di armigeri e colori, che manifestarono molta curiosità ed una sequela infinita di commenti e

La storia del Monferrato con l’epopea dei Templari


Alcuni anni fa avevo scritto un racconto breve che cercasse di collegare la storia del Monferrato con l’epopea dei Templari, con l’intenzione di averlo a disposizione per eventuali utilizzi futuri come base per eventuali progetti culturali a scopo di rilancio turistico territoriale, se la sorte lo avesse consentito.
Venuto a conoscenza che la principale associazione medievalista italiana “Italia Medievale” organizzava un premio destinato ai racconti brevi ambientati nel medioevo ho pensato di contattarli, ma senza alcun intento di partecipazione, in quanto non mi interessano i premi e tanto meno le competizioni.
Il giorno successivo avevo già ricevuto risposta dallo staff di segreteria di Italia Medievale, riferendomi che il racconto era interessante e degno di pubblicazione nel loro sito, se li avessi autorizzati, a meno che preferissi partecipare al premio sopra accennato.
Pertanto chi fosse interessato a leggerlo lo potrà trovare al seguente link: http://www.italiamedievale.org/sito_acim/contributi/aleramo.html
Ne approfitto per informarvi che è in fase di pubblicazione su Casalenews un mio articolo di divulgazione storica e saggistica critica che metterà in relazione l’attuale epoca che stiamo vivendo, con particolare riferimento all’Italia, con il periodo della cosiddetta “cattività avignonese” che ha caratterizzato i tre quarti del ‘300, secolo nel corso del quale vi sono stati eventi climatici, tellurici, bellici ed epidemici apocalittici, incidendo profondamente sulla società dell’epoca.
Cav. Dott. Claudio S. Martinotti Doria    

Diamo l'addio agli anni del Sempre


L'incubo della gang di minorenni


Alessandria dissestata spera nel milleproroghe



10 TOP ANNO 2013


Post più popolari

Atm, "entro la primavera in arrivo i nuovi mezzi"


Alessandria | Dopo un anno di incertezze, a gennaio dovrebbe essere aperta la gara per l'acquisto dei nuovi mezzi cofinanziati dalla Regione Piemonte. Migliora anche la situazione dei debiti verso l'erario: Equitalia ha accordato la rateizzazione dei pagamenti Inps. "Ma restano i problemi di liquidità"

Morta dopo pranzo di Natale, si attende l'autopsia


Tortona | La novese Angelina Lucato, ospite nella residenza Lisino di Tortona, è venuta a mancare forse per le complicazioni dovute ad un'intossicazione che ha colpito, dopo il pranzo di Natale, diversi ospiti del ricovero. Intanto dall'Asl comunicano: "I pazienti ricoverati presso l'ospedale di Tortona sono stati sottoposti agli esami specifici per l'individuazione dell'agente patogeno responsabile dei sintomi"

La vecchia politica dei giovani quarantenni


by Pier Carlo Lava
Nelle imprese private i manager vengono assunti a seguito di attente valutazioni dei curriculum dei candidati, che tengono conto del merito, della professionalità e indipendentemente dall’eta, in pratica conta prevalentemente quanto di positivo realizzato nei precedenti incarichi. Così come periodicamente in tempi più o meno lunghi, in relazione ai risultati dell’impresa, possono essere sostituiti, ma sempre tenendo in considerazione gli stessi fattori. In politica, dove i termini professionalità, merito e competenza pare vengano considerati non indispensabili..., sino a poco tempo fa l’eta media della casta era decisamente alta, c’erano diversi casi che superavano i vent’anni, saldamente incollati alla poltrona da cui nessuno poteva schiodarli, anche grazie a leggi elettorali fatte ad personam, come ad esempio il porcellum che ha tolto ai cittadini la facoltà di scegliersi il candidato. Un motivo aggiuntivo ad altri più importanti che rendeva necessario un ricambio anche generazionale, che nelle ultime elezioni politiche sembrava fosse avvenuto, anche se in percentuali diverse fra le varie formazioni politiche, tra l’altro anche con l’inserimento di un buon numero di donne fatto anche questo inconsueto. 
Conseguentemente i cittadini si aspettavano un nuovo modo di fare politica, ma purtroppo la realtà dei fatti si è dimostrata completamente diversa, un esempio su tutti è il decreto legge chiamato Salva Roma (400 milioni di euro per evitare il fallimento della città), che il Governo ha ritirato subito dopo avere posto e ottenuto la fiducia, a

Degrado culturale e comportamenti incivili.


Alessandria: Al quartiere Borsalino, in via Don Giovine, cittadini incivili hanno depositato sacchetti di rifiuti davanti ai cassonetti vuoti.

IDV, rinuncia al fondo spettante e destina l’importo all'emergenza abitativa.


Questo è il testo integrale della comunicazione che ci è pervenuta e che pubblichiamo:
Alessandria: Gruppo Consiliare Italia dei Valori  Città di Alessandria.
Al Sindaco Al Vicesindaco Al Presidente del Consiglio Comunale Ai Vicepresidenti del Consiglio Comunale Ai Presidenti dei Gruppi Consiliari Alla Direzione Affari Generali
Lettera Aperta
Oggetto: rinuncia al Fondo spettante al Gruppo Consiliare Italia dei Valori nell'anno 2013 e richiesta di vincolo di destinazione dell'intero importo per far fronte all'emergenza abitativa sul territorio comunale.
Egregio Sindaco,
Con l'Ordine del Giorno n°7 del 18 dicembre 2013, presentato nella seduta del Consiglio Comunale in data 20 dicembre 2013, è stata resa nota la grave situazione nell'Ufficio di Emergenza Casa presso il Comune di Alessandria. Oltre 130 famiglie sono in graduatoria, ma ci sono solo 45 posti disponibili per l'assegnazione di alloggi. Inoltre, non deve essere dimenticato il problema dei crescenti sfratti per morosità incolpevole.
Durante la seduta consiliare del 20 dicembre, si è deciso di rinviare la discussione dell'argomento in un Consiglio Comunale Aperto da convocare nel più breve tempo possibile. Tale Consiglio non è stato ancora indetto, mentre la

"Auguriamo a tutti un 2014 sereno e nel rispetto di tutti gli esseri viventi e del Pianeta Terra"


Alessandria: Auguri dagli animalisti e foto di gruppo, sono molte le persone che hanno aiutato e contribuito a sostenere la campagna intitolata "Gli animali sono tutti  uguali", visibile anche con grandi poster da 6 metri per 3 in alcuni punti della città. Il poster della foto allegata si trova nella  rotatoria di Corso Romita con Via San Giovanni Bosco.
L'incontro è stato organizzato da AgireOra AL tra simpatizzanti, sostenitori e amici, seguito
da una merenda nel parco tra i partecipanti, con baci di dama e bomboloni alla crema, tutto vegan (v. foto allegata, con  baci di dama e bomboloni autoprodotti senza ingredienti di origine animale). 
Grazie e Buon Anno Nuovo.
Massimo Siri
AgireOra Alessandria